I diritti di chi ha una polizza vita secondo leggi 2021 attuali

Con la polizza vita, l'assicuratore si impegna a versare all'assicurato capitale o rendita se in vita alla scadenza o alla scadenza del contratto.

I diritti di chi ha una polizza vita sec

Polizza vita, quali sono i diritti chi l'ha sottoscritta?

Il principale diritto di chi sottoscrive una polizza vita è designare i beneficiari del contratto in caso di morte. Attore principale di un contratto di assicurazione sulla vita, il sottoscrittore è colui che versa i contributi o i premi alla compagnia di assicurazione e designa i beneficiari in caso di morte.

Il contratto delle polizze vita ha subito numerosi cambiamento nel tempo. Di conseguenza è fondamentale conoscere tutti i dettagli ovvero i diritti di ha sottoscritto un'assicurazione di questo tipo. Un contratto di assicurazione sulla vita si compone di tre parti.

C'è l'assicuratore che è il rappresentante legale che impegna la compagnia di assicurazione a rispettare i termini del contratto di assicurazione sulla vita. C'è il beneficiario del contratto che è il designato dal sottoscrittore ovvero il destinatario del pagamento del capitale in euro al termine del contratto. E c'è il sottoscrittore del contratto che designa il beneficiario, versa i premi e definisce l'evento che risolverà il suo contratto. Vediamo quindi:

  • Polizza vita, quali sono i diritti chi l'ha sottoscritta

  • Diritti dell'assicurato in base alla polizza vita 2021

Polizza vita, quali sono i diritti chi l'ha sottoscritta

Il principale diritto di chi sottoscrive una polizza vita è designare i beneficiari del contratto in caso di morte. Attore principale di un contratto di assicurazione sulla vita, il sottoscrittore è colui che versa i contributi o i premi alla compagnia di assicurazione e designa i beneficiari in caso di morte che, al momento opportuno, riceveranno il capitale. Considerata l'importanza talvolta notevole delle somme in gioco, il sottoscrittore deve possedere la capacità giuridica per compiere tale atto.

Gli adulti dovrebbero avere questa capacità, ma quelli con lucidità insufficiente devono essere assistiti o rappresentati. Questo è particolarmente vero per le persone sotto tutela o tutela e, naturalmente, per i minori non emancipati. I tutori o curatori (nominati dal consiglio di famiglia) devono poi essere presenti alla firma del contratto.

Queste cautele non sono inutili, perché se non vengono rispettate le forme giuridiche, al momento del decesso, gli eredi riservati possono avere interesse a chiedere la risoluzione del contratto, soprattutto se tra i beneficiari vi sono estranei alla famiglia. E in questo caso, il contratto può essere reintegrato nell'eredità.

Qualunque sia la modalità di vendita, chi ha sottoscritta una polizza vita può esercitare il diritto di recesso entro 30 giorni. Il termine inizia a decorrere dal momento in cui il sottoscrittore è stato informato della conclusione del contratto. Il diritto di recesso deve essere esercitato mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento inviata al proprio assicuratore. Un modello di lettera di rinuncia è incluso nei documenti informativi precontrattuali che devono essere presentati prima della conclusione del contratto.

Il diritto di recesso può essere esercitato oltre i 30 giorni se l'assicuratore non ha fornito tutti i documenti e le informazioni precontrattuali previste dalla normativa. In tal caso la rinuncia è possibile fino al trentesimo giorno successivo all'effettiva consegna di tali documenti, entro il limite di 8 anni dalla data in cui il sottoscrittore è informato della conclusione del contratto.

Quando si esercita il diritto di recesso, l'assicuratore deve restituire tutte le somme pagate al contratto entro un termine massimo di 30 giorni di calendario dal ricevimento della raccomandata. Se le somme non vengono restituite entro questo termine di trenta giorni, l'assicuratore deve pagare gli interessi.

Diritti dell'assicurato in base alla polizza vita 2021

Con la polizza vita, l'assicuratore si impegna a versare all'assicurato capitale o rendita se in vita alla scadenza o alla scadenza del contratto. Se lo scopo dell'assicurazione è il pagamento di una rendita, si tratta principalmente di un contratto di previdenza complementare. Se lo scopo dell'assicurazione è il pagamento di un capitale, la regola è semplice: l'assicuratore consegna il capitale se l'assicurato è in vita ad una data determinata al momento della sottoscrizione.

Se l'assicurato muore prima della data stabilita, i fondi sono persi. Per limitare questo scenario, l'assicurato potrebbe dover stipulare una terza categoria di contratto assicurativo: l'assicurazione mista. Questo tipo di contratto combina due garanzie: una garanzia in caso di vita e una garanzia in caso di morte.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il