Idrogeno è il futuro, diventerà come l'elettrico. Scenari e previsioni esperti

L'idrogeno ha un grande potenziale come mezzo per ridurre la dipendenza da fonti energetiche importate come il petrolio.

Idrogeno è il futuro, diventerà come l&#

Idrogeno sarà come l'elettrico in futuro?

In futuro, l'idrogeno si unirà all'elettricità come importante vettore energetico poiché può essere prodotto in sicurezza da fonti energetiche rinnovabili ed è praticamente non inquinante.

L'idrogeno è uno degli elementi più abbondanti, ma non si trova naturalmente sulla Terra. L'idrogeno gassoso è più leggero dell'aria e di conseguenza sale nell'atmosfera. L'idrogeno naturale è sempre associato ad altri elementi in forma composta come acqua, carbone e petrolio.

Tuttavia ha il più alto contenuto di energia di qualsiasi carburante comune ed è l'elemento più leggero. Di conseguenza i potenziali campi di applicazione sono numerosi, fino al punto da ipotizzare un futuro di successo al pari di quello dell'elettrico.

L'idrogeno è considerato una fonte secondaria di energia, comunemente indicata come vettore energetico. Uno di quelli da utilizzare per spostare, immagazzinare e fornire energia in una forma che può essere facilmente utilizzata. L'elettricità è l'esempio più noto di vettore energetico. Vediamo quindi:

  • Idrogeno sarà come l'elettrico in futuro
  • Scenari e previsioni esperti sull'idrogeno

Idrogeno sarà come l'elettrico in futuro

L'idrogeno come importante vettore energetico per il futuro ha una serie di vantaggi. Ad esempio, un grande volume di idrogeno può essere facilmente immagazzinato in diversi modi.

L'idrogeno è anche considerato un combustibile ad alta efficienza e poco inquinante che può essere utilizzato per il trasporto, il riscaldamento e la generazione di energia in luoghi in cui è difficile utilizzare l'elettricità. In alcuni casi, è più economico spedire l'idrogeno tramite condotte che inviare elettricità su lunghe distanze via cavo.

Attualmente, l'idrogeno è utilizzato principalmente come carburante nel programma spaziale della Nasa. L'idrogeno liquido viene utilizzato per spingere lo space shuttle e altri razzi, mentre le celle a combustibile a idrogeno alimentano i sistemi elettrici.

L'idrogeno viene anche utilizzato in agricoltura per creare fertilizzanti e per produrre cicloesano e metanolo, sostanze utilizzate nella produzione di plastica e prodotti farmaceutici. Anche i processi di raffinazione del petrolio fanno uso di gas idrogeno.

L'idrogeno ha un grande potenziale come mezzo per ridurre la dipendenza da fonti energetiche importate come il petrolio. Ma, prima che l'idrogeno possa svolgere un ruolo energetico più importante e diventare un'alternativa ampiamente utilizzata alla benzina, devono essere costruiti molti nuovi impianti e sistemi.

Scenari e previsioni esperti sull'idrogeno

L'impatto dell'idrogeno prodotto da fonti rinnovabili sullo sviluppo del Paese è stato al centro del dibattito promosso dal Sole 24 Ore nel corso dell'evento digitale "La strategia sull'idrogeno e la transizione energetica. Prospettive e opportunità per un'Italia green". Di seguito alcune dei principali punti di vista espressi in occasione di questo appunto.

Secondo Clara Poletti, Commissario di Arera e presidente del Board dei Regolatori dell’Agenzia europea per la cooperazione dei regolatori dell’energia (Acer), bisogna superare la dimensione per compartimenti ma promuovere una visione orizzontale e di filiera. Dal punto di vista regolatorio è una novità e a suo dire va fatto nascere un cambiamento di domanda accompagnandolo con una nuova offerta. Ma va integrata anche l’offerta di energia elettrica con i gas: vanno evitate misure inefficienti che guardano a un solo vettore isolato. Gli impianti sono connessi: gli incentivi a bocca di elettrolizzatore non è proponibile. Vanno inoltre valorizzate, dove possibile le infrastrutture esistenti, ma va salvaguardata la neutralità degli operatori di rete.

Per Ugo Salerno, chairman & ceo Rina, l’idrogeno gioca un ruolo fondamentale. Una delle tecnologie già testate prevede l’utilizzo dell'ammoniaca, sistema efficace per trasportare l’idrogeno. Lo stesso potrà poi essere utilizzato eventualmente in celle a combustibile installate sulle navi. Le tecnologie sono tante, vanno seguite tutte e vedere quali sono le più promettenti.

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha auspicato l'estensione il più possibile questa sperimentazione per renderle il più possibile fruibile questa opportunità.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il