Il benessere dei dipendenti è fondamentale per il successo di una azienda. Mai un costo

Ci sono due prospettive teoriche che spiegano come il benessere individuale e le prestazioni sul lavoro siano modellate da fattori organizzativi.

Il benessere dei dipendenti è fondamenta

Il successo dell'azienda dipende dal benessere dei dipendenti?

Secondo alcune visione del mondo del lavoro esiste un legame stretto legame tra il successo di un'azienda e il benessere dei lavoratori. In termini pratici significa che tutte le azioni che vanno in questa direzione vanno considerati investimenti e non costi sia che si tratta di salute fisica che psicologica.

Il successo di un'azienda dipende anche dal benessere dei lavoratori? Certamente sì, ma il punto è capire fino a che punto la salute dei dipendenti influenzi quella dell'impresa nel suo complesso.

Questo decennio sarà ricordato come un'era di drammatici cambiamenti per i lavoratori. In mezzo alla trasformazione digitale in corso che ha rimodellato il posto di lavoro negli ultimi dieci anni, molti dipendenti hanno imparato nuovi modi per svolgere il proprio lavoro in poco tempo, a distanza, 24 ore su 24 o affrontando rischi finanziari o per la sicurezza che non hanno mai immaginavano che avrebbero dovuto affrontare.

Alcuni dei cambiamenti sconvolgenti causati dalla pandemia globale fanno ora parte del contratto sociale che le organizzazioni hanno con i loro lavoratori: una comprensione non scritta che il benessere della forza lavoro è essenziale non solo per i singoli lavoratori ma anche per il successo dell'intera azienda. Che non prescinde dall'aspetto economico.

Una giusta ricompensa per le competenze e l'impegno forniti favorisce la percezione del benessere. Se tutti sono pagati in proporzione a ciò che danno si crea benessere. Come dire, una giusta retribuzione significa sentirsi apprezzati e riconosciuti. Vediamo nel dettaglio

  • Successo dell'azienda dipende dal benessere dei dipendenti
  • Il benessere dei dipendenti fisico e mentale non è un costo

Successo dell'azienda dipende dal benessere dei dipendenti

Il benessere sul posto di lavoro è considerato da molti autori il risultato dell'interazione tra le caratteristiche individuali e quelle dell'ambiente lavorativo e organizzativo. Ci sono due prospettive teoriche che spiegano come il benessere individuale e le prestazioni sul lavoro siano modellate da fattori organizzativi.

Il primo si basa sul modello di domanda di lavoro-risorse, secondo cui il benessere psicologico e le prestazioni lavorative saranno influenzati negativamente se un lavoro o un ambiente di lavoro impone troppe sfide o troppo poche.

Le organizzazioni che promuovono il benessere aziendale forniscono quindi il giusto equilibrio per promuovere sfide lavorative positive senza travolgere gli individui in termini di richieste. La seconda prospettiva attinge alla letteratura dal campo della psicologia positiva per sostenere che stati emotivi positivi, relazioni e valutazioni fanno la differenza. I programmi di benessere sono più popolari che mai.

Hanno iniziato come vantaggi per i dipendenti per le grandi aziende. Oggi sono comuni sia alle medie sia alle piccole imprese e fanno ormai regolarmente parte di un pacchetto di vantaggi aziendali.

Se implementati correttamente, offrono ai dipendenti incentivi, strumenti, supporto sociale, privacy e strategie per adottare e mantenere comportamenti sani. Riconoscere gli aspetti unificanti piuttosto che quelli che dividono e apprezzare le differenze sono esempi di forme di relazione perseguite in nome di un bene comune.

Il benessere dei dipendenti fisico e mentale non è un costo

La teoria prevalente sottolinea lo stretto legame esistente tra il successo di un'azienda e il benessere dei lavoratori. In termini pratici significa che tutte le azioni che vanno in questa direzione vanno considerate investimenti e non costi sia che si tratta di salute fisica che psicologica.

Il fulcro di ogni buon programma di benessere è il cambiamento del comportamento. Con la giusta istruzione, abilità, motivazione, abilità, strumenti e supporto sociale, le persone cambiano i comportamenti e aiutano i lavoratori ad adottare e mantenere comportamenti sani. Questo è forse il più grande vantaggio.

Comportamenti sani portano a minori rischi per la salute e minori rischi per la salute portano a meno malattie croniche. Con meno malattie croniche i dipendenti hanno minori costi sanitari. Il benessere sul posto di lavoro dipende dalla chiarezza e dal rispetto dei limiti di ruolo per evitare duplicazioni e attriti. In altre parole, la capacità di ridurre le sovrapposizioni e i conflitti promuove l'accettazione e il benessere reciproci.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il