Impianti di cogenerazione: quanto fanno risparmiare?

Perché la cogenerazione fa risparmiare? Quali benefici apporta un impianto di cogenerazione?

Impianti di cogenerazione: quanto fanno risparmiare?

Che cos’è la cogenerazione?

La cogenerazione rappresenta quell’evoluzione della produzione di energia elettrica combinata al calore.
Di solito circa il 40% dell’energia trasmessa attraverso il processo di combustione dei motori si muta in  elettricità, mentre circa il 60%, rappresenta la parte di calore che si disperde nell’ambiente circostante senza apportare alcun utilità. Il processo di cogenerazione consente di sfruttare tutta l’energia senza lasciare niente come inutilizzato.

Gli impianti di cogenerazione, rappresentano la giusta strada da percorrere per raggiungere alti livelli di ecologia compatibile. Sono impianti a bassa emissione di CO2, quindi con minor danni per ambiente.

Impianti di cogenerazione: quanto fanno risparmiare?

Installare un sistema di cogenerazione, significa usufruire di un impianto di riscaldamento, combinato con la produzione di energia elettrica, questo perché l’impianto per generare energia elettrica, emette calore che non si spreca né si disperde inutilmente. È una politica ecologica molto importante per utilizzare le risorse combustibili, in quanto si produce non una sola efficienza energetica ma diverse, quali:

  • energia elettrica;
  • energia per riscaldare;
  • acqua calda e vapore.

Impianti di cogenerazione: la realtà italiana

Nel nostro Paese gli impianti di cogenerazione sono presenti dagli anni 70, l’industria italiana ha colto subito la capacità di questo impianto, tanto da beneficiarne direttamente. Ecco perché è nata in Italia la cogenerazione industriale, e oggi rappresenta una realtà concreta e tangibile, tanto è vero che la realtà del 70 trova la sua efficacia nei giorni nostri.

Se pur vero, che i costi per la realizzazione di tale impianto sono abbastanza notevoli, il beneficio che se ne ricava non è solo ambientale, ma è rivolto a tutta la comunità intesa in termine di Paese. Una scelta sostenibile implica la realizzazione di progetti precisi basandosi sull’incremento economico aziendale, senza tralasciare il fattore ambientale. Resta da considerare, che se da un lato i finanziamenti per la realizzazione di questi tipi d'impianti sono economicamente elevati, dall’altro lato recuperando tutta l’energia senza alcuna dispersione si rientra in modo celere nell’investimento sovvenzionato.  

Impianti di cogenerazione: i vantaggi per le aziende

Riassumendo in breve, la cogenerazione ottiene il massimo rendimento dall’energia, i vantaggi prodotti dallo sfruttamento del processo di cogenerazione sono diversi, quali:

  • un netto risparmio economico dovuto al ridotto consumo del combustibile impiegato;
  • una diminuzione dei fattori inquinanti, parliamo di una netta riduzione d'inquinamento atmosferico attraverso l’emissione di CO2 e nello stesso tempo di una riduzione della contaminazione termica;
  • riduzione delle perdite di energia durante le fasi di trasmissione e distribuzione;
  • accesso alle agevolazioni per la realizzazione degli impianti di cogenerazione;
  • un sistema che va a rimpiazzare le vecchie forniture di calore, come ad esempio le caldaie sostituendole con impianti della massima efficienza ecc.

Le aziende adottano ben volentieri questo tipo d'impianto per tre motivi, quali:

  1. abbattimento dei costi energetici;
  2. riduzione dei costi fiscali, usufruendo di svariate agevolazioni;
  3. rivalutazione dell’immagine aziendale, attraverso l’attuazione di piani ecologicamente compatibili ecc.

Resta da considerare che un impianto di cogenerazione può essere installato anche in un ambiente domestico usufruendo delle agevolazioni fiscali previste nell’Ecobonus 2018, per l’adozione di energia rinnovabile.

Autore: Antonella Tortora
pubblicato il