Imu e Tari 2022 esenzioni e agevolazioni su terreni agricoli, boschivi, edificabili aggiornate

Quali sono le esenzioni previste per pagamenti di Imu e Tari sui terreni e criteri per usufruirne: cosa prevedono leggi in vigore

Imu e Tari 2022 esenzioni e agevolazioni

Ci sono esenzioni e agevolazioni per pagamento di Imu e Tari 2022 su terreni agricoli, boschivi ed edificabili?

Le leggi in vigore prevedono norme specifiche sul pagamento di Imu e Tari sui rifiuti sui terreni agricoli, boschivi ed edificabili, esentando del tutto i terreni agricoli, e boschivi se ubicati in determinate zone, dal pagamento dell’Imu e i terreni agricoli anche dal pagamento della Tari. Sono invece dovute le imposte sui terreni edificabili. 
 

Le leggi in vigore relative a regole e pagamento delle imposte di Imu e Tari sono molto chiare e prevedono l’obbligo di pagamento di entrambe le imposte da parte di tutti i cittadini per cui sussistono i relativi presupposti impositivi.

L’Imu deve essere pagata dai tutti i proprietari di immobili di qualsiasi genere, da case a immobili commerciali, terreni e di altre tipologie ad eccezione della sola prima casa considerata abitazione principale e relative pertinenze.

La Tari, imposta sui rifiuti, deve essere pagata da ogni soggetto che occupa a qualsiasi titolo, e quindi proprietari, inquilini di casa in affitto, comodatari, usufruttuari, ecc, immobile o altra area suscettibile di produrre rifiuti e sono decisamente pochi i casi in cui si può essere esenti dal pagamento della Tari sui rifiuti. Vediamo di seguito se ci sono e quali sono esenzioni e agevolazioni per pagamenti di Imu e Tari 2022 su terreni agricoli, boschivi ed edificabili?

  • Imu 2022 esenzioni e agevolazioni su terreni agricoli, boschivi ed edificabili
  • Esenzioni e agevolazioni Tari rifiuti su terreni agricoli, boschivi ed edificabili 

Imu 2022 esenzioni e agevolazioni su terreni agricoli, boschivi ed edificabili

Il pagamento dell’Imu sui terreni è stato per anni oggetto di diverse discussioni e modifiche normative, fino a quando, nel 2016, non si è arrivati a stabilire la totale esenzione dal pagamento dell’Imu per terreni agricoli rispondenti a specifiche condizioni, requisiti e anche ubicazioni. 

In particolare, stando a quanto previsto dalle leggi in vigore sono esenti dal pagamento dell’Imu i seguenti terreni:

  • terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola, comprese le società agricole e indipendentemente dalla loro ubicazione;
  • terreni agricoli ubicati nei comuni delle isole minori;
  • terreni agricoli a immutabile destinazione agrosilvo- pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile;
  • terreni agricoli o boschivi ubicati in aree montane o di collina classificati secondo i criteri di legge.

Tutti gli altri terreni che non rientrato in queste esenzioni sono soggetti all’obbligo di pagamento dell’Imu, a partire dai terreni edificabili, e per il calcolo Imu sui terreni agricoli si deve considerare il coefficiente di rivalutazione del 25% e il moltiplicatore è 135.

Il calcolo dell'imponibile è, dunque, dato dal risultato di reddito dominicale moltiplicato per 1,25 per 135 e al risultato che si ottiene bisogna applica l'aliquota deliberata da ogni singolo Comune.

Con particolare riferimento ai terreni edificabili, invece, la base imponibile è costituita dal valore venale in comune commercio al primo gennaio dell’anno di imposizione o dal momento dall’adozione di specifici strumenti urbanistici e alla luce di:

  • zona territoriale di ubicazione;
  • destinazione d’uso permessa;
  • indice di edificabilità;
  • oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione;
  • prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche.

Esenzioni e agevolazioni Tari rifiuti su terreni agricoli, boschivi ed edificabili 

Stando a quanto previsto dalle leggi in vigore, i terreni agricoli sono del tutto esenti anche dal pagamento dell’imposta Tari sui rifiuti, pur avendo provato diversi comuni italiani a far pagare l’imposta anche ai terreni. 

La Tari sui terreni agricoli è, infatti, considerata illegittima, così come non si paga la Tari su tutti i terreni che non siano suscettibili di produrre rifiuti. Ne sono esclusi i terreni edificabili. 





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il