In quanto tempo sblocco libretto postale in caso di successione ed ereditÓ. I tempi medi

Poste sblocca un libretto postale per successione ed ereditÓ generalmente in tre mesi ma la legge prevede altri tempi: come fare

In quanto tempo sblocco libretto postale in caso di successione ed ereditÓ. I tempi medi

In quanto tempo Posta liquida agli eredi i soldi su un libretto postale?

Se una persona titolare di un libretto postale decede, stando a quanto previsto dal Codice Civile, lo sblocco di un libretto postale agli eredi deve avvenire entro un massimo di sei mesi dal momento dell’apertura della successione per la liquidazione dei i soldi agli eredi, ma i tempi medi di Poste per lo sblocco di un libretto postale in caso di successione ed eredità è di due-tre mesi.

In quanto tempo Poste sblocca il libretto postale in caso di successione ed eredità? Alla scomparsa di un familiare, gli eredi devono occuparsi di una serie di pratiche burocratiche per la successione dell’eredità. Si tratta di pratiche che non devono obbligatoriamente essere svolte subito ma comunque entro un determinato periodo di tempo. Vediamo quali sono i tempi delle Poste per la liquidazione dei soldi agli eredi di libretti postali.

  • Tempi medi Poste Italiane sblocca soldi libretto postale successione ed eredità
  • Come chiedere a Poste sblocco libretto postale

Tempi medi Poste Italiane sblocca soldi libretto postale successione ed eredità

Quando un familiare scompare, banche e Poste bloccano subito i prodotti finanziarie di cui il defunto è titolare, da conti correnti a fondi e libretti postali, e si tratta di una pratica volta soprattutto alla tutela del patrimonio del defunto che tocca agli eredi e in parti definite ed evitare alla banca di ritrovarsi in situazioni spiacevoli se un erede piuttosto che un altro quando ancora nulla è bloccato preleva soldi da conti o libretto del defunto senza dare notizia agli altri eredi.

Una volta, dunque, comunicata la scomparsa di una persona, Poste Italiane blocca i libretti postali da essa detenuti anche nel caso in cui si tratta di un libretto postale cointestato. Una volta bloccato il libretto è la stessa Posta che avvisa l’erede o gli eredi e comunica che il blocco ci sarà fino a quando alla stessa Posta non viene presentata la dichiarazione di successione per l’eredità.

Stando a quanto stabilito dal Codice Civile, lo sblocco di un libretto postale agli eredi per successione ed eredità deve avvenire entro un tempo massimo di sei mesi dal momento dell’apertura della successione. Ma generalmente si tratta di una operazione che avviene in media in due-tre mesi.

Come chiedere a Poste sblocco libretto postale

In ogni caso, il tempo di sblocco del libretto postale agli eredi per successione ed eredità dipende principalmente da quando gli eredi presentano la dichiarazione di successione. La procedura per richiedere lo sblocco di un libretto postale dipende, infatti, dalla presentazione della dichiarazione di successione e implica i seguenti passaggi:

  • comunicazione a Poste Italiane della scomparsa dell’intestatario del libretto postale;
  • invio del certificato di morte rilasciato dal medico;
  • invio della copia della dichiarazione di successione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate e che riporta erede o eredi del defunto
  • compilare tutta la documentazione richiesta dalle Poste;
  • chiudere ogni rapporto finanziario contrattuale del defunto.

Una volta eseguiti tutti questi passaggi, Poste Italiane controlla e verifica che informazioni e documenti presentati siano corretti e sblocca e liquida poi i soldi del libretto postale di un defunto all’erede o agli eredi.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie