Indennità di disoccupazione contratto chiamata 2021, quali aiuti si possono richiedere

Indennità di disoccupazione contratto chiamata 2021, quali aiuti si possono richiedere

Indennità di disoccupazione contratto ch

Quali aiuti si possono richiedere se resto disoccupato dopo contratto a chiamata 2021?

I lavoratori con contratto a chiamata 2021 al termine della prestazione di lavoro se restano senza occupazione possono chiedere l’indennità di disoccupazione Naspi o avere diritto al reddito di cittadinanza a condizione di soddisfare i relativi requisiti richiesti.

Quali aiuti si possono richiedere se resto disoccupato dopo contratto a chiamata 2021? Il contratto a chiamata è una tipologia contrattuale di lavoro subordinato che consente al lavoratore di mettersi a disposizione del datore di lavoro per svolgere prestazioni di carattere discontinuo o intermittente ogni qualvolta il datore di lavoro ne abbia bisogno. Si tratta, dunque, di un contratto valido per lavori a tempo per cui spesso ci si chiede quali sono gli aiuti disponibili per la disoccupazione di un lavoratore con contratto a chiamata 2021.

  • Indennità di disoccupazione contratto chiamata 2021 Naspi
  • Indennità di disoccupazione contratto chiamata 2021 Reddito di Cittadinanza
  • Tfr e Liquidazione con contratto a chiamata 2021

Indennità di disoccupazione contratto chiamata 2021 Naspi

Chi ha un contratto a chiamata e viene licenziato può accedere alla indennità di disoccupazione Naspi. Considerando che il lavoro a chiamata si svolge tramite contratto che presuppone un rapporto di lavoro dipendente, quando termina per licenziamento permette di richiedere la Naspi erogata dall’Inps che prevede durata e importo da corrispondere al lavoratore in base al tempo di durata del lavoro effettivamente svolto.

Ma non solo: se un lavoratore perde involontariamente un lavoro dipendente, ha diritto alla Naspi anche se riceve una proposta di contratto a chiamata durante il periodo in cui percepisce l’indennità di disoccupazione ma solo il reddito derivate da tale occupazione rientra nel limite di 8 mila euro dall’anno.

Indennità di disoccupazione contratto chiamata 2021 Reddito di Cittadinanza

Tra gli aiuti che si possono richiedere al termine di un contratto a chiamata o pur avendolo in corso c’è il reddito di cittadinanza: per percepire il reddito di cittadinanza basta soddisfare i requisiti richiesti e inviare apposita richiesta, mentre per continuare a percepirlo se si intraprendere un lavoro con contratto a chiamata quando già si è precettori, bisogna inviare apposita comunicazione all’Inps entro 30 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa tramite modulo SR181 Com-Esteso e indicando di che lavoro si tratta.

E solo una volta ricevuta la comunicazione, l’Inps valuta se l’inizio di una nuova attività lavorativa da parte di uno o più componenti permette ancora di percepire il reddito di cittadinanza o meno.

Tfr e Liquidazione con contratto a chiamata 2021

Se Naspi e reddito di cittadinanza sono disponibili come aiuti nel caso di disoccupazione di chiude un contratto a chiamata, è bene sapere che anche i lavoratori con contratto a chiamata al momento della cessazione del rapporto di lavoro hanno diritto a Tfr e Liquidazione.

Essendo, infatti, il contratto a chiamata un lavoro dipendente a tutti gli effetti, come per tutte le tipologie di lavoro, prevede anche l’erogazione del Tfr al termine dell’attività lavorativa e in tal caso l’importo spettante è calcolato in base alle ore effettivamente lavorate durante il rapporto lavorativo.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il