Infortunio Co.Co.Co sul lavoro 2019, diritti e tutele per lavoratore

I diritti dei lavoratori Co.Co.Co nei casi di infortuni sul lavoro: quali sono le regole in vigore, indennitÓ previste e importi

Infortunio Co.Co.Co sul lavoro 2019, diritti e tutele per lavoratore

Quali sono i diritti dei lavoratori Co.Co.Co nei casi di infortuni sul lavoro?

Per i lavoratori Co.Co.Co con contratti di collaborazione continuativa valgono le stesse coperture assicurative per infortuni sul lavoro e malattie professionali, tabellate e non, valide per i lavoratori dipendenti e ricevono le stesse prestazioni da parte dell’Inail nei casi di eventi riconducibili a rischi lavorativi.

 

Chi paga e quanto paga un lavoratore co.co.co quando si fa male sul lavoro secondo le leggi e regole 2019 in vigore spiegate dall'Inail? Quando un lavoratore dipendente è vittima di un infortunio sul lavoro che non gli permette di svolgere la sua normale attività per qualche tempo, il datore di lavoro denuncia l’accaduto all’Inail che paga il lavoratore dipendente. Ma quali sono i diritti dei lavoratori Co.Co.Co nei casi di infortunio sul lavoro?

  • Qual è la procedura per denuncia di infortunio sul lavoro?
  • Quali sono le prestazioni pagate dall’Inail per infortunio sul lavoro?
  • Quali sono le tutele previste nei casi di infortunio sul lavoro 2019 per lavoratori Co.Co.Co?
  • A quanto ammonta l’indennità Inail per infortuni su lavoro di lavoratore Co.Co.Co?

Infortunio sul lavoro: procedura per denunciare accaduto

L’infortunio sul lavoro si verifica si verifica quando un lavoratore riporta una lesione o altro trauma durante l’orario lavorativo causata da un evento violento che può provocare inabilità al lavoro, temporanea o permanente, superiore ai 3 giorni.

In caso di infortunio sul lavoro, il lavoratore deve subito denunciare l’incidente al datore di lavoro, recarsi andare al Pronto Soccorso per una visita e per farsi rilasciare il certificato medico deve essere trasmesso al datore di lavoro. Quest’ultimo, dal canto suo, deve inviare in via telematica il modello di denuncia dell’infortunio sul lavoro all’Inail se la prognosi sia superiore ai 3 giorni.

E’ bene precisare che per gli infortuni mortali o con prognosi eccedente i trenta giorni l’azienda deve denunciare l’accaduto all’autorità locale di pubblica sicurezza del comune in cui è avvenuto l’incidente sul lavoro.


Quali sono le prestazioni pagate dall’Inail per infortunio sul lavoro

L’Inail eroga prestazioni economiche per coprire i giorni di assenza del dipendente dal lavoro a causa di infortunio sul lavoro non retribuito dall’azienda e assicura anche ulteriori prestazioni sanitarie gratuite per eventuali postumi dell’infortunio. Per esempio, garantisce gratuitamente o rimborsa protesi acquistate o apparecchi necessari per ridurre l’inabilità al lavoro.

La copertura economica per il lavoratore che si assenta dal lavoro viene divisa tra azienda e Inail. Stando a quanto previsto dalle regole:

  • il pagamento è interamente a carico dell’azienda per il giorno in cui si verifica l’infortunio;
  • il pagamento è interamente a carico dell’azienda  per i tre giorni successivi quello dell’evento;
  • il pagamento è a carico dell’Inail a partire dal quarto giorno successivo quello dell’infortunio fino al giorno di rientro al lavoro.

L’indennità viene calcolata in percentuale alla Retribuzione media giornaliera del dipendente ed è:

  • del 60% della Retribuzione media giornaliera per i giorni di assenza dal quarto al 90esimo;
  • del 75% della Retribuzione media giornaliera per i giorni di assenza dal 91esimo e fino alla guarigione.

Per beneficiare di prestazioni e copertura assicurativa da parte dell’Inail ogni evento di infortunio sul lavoro deve essere tempestivamente comunicato dall’azienda all’Istituto stesso.

Infortunio Co.Co.Co sul lavoro: diritti e tutele per lavoratore

Con particolare riferimento ai lavoratori Co.Co.Co con contratto di collaborazione continuativa, nei casi di infortunio di lavoro, così come di malattia, il contratto viene temporaneamente sospeso ma non estinto e, a meno che non vi siano accordi differenti tra datore di lavoro e lavoratore, la sospensione non implica la proroga del contratto.

Anche ai lavoratori con contratto di collaborazione continuativa, come stabilito dalle regole in vigore, prevedono la tutela assicurativa Inail in base a diverse categorie che sono:

  • collaboratori coordinati e continuativi, con e senza progetto;
  • collaboratori di giornali, riviste, enciclopedie e simili, che svolgono mansioni che non rientrano nella disciplina del diritto d’autore;
  • sindaci, amministratori, revisori di società, associazioni e altri enti con o senza personalità giuridica;
  • partecipanti a collegi e commissioni, se tali attività sono fuori dalle funzioni generalmente svolte.

Anche per i lavoratori Co.Co.Co valgono, dunque, le coperture assicurative per infortuni sul lavoro e malattie professionali, tabellate e non, e ricevono le dovute prestazioni da parte dell’Inail nei casi di eventi riconducibili a rischi lavorativi.

Le prestazioni Inail a favore del lavoratore Co.Co.Co scattano se è vittima di un infortunio indennizzabile, per causa violenta, lavoro, inabilità come conseguenza, o se contrae una malattia professionale, e il lavoratore Co.Co.Co gode degli stessi diritti che ogni lavoratore dipendente ha a percepire la relativa indennità economica per inabilità temporanea o assoluta al lavoro, nei giorni di assenza dal lavoro.

Indennità per infortunio sul lavoro per lavoratore Co.Co.Co: a quanto ammonta

Per quanto riguarda l’ammontare della prestazione Inail per infortunio sul lavoro Co.Co.Co a favore del lavoratore con contratto di collaborazione continuativa, l’indennità è pari al:

  • 60% della retribuzione media percepita nei 15 giorni precedenti l’infortunio per i primi 90 giorni di inabilità temporanea;
  • 75% della retribuzione media percepita nei 15 precedenti l’infortunio dal 91esimo giorno e, a tempo indeterminato, fino alla guarigione clinica o alla stabilizzazione degli eventuali postumi permanenti, anche se il collaboratore non svolge più l’attività di collaborazione per contratto scaduto.

Se l’infortunio sul lavoro o la malattia professionale hanno causato un grado d’inabilità permanente superiore al 5%, il lavoratore Co.Co.Co ha diritto a percepire anche l’indennizzo del danno biologico, sempre a carico dell’Inail.

Nel caso di danno biologico, per inabilità dal 6% al 15% viene erogato un indennizzo in capitale una tantum, mentre per inabilità superiore al 15% viene erogata una rendita vitalizia a favore del lavoratore.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie