La caparra pagata per un albergo deve essere sempre restituita o no secondo leggi 2021

Restituzione della caparra pagata per un albergo solo in casi emergenziali e per sopravvenuta impossibilità: leggi in vigore e regole

La caparra pagata per un albergo deve es

La caparra pagata per un albergo deve essere sempre restituita?

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, se si versa la caparra per la prenotazione di un albergo e non ci si può più recare per impossibilità sopravvenuta, come nel caso dell’emergenza Covid-19 che stiamo vivendo, allora la caparra deve essere sempre restituita dall’albergatore al cliente. Ma quando un cliente versa la caparra per la prenotazione di un albergo e non vi si reca più, in una situazione non emergenziale, non ha sempre diritto alla restituzione della caparra versata.

La caparra pagata per un albergo deve essere sempre restituita? L’emergenza scatenata dalla diffusione del covid-19 nell’ultimo anno ha decisamente cambiato le regole per quanto riguarda prenotazioni e versamenti di caparre per alberghi, permettendo ai consumatori di poter sempre richiedere la caparra eventualmente versata. Vediamo cosa prevedono le leggi 2021 su versamenti e restituzione di caparre versate per un albergo.

  • La caparra pagata per un albergo deve essere sempre restituita o no
  • Quando caparra pagata per un albergo può non essere restituita 

La caparra pagata per un albergo deve essere sempre restituita o no

Le leggi 2021 relative a pagamenti e restituzioni di caparre versate per un albergo sono state riviste a seguito dell’emergenza coronavirus che ha cambiato nell’ultimo anno il volto del settore turistico e alberghiero, decisamente in negativo. Le leggi 2021 relative al pagamento di una caparra per un albergo prevedono che l'albergo non possa mai rifiutarsi di restituire al cliente quanto pagato di caparra. 

Se, infatti, non è possibile adempiere alla prestazione, l'albergo non può richiedere il pagamento e deve restituire quanto già versato di caparra. Dunque, a causa dell’impossibilità sopravvenuta, la caparra versata per un albergo deve essere sempre restituita e se l’albergo offre, in alternativa, un voucher, è possibile accettare tale soluzione alternativa.

Questa regola vale per situazioni contingenti di emergenza, come quella attuale da coronavirus, ma nella normalità dei casi, non è sempre obbligo per l’albergo restituire la caparra versata. Solitamente vi sono albergatori che non restituiscono mai la caparra versata per una prenotazione e albergatori che, invece, nel caso di disdetta molto in anticipo rispetto alla prenotazione restituiscono ai clienti la caparra versata. 

Quando caparra pagata per un albergo può non essere restituita 

Quando un cliente paga la caparra per la prenotazione di un albergo ma non vi si reca più, in una situazione non emergenziale, non ha sempre diritto alla restituzione della caparra versata.

La maggior parte degli albergatori, al momento di una prenotazione, richiede il versamento di un anticipo a titolo una caparra e, se il soggiorno è confermato, il cliente deve solo poi versare la differenza per il costo totale dovuto. Se, invece, per motivi personali o imprevisti, il cliente non può più fare il suo soggiorno in albergo, allora la caparra pagata viene trattenuta dall’albergo.

Se, però, la disdetta della prenotazione avviene in tempi molto in anticipo rispetto alla data della prenotazione stessa, molti albergatori restituiscono la caparra versata ai clienti. 

Stando a quanto previsto dalle leggi in vigore, al momento della prenotazione, gli albergatori possono richiedere il pagamento di un anticipo a titolo di caparra. La caparra, specifichiamo, può essere penitenziale e confirmatoria.

Se si paga una caparra penitenziale, l'albergatore la può trattenere nel caso di disdetta; se, invece, si paga una caparra confirmatoria, l’albergatore può trattenere la stessa caparra più può richiedere il pagamento dell'intero corrispettivo del soggiorno prenotato o del danno subito nel caso in cui, per esempio, non sia stato in grado di prendere altre prenotazioni. 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il