Le vaccinazioni sono obbligatorie per gli statali secondo leggi 2021 e CCNL dipendenti pubblici

La comunità medica e scientifica è fiduciosa nella sicurezza a lungo termine dei vaccini e si riapre il discorso sulla immunizzazione obbligatoria per gli statali.

Le vaccinazioni sono obbligatorie per gl

Sono obbligatorie per gli statali le vaccinazioni?

In questo momento non c'è alcuna disposizioni che imponga la vaccinazione per i dipendenti pubblici, sebbene sia fortemente consigliata. Ma si tratta di uno scenario che potrebbe cambiare.

L'attenzione sulla vaccinazione obbligatoria si è adesso spostata sugli statali. Sono infatti proprio i dipendenti pubblici quelli per cui potrebbero essere imposte nuove regole con l'obiettivo di debellare o comunque di rendere inoffensivo il Covid-19. Cerchiamo allora di capire cosa sta succedendo:

  • Sono obbligatorie per gli statali le vaccinazioni o no
  • Leggi e regole vaccinazioni dipendenti pubblici

Sono obbligatorie per gli statali le vaccinazioni o no

I tempi per assumere una decisione sulla obbligatorietà dei vaccini tra gli statali sono maturi. In questo momento non c'è alcuna disposizioni che la imponga, sebbene sia fortemente consigliata. Ma si tratta di uno scenario che potrebbe cambiare. D'altronde quando c'è di mezzo la salute pubblica, non va esclusa l'adozione di provvedimenti più estremi se non sono individuate alternative.

La comunità medica e scientifica è fiduciosa nella sicurezza del vaccino. Sebbene sia vero che normalmente i vaccini impiegano in media 10 anni per essere approvati, la maggior parte dei quali non ha nulla a che fare con la scienza attuale. Un fattore ovvio è il finanziamento: spesso gli scienziati devono cercare finanziamenti dopo ogni fase dello sviluppo di un vaccino. Questo ritarda il lavoro di anni.

In altre parole, invece di essere in grado di perseguire la scienza, di solito gli scienziati si prendono lunghe pause alla ricerca di finanziamenti. Nel caso del vaccino Covid-19, questo non è stato un problema. Un altro motivo per cui l'approvazione dei vaccini richiede molto tempo è ancora una volta legato ai finanziamenti, ma in modo diverso.

Normalmente, le 3 diverse fasi di prova vengono eseguite una alla volta, perché di solito non hanno i fondi per condurle tutte in una volta. Invece, questa volta tutte e tre le fasi sono state realizzate contemporaneamente con l'aiuto di volontari e fondi sufficienti. Ancora una volta significa che i dati finali e i test di sicurezza sono esattamente gli stessi di altri vaccini che sono stati approvati

Leggi e regole vaccinazioni dipendenti pubblici

In attesa di capire come cambierà il quadro delle vaccinazioni obbligatoria in Italia tra gli statali, il Ministero della Salute continua la sua campagna informativa. E lo fa invitando a non preoccuparsi se dopo la vaccinazione emergono alcuni effetti collaterali. Sono segni normali che indicano che il corpo sta si sta immunizzando.

In termini concreti significa avere dolore, arrossamento o gonfiore nel punto in cui è stata fatta l'iniezione. Oppure si potrebbero avvertire stanchezza o avere mal di testa, dolori muscolari, brividi, febbre o nausea. Gli effetti collaterali possono influire sulla capacità di svolgere le attività quotidiane, ma dovrebbero scomparire in pochi giorni.

Non tutti avvertono comunque effetti collaterali dopo la vaccinazione. Le prove attuali mostrerebbero che una prima dose del vaccino Astazeneca seguita da una seconda dose di un vaccino Moderna è sicura ed efficace. Tuttavia, esiste la possibilità di un aumento degli effetti collaterali a breve termine con programmi vaccinali misti Covid-19, specialmente con intervalli più brevi.

Questi effetti collaterali sono temporanei e si risolvono senza complicazioni. Chi ha ricevuto prima il vaccino Astrazeneca può scegliere anche un vaccino Moderna. La comunità medica e scientifica è fiduciosa nella sicurezza a lungo termine dei vaccini per alcuni motivi. Innanzitutto, la maggior parte degli effetti negativi si verifica entro 6 settimane dalla somministrazione di un vaccino. Dopodiché i dati finali e i test di sicurezza sono esattamente gli stessi di altri vaccini che sono stati approvati.

Il sistema di monitoraggio della sicurezza avviene sia passivamente che attivamente. Il monitoraggio passivo della sicurezza si verifica quando chiunque abbia una reazione significativa a un vaccino lo segnala al proprio medico che viene quindi segnalato. Queste informazioni sono condivise a livello globale per segnalare ad altri Paesi eventuali preoccupazioni emergenti e urgenti.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il