Licenziamento contratto scuola 2021. Preavviso, tempi e regole

Licenziamento per dipendenti con contratto scuola con e senza preavviso: cosa prevedono regole in vigore e chiarimenti

Licenziamento contratto scuola 2021. Pre

Il contratto scuola 2021 prevede possibilità di licenziamento?

Il contratto scuola 2021 prevede la possibilità di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo oggettivo, con e senza preavviso. Stando, infatti, a quanto previsto dalle norme in vigore, anche per i dipendenti con contratto scuola 2021, le violazioni degli obblighi contrattuali possono dar luogo a diverse sanzioni disciplinari, come rimprovero verbale o scritto, o multa di importo variabile fino ad un massimo di quattro ore di retribuzione, o sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino a dieci giorni, fino al licenziamento che può essere con o senza preavviso.
 

Quando si diventa insegnanti si può essere licenziati? Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro della scuola si applica a tutto il personale scolastico, sia a tempo indeterminato e sia a tempo determinato, docente di tutti gli ordini e gradi, educativo e ausiliario, tecnico e amministrativo (ATA) e al personale delle scuole italiane all’estero. 

Anche alcune scuole private e degli enti locali applicano il Ccnl della scuola e così come per ogni altro contratto nazionale di lavoro, pur se rientrante tra i contratti pubblichi per cui si pensa vi siano sempre maggiori tutele, è prevista la possibilità di licenziamento. Vediamo quali sono le regole del licenziamento previste dal contratto della scuola 2021.

  • Licenziamento contratto scuola 2021 regole
  • Tempi preavviso licenziamento contratto scuola 2021

Licenziamento contratto scuola 2021 regole

Insegnanti, personale scolastico e Ata possono essere licenziati al pari di qualsiasi lavoratore che infrange regole e obblighi da contratto. 

Stando, infatti, a quanto previsto dalle norme in vigore, anche per i dipendenti con contratto scuola 2021, le violazioni degli obblighi contrattuali possono dar luogo a diverse sanzioni disciplinari, come rimprovero verbale o scritto, o multa di importo variabile fino ad un massimo di quattro ore di retribuzione, o sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino a dieci giorni, fino al licenziamento che può essere con o senza preavviso.

Il contratto scuola 2021 prevede la possibilità di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo oggettivo, con e senza preavviso. I dipendenti della pubblica amministrazione con contratto enti locali 2021 possono essere, infatti, licenziamenti solo per:

  • commissione di fatti o atti dolosi, anche a danno di terzi che, pur non costituendo illeciti di rilevanza penale, sono di gravità tale da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro;
  • gravi fatti illeciti di rilevanza penale commessi;
  • condanna passata in giudicato per un delitto commesso, in servizio o fuori servizio, che non permetta neanche provvisoriamente la prosecuzione del rapporto di lavoro per la sua gravità;
  • violazioni intenzionali degli obblighi previsti dal rapporto di lavoro;
  • condanna, anche non passata in giudicato, cui consegue l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

In particolare, il licenziamento senza preavviso si applica per:

  • terza recidiva nel biennio di minacce, ingiurie gravi, calunnie o diffamazioni verso il pubblico o altri dipendenti; alterchi con vie di fatto negli ambienti di lavoro, anche con utenti;
  • accertamento che l’impiego è stato conseguito con produzione di documenti falsi o, comunque, mezzi illeciti e fraudolenti;
  • condanne passate in giudicato per i reati del codice penale;
  • condanna passata in giudicato per un delitto commesso in servizio o fuori servizio che, pur non attenendo in via diretta al rapporto di lavoro, non ne consenta neanche provvisoriamente la prosecuzione per la sua specifica gravità;
  • commissione in genere di fatti o atti dolosi, anche non consistenti in illeciti di rilevanza penale per i quali vi sia obbligo di denuncia, anche nei confronti di terzi, di gravità tale da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro neanche in via provvisoria.

Bisogna, invece, rispettare specifici tempi di preavviso per licenziamenti dei dipendenti con contratto scuola per i seguenti motivi: 

  • assenza ingiustificata dal servizio per un periodo superiore a dieci giorni consecutivi lavorativi;
  • rifiuto di trasferimento disposto per motivate esigenze di servizio;
  • occultamento, da parte del responsabile della custodia, del controllo o della vigilanza, di fatti e circostanze relativi ad illecito uso, manomissione, distrazione o sottrazione di somme o beni di pertinenza dell’Amministrazione o ad essa affidati;
  • persistente insufficiente rendimento o fatti che dimostrino grave incapacità ad adempiere adeguatamente agli obblighi di servizio;
  • condanna passata in giudicato per un delitto che, commesso fuori del servizio e non attinente in via diretta al rapporto di lavoro, non ne consenta la prosecuzione per la sua specifica gravità.

E’ bene precisare che la struttura scolastica non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del dipendente senza previa contestazione scritta dell’addebito.

E' motivo di licenziamento nella scuola, come stabilito da una recente sentenza della Cassazione, l'inosservanza dell’ordine di graduatoria per false dichiarazioni sulla percentuale di invalidità richiesta per l’inserimento nella graduatoria. In tal caso, il contratto stipulato è ritenuto inefficace perchè affetto da nullità.

Tempi preavviso licenziamento contratto scuola 2021

Il licenziamento per dipendenti con contratto scuola 2021 prevede tempi di preavviso differenti che variano a seconda dell’anzianità di servizio maturata dal lavoratore o dalla lavoratrice.

In particolare, il termine di preavviso per i dipendenti con contratto scuola 2021 in base all’anzianità di servizio è di:

  • 2 mesi per dipendenti con anzianità di servizio fino a 5 anni;
  • 3 mesi per dipendenti con anzianità di servizio fino a 10 anni;
  • 4 mesi per dipendenti con anzianità di servizio oltre 10 anni. 
     

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il