Mal di testa (cefalea) può essere riconosciuto come malattia professionale o no

I mal di testa primari si verificano quando il dolore alla testa è la condizione. In altre parole, il mal di testa non viene innescato da qualcosa con cui il corpo ha a che fare.

Mal di testa (cefalea) può essere ricono

Tra le malattie professionali c'è la cefalea o no?

Sebbene la cefalea primaria cronica sia adesso considerata una malattia sociale, non rientra negli elenchi delle malattie professionali Inail.

Sebbene il mal di testa possa essere definito come dolore in qualsiasi regione della testa, la causa, la durata e l'intensità di questo dolore possono variare a seconda del tipo di mal di testa.

Ed è anche per questa ragione che l'inclusione della cefalea nell'elenco delle malattie professionali predisposto dall'Inail sia da sempre oggetto discussioni. In alcuni casi, un mal di testa può richiedere cure mediche immediate. Resta allora da domandarsi se e quando il mal di testa (cefalea) può essere riconosciuto come malattia professionale o no.

Il dolore alla testa può essere classificato come cefalea primaria, cefalea secondaria e nevralgie craniche, dolore facciale e altri mal di testa. La cefalea da uso eccessivo di farmaci è una condizione in cui l'uso frequente di farmaci antidolorifici può portare a dolore alla testa persistente. Il mal di testa può migliorare per un breve periodo dopo l'assunzione del farmaco e quindi ripresentarsi. Approfondiamo quindi:

  • Tra le malattie professionali c'è la cefalea o no
  • Differenti tipi di mal di testa per i lavoratori

Tra le malattie professionali c'è la cefalea o no

Per malattia professionale si intende quella patologia contratta nell'esercizio dell'attività e a causa delle lavorazioni rischiose. Nel tempo la normativa è diventata meno rigida, finendo per comprendere anche la compartecipazione di cause extraprofessionali.

Non è sufficiente un rapporto con il rischio lavorativo, ma deve essere causale (o appunto concausale) tra il rischio professionale e la malattia.

A loro volta le malattie professionali possono essere tabellate e non tabellate. Nel primo caso, come lascia intendere il nome, sono inserite in tabelle (ne esistono due: una per l'industria e una per l'agricoltura) e devono essere provocate da lavorazioni indicate nelle stesse tabelle. Non solo, ma devono essere denunciate entro il periodo indicato dalla cessazione dell'attività rischiosa, fissato nelle tabelle stesse.

Indennizza i danni provocati dalle malattie professionali è l'Inail (Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) con prestazioni di carattere economico, sanitario e riabilitativo. Le malattie professionali non tabellate non sono incluse in tabelle e prevedono che il lavoratore dimostri la causa professionale.

La denuncia prevede l'inserimento dei dati del lavoratore e dell'azienda, il certificato medico e la malattia per la quale è richiesta una descrizione approfondita, il luogo di lavoro e settore di appartenenza, l'orario di lavoro e la retribuzione del lavoratore. Sebbene la cefalea primaria cronica sia adesso considerata una malattia sociale e in alcuni casi è addirittura invalidante, non rientra negli elenchi delle malattie professionali Inail.

Differenti tipi di mal di testa per i lavoratori

I mal di testa primari si verificano quando il dolore alla testa è la condizione. In altre parole, il mal di testa non viene innescato da qualcosa con cui il corpo ha a che fare, come malattie o allergie. Questi mal di testa possono essere episodici o cronici.

I primi possono verificarsi ogni tanto o anche solo una volta ogni tanto e possono durare da mezzora a diverse ore. I mal di testa cronici sono più consistenti. Si verificano quasi tutti i giorni del mese e possono durare per più giorni. In questi casi è necessario un piano di gestione del dolore.

Il mal di testa secondario è un sintomo di qualcos'altro che sta succedendo nel corpo. Se il fattore scatenante del mal di testa secondario è in corso, può diventare cronico.

Il mal di testa da sforzo si manifesta rapidamente dopo periodi di intensa attività fisica. Sollevamento pesi, corsa e rapporti sono tutti fattori scatenanti comuni per un mal di testa da sforzo. Si pensa che queste attività causino un aumento del flusso sanguigno al cranio, che può portare a un mal di testa pulsante su entrambi i lati della testa.

Un mal di testa da sforzo non dovrebbe durare troppo a lungo. Questo tipo di mal di testa di solito si risolve entro pochi minuti o diverse ore. Nella maggior parte dei casi, i mal di testa episodici scompaiono entro 48 ore. Chi ha un mal di testa che dura più di due giorni o che aumenta di intensità, dovrebbe consultare il proprio medico di famiglia.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il