Malati Alzheimer o demenza grave non devono pagare RSA secondo sentenza tribunale 2021 di Foggia

Malati Alzheimer o demenza grave non devono pagare RSA secondo sentenza tribunale 2021 di Foggia

Malati Alzheimer o demenza grave non dev

Cosa prevede la nuova sentenza del tribunale 2021 di Foggia per malati Alzheimer o demenza grave?

Il tribunale di Foggia ha stabilito che malati di Alzheimer o demenza grave non devono pagare la retta per il ricovero nelle Rsa. Considerando che alcune Residenze sanitarie assistenziali convenzionati richiedono ai familiari dei malati il pagamento delle spese per il servizio assistenziale, la sentenza 2021 del tribunale di Foggia pone l’accento su nuovi diritti per malati Alzheimer o demenza grave ritenendo non adeguato a questo tipo di malattia alcun pagamento.

Novità importanti per chi è malato di Alzheimer o soffre di grave demenza: il tribunale di Foggia, con una recente sentenza 2021, si è espresso, infatti, sui diritti di cui queste categorie di malati dovrebbero godere. Vediamo allora cosa prevede la nuova sentenza del tribunale di Foggia per i malati di Alzheimer o demenza grave.

  • Malati Alzheimer o demenza grave non devono pagare RSA
  • Malati Alzheimer o demenza grave non devono pagare RSA il caso

Malati Alzheimer o demenza grave non devono pagare RSA

Il tribunale di Foggia ha stabilito che malati di Alzheimer o demenza grave non devono pagare la retta per il ricovero nelle Rsa.

Considerando che alcune Residenze sanitarie assistenziali convenzionati richiedono ai familiari dei malati il pagamento delle spese per il servizio assistenziale, la sentenza 2021 del tribunale di Foggia pone l’accento su nuovi diritti per malati Alzheimer o demenza grave ritenendo non adeguato a questo tipo di malattia alcun pagamento.

Il Tribunale di Foggia con la sua sentenza 2021, in realtà, ha confermato quanto già espresso da una sentenza della Cassazione, già stata chiamata a decidere sul pagamento delle spese di degenza nelle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) di un paziente affetto da Alzheimer, perché per chi è ricoverato in una Rsa per tali malattie il pagamento della quota giornaliera può creare serie difficoltà economiche.

Malati Alzheimer o demenza grave non devono pagare RSA il caso

Il caso sul quale si è espressa la Corte di Cassazione stabiliva che i parenti degli anziani ricoverati presso una casa di riposo non sono tenuti a corrispondere la retta nel caso in cui il paziente si trovi nelle condizioni di non poterla più pagare, decidendo così sulle spese di degenza nelle Rsa per un paziente affetto da Alzheimer.

La Corte di Cassazione ha sancito che la retta deve essere a carico del Servizio Sanitario Nazionale, per cui il Comune non può rivalersi sui parenti dell’assistito per il pagamento della quota sociale. La sentenza della Cassazione è stata pronunciata per il caso specifico di un malato affetto dal morbo di Alzheimer, ma per analogia può essere estesa anche ai soggetti con handicap grave e agli ultrasessantacinquenni non autosufficienti.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie