Microplastiche sempre più presenti nell'uomo, rischi e scoperte degli ultimi studi 2022

Le ultime scoperte di studi autorevoli e prestigiosi sono piuttosto sconvolgenti per la salute dell'uomo, ma tutto sembra tacere o quasi

Microplastiche sempre più presenti nell'

Cosa hanno scoperto i nuovi studi sulle microplastiche?

Secondo uno studio dell'Università della California di Davis, le microplastiche sono il mezzo per gli agenti patogeni sulla terraferma per raggiungere l'oceano, con possibili conseguenze per la salute umana e della fauna selvatica.

Le microplastiche sono minuscole particelle di plastica più piccole di 5 millimetri, non più grandi di un chicco di riso. Hanno contaminato acque remote come l'Antartide. I risultati dello studio indicano che i patogeni possono disperdersi in tutto l'oceano, raggiungendo luoghi in cui un parassita terrestre normalmente non si troverebbe mai.

Le microplastiche si trovano principalmente nell'aria, nella terraferma, nei corsi d'acqua e negli oceani. Possono essere ingeriti da pesci o uccelli marini, ma tutte le specie marine possono ingerirli, dalle più piccole come lo zooplancton alle più grandi come le balene. Una parte significativa delle microplastiche presenti nell'ambiente proviene dai prodotti cosmetici. In effetti, le microplastiche sono presenti in scrub, dentifrici, gel doccia o persino prodotti per il trucco come granuli o agenti leganti. Vediamo allora:

  • Cosa hanno scoperto i nuovi studi sulle microplastiche

  • Microplastiche sempre più presenti e pericolose

Cosa hanno scoperto i nuovi studi sulle microplastiche

Secondo uno studio dell'Università della California di Davis, le microplastiche sono il mezzo per gli agenti patogeni sulla terraferma per raggiungere l'oceano, con possibili conseguenze per la salute umana e della fauna selvatica.

Il report, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, è il primo a collegare le microplastiche nell'oceano con i patogeni terrestri. Ha scoperto che le microplastiche possono facilitare la concentrazione degli agenti patogeni che causano malattie nelle aree dell'oceano contaminate dalla plastica. I patogeni studiati - Toxoplasma gondii, Cryptosporidium e Giardia - possono infettare sia l'uomo che gli animali. Sono riconosciuti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come cause sottovalutate di malattie dovute al consumo di molluschi e si trovano in tutto l'oceano.

Per lo studio, gli autori hanno condotto esperimenti di laboratorio per verificare se i patogeni selezionati possono associarsi alla plastica nell'acqua di mare. Hanno utilizzato due diversi tipi di microplastiche: microsfere di polietilene e microfibre di poliestere. Le microsfere si trovano spesso nei cosmetici, come esfolianti e detergenti, mentre le microfibre si trovano nei vestiti e nelle reti da pesca.

Gli scienziati hanno scoperto che più parassiti aderivano alle microfibre che alle microsfere, sebbene entrambi i tipi di plastica possano trasportare agenti patogeni terrestri. Le sottili particelle di microfibra sono comuni nelle acque della California e sono state trovate nei crostacei. Gli autori affermano che la plastica rende più facile per gli agenti patogeni raggiungere la vita marina in diversi modi, a seconda che le particelle di plastica affondino o galleggiano.

Microplastiche sempre più presenti e pericolose

Secondo un altro studio, tracce di microplastiche sono state trovate nei polmoni di alcuni pazienti. L'analisi ha presto le mosse dalla rilevazione di tracce di microplastiche nel sistema respiratorio di alcune persone decedute e sottoposte ad autopsia. La scoperta porta nuovi elementi sulla grande diffusione dei minuscoli frammenti di plastica in tutti gli ambienti in cui viviamo, a causa dell’inquinamento. Studi storici riportano sintomi respiratori e malattie a livello di esposizione professionale in lavoratori tessili sintetici, greggi e cloruro di vinile e, come tali, supportano l'inalazione.

Le microplastiche sono particelle di plastica più piccole di 5 mm. Che siano direttamente integrati in determinati prodotti o provengano dalla decomposizione di elementi più grandi, la grande maggioranza finisce negli oceani.

Dopo l'ingestione da parte degli animali marini, queste microplastiche trovano gradualmente la loro strada nella catena alimentare e rappresentano un pericolo per la salute. Mentre alcuni di essi sono ora vietati, alcuni sono ancora autorizzati, in particolare nei cosmetici. Anche se i rischi per la salute umana non sono chiaramente identificati, le microplastiche sono potenziali interferenti endocrini.

Tra le microplastiche primarie, troviamo quelle nei prodotti cosmetici. Versatile, economica e molto resistente, la plastica è molto apprezzata da produttori e industriali. Oltre a questi diversi vantaggi, la plastica viene utilizzata anche per creare formule con maggiore sensorialità.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il