Migliori carte di credito (prepagate) dove accreditare Bitcoin nel 2021 a confronto

La cosa importante da sapere è che le carte di credito dove accreditare Bitcoin non creano confusione. Funzionano allo stesso modo delle normali carte di pagamento.

Migliori carte di credito (prepagate) do

Quali sono le migliori carte di credito per Bitcoin?

Una delle carte di credito per Bitcoin più note è Crypto.com, ma trovano spazio anche Wirex e l'opzione di Coinbase.

I Bitcoin stanno diventando sempre più popolari come asset emergente, ma in quanti sanno che c'è la possibilità di usarlo anche come valuta? Rispetto al periodo della nascita della criptovaluta, ci sono adesso più opzioni di pagamento di prodotti e servizi con Bitcoin e le carte di credito e di debito rappresentano una comoda soluzione.

Il contesto è notevolmente cambiato negli ultimi anni quando giganti finanziari come Visa e Mastercard hanno iniziato ad adottare Bitcoin e altre risorse digitali.

Le carte di credito sono infatti supportate da Visa e Mastercard ovvero due reti finanziarie globali. Dopo aver ricevuto una licenza, una società di crittografia emette una carta di credito dedicata che è supportata in qualsiasi negozio che accetta pagamenti Visa o Mastercard.

Fino a poco tempo fa era quasi impossibile utilizzare Bitcoin nei negozi poiché le transazioni richiedevano molto tempo, ma con le carte di pagamento specifiche basate su Visa questo problema è stato superato.

Poiché tutte le carte sono autorizzate da Visa o Mastercard, hanno le stesse restrizioni e normative delle normali carte di credito. Ad esempio, quelli sul saldo, sui pagamenti giornalieri massimi e sui limiti di prelievo mensili. Analizziamo allora nei dettagli:

  • Bitcoin, funzionamento carte di credito
  • Carte di credito per Bitcoin a confronto

Bitcoin, funzionamento carte di credito

La cosa importante da sapere è che le carte di credito dove accreditare Bitcoin non creano confusione. Funzionano allo stesso modo delle normali carte di pagamento.

L'unica differenza è la valuta per pagare prodotti e servizi, ma essendo smaterializzata, chi paga e chi riceve il pagamento non nota alcuna variazione. Tuttavia, è utile capire che non si paga direttamente con Bitcoin. Quando si utilizzano queste carte, le risorse digitali vengono prima convertite nella valuta locale, ad esempio in euro nel caso di transazione in Italia, e quindi inviate al commerciante.

Il vantaggio di questo strumento è presto detto: viene a cadere qualsiasi vincola a euro, dollari o yen e si ha piena libertà di spendere Bitcoin in ogni momento. Alcune piattaforme utilizzano un sistema di fidelizzazione in cui diversi utenti hanno accesso a diverse funzionalità. I premi cashback sono quindi una degli incentivi più frequenti.

Carte di credito per Bitcoin a confronto

Una delle carte di credito per Bitcoin più note è Crypto.com. Gli utenti hanno accesso a un'app per smartphone, allo scambio di criptovalute, a un portafoglio, a prestiti e persino trading automatizzato.

La società con sede a Hong Kong è stata tra le prime a muoversi in questo settore di mercato e oggi elabora milioni di transazioni al giorno in numerosi Paesi del mondo. Il plus è il sistema di premi cashback. Crypto.com premia i titolari di carta con fino al 5% della loro transazione totale.

Operativo dal 2014, Wirex è un'altra opzione per farsi accreditare i Bitcoin, non tracciabile come forma di pagamento. Con sede nel Regno Unito, Wirex è una delle prime società a offrono carte di debito di questo tipo.

L'azienda commercializza questo prodotto come la migliore soluzione per viaggiare all'estero. Tutti i pagamenti effettuati in una valuta locale fanno risparmiare il 3% per transazione. Wirex non addebita commissioni di cambio e tassi di conversione elevati nemmeno all'estero.

Ecco quindi Coinbase, lanciata per la prima volta in Europa nel 2019 e basata sul sistema di pagamento Visa. La carta di credito per farsi accreditare Bitcoin è semplice da usare ma propone commissioni più elevate rispetto ai concorrenti.

Più esattamente, quando si prelevano contanti, gli utenti devono pagare una commissione dell'1% e una del 2% quando sono all'estero. In questo caso, i prelievi all'estero sono molto più costosi in quanto ogni transazione addebita il 3% in totale.

Perché sceglierla? Perché proviene da uno scambio regolamentato e affidabile, offre diverse funzionalità ed è collegato al resto di Coinbase e a tutto ciò che offre la piattaforma, anche in un'ottica di diversificazione dei propri investimenti.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il