Multe e sanzioni 2021 per mancata revisione e controllo caldaia. Cosa si rischia

Multe e sanzioni 2021 per mancata revisione e controllo caldaia. Cosa si rischia

Multe e sanzioni 2021 per mancata revisi

Cosa rischio per mancata revisione e controllo della caldaia?

Chi non effettua come da legge previsto revisione e controllo della caldaia va incontro a diversi rischi, tra multe e sanzioni che possono essere anche molto salate. Proprietario o inquilino di un appartamento che non effettuano regolarmente controllo, revisione e manutenzione della caldaia rischiano una multa prevista compresa tra i 500 e i 3000 euro.

Controllo, revisione e manutenzione della caldaia sono procedure previste per legge per tutti coloro che hanno, appunto, una caldaia in casa. Si tratta di un obbligo stabilito per la necessità di evitare eventuali problemi di funzionamento dell’impianto che potrebbero danneggiare non solo proprietario o inquilino di un singolo appartamento o una casa ma l’intero condominio, nonché contribuire ad aumentare la cattiva qualità dell’aria. Un impianto malfunzionante può essere, infatti, molto pericoloso per la sicurezza di casa.

Proprio per evitare tali problemi, la legge stabilisce tempi precisi in cui devono essere effettuati i controlli e le revisioni delle caldaie prevedendo anche multe e sanzioni per chi non rispetta l’obbligo di revisione. Quali sono i rischi che si corrono per mancata revisione e controllo della caldaia?

  • Multe, sanzioni e rischi 2021 per mancata revisione controllo caldaia
  • Quali sono tempistiche fissate per revisione e controllo caldaia

Multe, sanzioni e rischi 2021 per mancata revisione controllo caldaia

Se non faccio controllare la caldaia cosa rischio? Chi non effettua come da legge previsto revisione e controllo della caldaia va incontro a diversi rischi, tra multe e sanzioni che possono essere anche molto salate. Proprietario o inquilino di un appartamento che non effettuano regolarmente controllo, revisione e manutenzione della caldaia rischiano una multa prevista compresa tra i 500 e i 3000 euro. Nel caso in cui gli stessi fossero del tutto sprovvisti del libretto della caldaia, la multa prevista oscilla tra i 500 e i 600 euro.

In caso di mancata revisione della caldaia o se si riscontrano anomalie nell’impianto, oltre alle sanzioni previste, proprietario o inquilino devono pagare anche l’onere derivante dal controllo compreso tra i 50 e i 200 euro per gli impianti domestici. Se la manutenzione non viene effettuata su un impianto di grandi dimensioni di una società o una struttura commerciale, la multa può arrivare fino a mille euro.

Quali sono tempistiche fissate per revisione e controllo caldaia

La revisione della caldaia è obbligatoria per tutti e, stando a quanto previsto dalle leggi in vigore, in base alla tipologia di caldaia controllo e revisione devono essere effettuate ogni determinato periodo di tempo. Entrando più nello specifico, controllo e revisione della caldaia per avere il bollino blu deve essere fatta:

  • alla prima accensione della caldaia quando è nuova;
  • ogni 4 anni nei casi di caldaia esterna installata da meno di 8 anni e potenza minore di 35 kW e caldaia a camera stagna installata da meno di 8 anni e potenza minore di 35 kW;
  • ogni 2 anni nei casi di caldaie di ogni tipo installate da più di 8 anni, che siano esterne, interne, a condensazione, ecc;
  • ogni anno nei casi di caldaie non a gas, indipendentemente dall’anno di installazione; caldaie a combustibile solido, per esempio a legna; caldaie a combustibile liquido, come gasolio o Gpl; impianti centralizzati condominiali.

Una volta effettuati controlli e revisione della caldaia, si riceve il cosiddetto bollino blu per le caldaie, rilasciato dai tecnici specializzati nel comune di residenza a differenza, che attesta l’avvenuta revisione e gli avvenuti controlli sulla caldaia per efficienza, buon funzionamento, e se le emissioni di sostanze inquinanti, attraverso i fumi di scarico, rispettano gli standard stabiliti dalla legge.

Ricordiamo che insieme al bollino blu per la certificazione dell’avvenuta revisione della caldaia, esiste anche il bollino verde per le caldaie, altra certificazione che attesta l’avvenuta revisione della caldaia, esattamente come il bollino blu, ma che è obbligatorio per tutti i Comuni con una popolazione fino a 40mila abitanti ed è di competenza di Regione o Provincia.  

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie