Naspi 2020 a chi spetta, requisiti, come fare domanda INPS

Cosa cambia per la Naspi 2020 e quali sono i requisiti richiesti: la procedura da seguire per presentare domanda di disoccupazione 2020 all’Inps

Naspi 2020 a chi spetta, requisiti, come fare domanda INPS

Come fare domanda Inps per la Naspi 2020?

Per la presentazione della domanda per la Naspi 2020 non cambiano le modalità già previste negli scorsi anni. E’, infatti, sempre possibile inviare la domanda per chiedere l’indennità di disoccupazione o accedendo direttamente al sito Internet dell’Istituto di Previdenza usando il proprio codice Pin Inps; o rivolgendosi al CAF o patronati; o contattando telefonicamente il Contact center Inps al numero 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da cellulare.

 

La Naspi per la disoccupazione resta l’indennità in vigore per tutti coloro che rimangono senza lavoro anche per il 2020. Si tratta, infatti, di una misura al momento strutturale che ha sostituto già tempo fa Aspi e Mini Aspi per tutti i disoccupati. Sono poche le novità previste per la Naspi 2020 e restano sostanzialmente uguali le regole già in vigore. Vediamo come funziona la Naspi 2020.

  • A chi spetta l’indennità di disoccupazione Naspi
  • Quali sono i requisiti per richiedere la Naspi
  • Come si fa la domanda Inps per avere la Naspi 2020 per la disoccupazione


A chi spetta la Naspi

La Naspi 2020 per la disoccupazione spetta, esattamente come già previsto per gli anni precedenti, a:

  • apprendisti;
  • lavoratori dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni;
  • soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;
  • personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.

Non possono presentare domanda per richiedere la Naspi, invece, le seguenti categorie di persone:

  • dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni;
  • operai agricoli, a tempo determinato e indeterminato;
  • lavoratori titolari di trattamento pensionistico diretto;
  • lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionali.

Quali sono i requisiti per richiedere la Naspi

Non cambiano per il 2020 neanche i requisiti per poter presentare domanda per la Naspi. Per beneficiare dell’indennità di disoccupazione, infatti, bisogna:

  • essere in totale stato di disoccupazione per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore, cioè per licenziamento, anche di tipo consensuale, o per dimissioni ma esclusivamente per giusta causa;
  • avere maturato almeno tredici settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;
  • aver lavorato almeno trenta giorni effettivi nell'anno precedente l’inizio della disoccupazione.


Naspi 2020: come fare domanda Inps

La domanda per l’indennità di disoccupazione Naspi 2020 deve essere presentata sempre all’Inps scegliendo tra le seguenti modalità:

  • o direttamente sul sito Internet dell’Istituto di Previdenza usando il proprio codice Pin Inps;
  • o rivolgendosi al CAF o patronati;
  • o contattando telefonicamente il Contact center Inps al numero 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da cellulare.

Per la presentazione online della domanda per la Naspi, bisogna:

  • accedere al sito dell’Inps;
  • entrare nell’area dei servizi online;
  • seguire la procedura ‘servizi per il cittadino’- ‘opzione invio domande di prestazioni a sostegno del reddito’;
  • cliccare su ‘Naspi’ sulla barra di sinistra;
  • compilare il modulo della domanda (composta da 6 sezioni).

La penultima sezione da compilare è la sottoscrizione della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro se il lavoratore non ha già fatto richiesta presso un centro per l’impiego.

Una volta completata la compilazione del modulo, la domanda Naspi si può inviare e si può monitorarne lo stato sempre dal sito Inps fino a quando non si riceve risposta dall'Inps e la domanda risulta accettata (o rifiutata) e in pagamento.

La domanda per la Naspi deve essere presentata entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro e una volta inviata la domanda decorre:
dall'ottavo giorno successivo alla data di fine lavoro se la domanda viene presentata entro l'ottavo giorno;
dal giorno successivo a quello di invio domanda se questa stessa viene presentata dopo l'ottavo giorno.

Alla domanda bisogna allegare diversi documenti che sono:

  • documenti di identità;
  • ultime tre busta paga;
  • lettera di licenziamento (o dimissioni);
  • contratto di assunzione per lavoratori a tempo determinato;
  • dichiarazione di Disponibilità per i Centri per l'Impiego;
  • ultimi bollettini Mav di contributi pagati, nel caso di colf e badanti;
  • Modello Sr163 che riporta il conto corrente di accredito della disoccupazione spettante.

Tra le novità 2020 relative alla Naspi, c'è la possibilità di visualizzare l'esito della domanda di disoccupazione presentata direttamente alla nuova App ufficiale (disponibile per Android e iPhone) accessibile sempre dal sito web dell'Inps.

Inoltre, conclusa la procedura di invio della domanda per la Naspi, è possibile richiedere anche Assegni familiari e detrazioni fiscali. Negli anni precedenti, queste richieste erano comprese nel modulo online di richiesta della Naspi.  

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie