Naspi 2020 quando è finita, cosa posso richiedere per la disoccupazione

Abolita l’Asdi, quando si esaurisce la Naspi dal prossimo anno si potrà fare domanda per il reddito di cittadinanza

Naspi 2020 quando è finita, cosa posso richiedere per la disoccupazione

Cosa si può richiedere quando si esaurisce la Naspi 2020?

Una volta esaurita la Naspi, dal prossimo anno non c’è più la possibilità di richiedere l’Asdi ma si potrà richiedere il reddito di cittadinanza con la possibilità di richiesta dell’Isee corrente secondo novità e requisiti previsti.

 

Cosa posso richiedere per la disoccupazione una volta esaurita la Naspi 2020? L’indennità di disoccupazione Naspi ha, infatti, una durata limitata e non è un sussidio di disoccupazione che si percepisce a prescindere e per sempre perché l’obiettivo è quello di ricollocare la persona senza occupazione. Tuttavia nel periodo di durata della Naspi non sempre si riesce a trovare un nuovo lavoro. Cosa accade una volta esaurita la Naspi?

  • Cosa si può richiedere quando finisce la Naspi
  • Cosa cambia per la richiesta del reddito di cittadinanza 2020 dopo la Naspi

Naspi 2020: cosa richiedere quando finisce

Una volta esaurita la Naspi 2020 cosa si può richiedere per la disoccupazione se non si è ancora trovato un nuovo lavoro? La Naspi come indennità per la disoccupazione ha una durata massima di 24 mesi. Spesso, però, ci sono persone che terminata la Naspi non sono riuscite a trovare una nuova occupazione. Ciò che ci si chiede è se chi si ritrova nella situazione di aver esaurito la Naspi ma non aver contestualmente trovato un nuovo lavoro ha possibilità di richiedere altri sussidi.

Fino a quest’anno, una volta esaurita la Naspi chi ancora non era riuscito a trovare un nuovo lavoro poteva richiedere l’Asdi, assegno di disoccupazione per i lavoratori dipendenti che hanno esaurito la Naspi e che sono ancora disoccupati. L’Asdi, però, è stata abolita. In alternativa, la possibilità è quella del reddito di cittadinanza.

Chi ha esaurito la Naspi può richiedere il reddito di cittadinanza, che ha una durata di 18 mesi e si può prorogare a condizione di attendere un mese ad ogni rinnovo. E per la richiesta del reddito di cittadinanza già dalla fine di quest’anno cambiano le regole per l’Isee.

Reddito di cittadinanza 2020 dopo la Naspi: cosa cambia e regole

Per la richiesta del reddito di cittadinanza si può presentare l’Isee corrente e chiedere all’Inps di ricalcolare l’Isee se per uno o più componenti del nucleo familiare si verificano cambiamenti di reddito rispetto alla condizione reddituale che risulta dall’Isee ordinario.

Dopo l’approvazione del Decreto Crescita sono, infatti, cambiati i requisiti per richiedere l’Isee Corrente e ora si può richiedere se si verificano non tutti e tre i requisiti richiesti contemporaneamente insieme ma solo uno dei seguenti requisiti:
o variazione della situazione reddituale superiore al 25%;
o fine o riduzione del lavoro;
o interruzione di un lavoro nella pubblica amministrazione.

Finora, invece, si poteva richiedere l’Isee corrente solo nel caso di una variazione superiore del 25% dell’Isee corrente rispetto a quella dell’Isee ordinario e in caso di:
sospensione o riduzione del lavoro o risoluzione del rapporto di lavoro in caso di contratto a tempo indeterminato;
cessazione di attività da lavoro autonoma svolta almeno per un anno;
conclusione di un contratto a tempo determinato o flessibile, purchè si sia lavorato almeno 120 giorni nell’anno precedente.

Per favorire l'accesso al reddito di cittadinanza, dal prossimo anno si potrà anche scegliere l'Isee dell'anno di riferimento da considerare per la richiesta del beneficio, in base a quello che conviene di più. Se prima, infatti, si considerava il reddito solo dei due anni precedenti la richiesta del reddito di cittadinanza, d’ora in poi si può scegliere tra due anni e prendere come riferimento l’anno precedente alla richiesta del reddito. Dunque, per chiedere il reddito di cittadinanza 2020 si può far riferimento all’Isee sia del 2018 sia del 2019.
 

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie