Naspi durata minima e massima

Per quanto tempo viene erogata l’indennità di disoccupazione Naspi e come avviene il calcolo della sua durata: cosa sapere

Naspi durata minima e massima

Quanto tempo dura l'erogazione della Naspi?

L'indennità di disoccupazione Naspi, che ha ormai definitivamente sostituito l'Aspi da qualche anno, viene erogata per un massimo di due anni. Il periodo minimo dipende da quante settimane di lavoro sono state svolte nell'ultimo anno. In particolare sarà erogata per la metà del periodo di lavoro svolto. Non ha quindi una durata minima prestabilita.

L’indennità di disoccupazione Naspi dallo scorso 2015 ha sostituto l’Aspi per chi rimane senza lavoro e durata di erogazione e suo importo dipendono da quanto tempo si è lavorato prima di presentare all’Inps la domanda per percepire l’assegno di disoccupazione. La domanda può essere presentata all’Istituto di Previdenza in via telematica e, una volta accertati i necessari requisiti da parte del richiedente, procederà alla sua diretta erogazione. Ma per quanto tempo precisamente viene erogata la Naspi?

Naspi durata massima

L’indennità di disoccupazione Naspi può essere erogata per un periodo massimo di 24 mesi, più precisamente dipende dal numero di settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni divido per due (la metà), non considerando in tale calcolo i periodi coperti da contributi figurativi.

I periodi di contributi versati relativi al rapporto di lavoro successivi all’ultima prestazione di disoccupazione sono, invece, sempre utili ai fini della determinazione della durata di una nuova Naspi perchè non hanno già dato luogo ad erogazione di prestazioni di disoccupazione. Ma non sempre viene erogata per 24 mesi perché la sua durata, come spiegato, dipende dal tempo in cui il lavoratore è stata occupato prima di presentare la domanda per ottenere la Naspi.

Chi, infatti, resta a lavoro e presenta domanda per ricevere la Naspi ne ha diritto per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni, senza contributi figurativi, già considerati per il pagamento di prestazioni di disoccupazione. I 24 mesi di erogazione della Naspi non valgono nemmeno per i lavoratori precari disoccupati. Per loro, infatti, la durata massima per l’erogazione dell’assegno Naspi è di sei mesi al massimo.

Nel calcolo delle settimane di contributi versati all’Inps, validi ai fini della determinazione del montante di mensilità della Naspi non possono essere considerati i contributi già considerati nel calcolo di altre indennità di disoccupazione, anche se fruite prima e in un’unica soluzione.

Naspi durata minima

Stando a quanto stabilito, la viene erogata ogni mese in base al numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni e la sua durata massima potrà essere di due anni, ma non è prevista alcuna definizione per quanto riguarda la durata minima della Naspi, che, dunque, non esiste in maniera universale

Durata Naspi esempio

Per fare un esempio, se un lavoratore è stato occupato per 4 anni consecutivi maturando 52 settimane di contributi accreditati all’anno nei 4 anni precedenti la presentazione della domanda Naspi, allora avrà diritto a percepire l’indennità di disoccupazione per tutti e 24 i mesi a disposizione.

Calcolo durata Naspi 2018, 2019, 2020

La durata dell’erogazione della Naspi nel 2018 ha un massimo di 24 mesi, ciò significa che richiedendola oggi se ne potrà usufruire, se il tempo massimo sarà di 24 mesi fino al 2020, mentre chi ne farà domanda nel prossimo 2019, avendo i requisiti per poterne beneficiare per 24 mesi, potrà percepirla fino al 2021.



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie