Nuovo contratto industria alimentare 2020 aumento stipendi, miglioramento permessi, congedo familiare

Aumento degli stipendi, estensione del congedo familiare, welfare, formazione, e non solo: rinnovato il contratto industria alimentare 2020

Nuovo contratto industria alimentare 202

Qual è l’aumento di stipendi previsto dal nuovo contratto industria alimentare 2020?

Il nuovo contratto dell’industria alimentare 2020, che ha validità quadriennale fino al 2023, prevede un aumento degli stipendi di 119 euro, a regime, più 5 euro di welfare e 30 euro per coloro che non rientrano nella contrattazione di secondo livello.

Via libera al rinnovo del contratto dell'industria alimentare 2020, con aumenti di stipendio e non solo, per cui i sindacati hanno espresso grande soddisfazione. Onofrio Rota, segretario generale della Fai Cisl, ha parlato di un grande risultato che rappresenta un’importante prova di responsabilità e autorevolezza da parte del sindacato, una ‘bellissima pagina di partecipazione democratica’ di tutti i lavoratori e una spinta importante per la ripartenza del Paese. Vediamo allora cosa prevede il nuovo contratto industria alimentare 2020.

  • Rinnovo contratto industria alimentare 2020 aumento stipendi
  • Rinnovo contratto industria alimentare 2020 miglioramento permessi e congedo familiare

Rinnovo contratto industria alimentare 2020 aumento stipendi

Il nuovo contratto dell’industria alimentare 2020, che ha validità quadriennale e dunque fino al 2023, prevede un aumento degli stipendi di 119 euro, a regime, più:

  • 5 euro di welfare;
  • 30 euro per coloro che non rientrano nella contrattazione di secondo livello e fissati per sostenere le imprese a realizzarla.

Il nuovo contratto dell’industria alimentare 2020 prevede, inoltre, l’obbligo di versamento per l’azienda, in caso di mancata iscrizione al sistema di welfare, di 20 euro mensili in busta paga al lavoratore dipendente.

Rinnovo contratto industria alimentare 2020 miglioramento permessi e congedo familiare

Il nuovo contratto dell’industria alimentare 2020 siglato da Unionfood, Ancit e Assobirra e dai sindacati, Fai, Flai e Uila fissa importanti novità arrivano anche in relazione a permessi e congedo familiare. Il nuovo contratto industria alimentare 2020 prevede, infatti, per permessi e congedi familiari, l’estensione dei congedi parentali, sia retribuiti sia non retribuiti, per i figli a carico e l’assistenza familiare, riconoscendo anche il congedo per donne vittime di violenza.

Altra misura approvata, è l’esenzione prolungata dal lavoro notturno per le lavoratrici che rientrano dalla maternità e per i padri in monogenitorialità.

Tra le altre novità previste dal nuovo contratto industria alimentare:

  • introduzione di specifici piani di formazione pre-assunzione;
  • obbligo di garantire l'accesso alla formazione a tutti i lavoratori;
  • rafforzamento della collaborazione tra imprese e scuola e Università;
  • recepimento dei contenuti del Patto della Fabbrica su partecipazione e coinvolgimento dei lavoratori;
  • diritto alla disconnessione e alla privacy per il lavoro agile;
  • per la tutela della salute, rafforzamento della formazione e impegnano per dedicare una giornata al tema della sicurezza sul lavoro;
  • revisione della normativa degli appalti, che vincola all’applicazione del contratto nazionale del settore merceologico delle attività appaltate, sottoscritto dalle forze sindacali più rappresentative.

Rinviato, invece, al primo gennaio 2025 il versamento del contributo da parte dei lavoratori al fondo di assistenza sanitaria Fasa.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie