Pagamenti affitto casa, nuove regole proprietari e inquilini nel 2022. Ecco cosa cambia

Quali sono nuove regole in vigore e chiarimenti per pagamenti di affitto di una casa nel 2022 possibili anche in contanti, ma con una serie di limiti

Pagamenti affitto casa, nuove regole pro

Cosa cambia per i pagamenti dell’affitto casa nel 2022?

Secondo quanto stabilito dalle nuove norme, nel 2022 si può pagare l’affitto di casa in contanti e si tratta di una modalità di pagamento del canone di locazione del tutto legale che può essere richiesta dall’inquilino senza incorrere in alcuna sanzione né illegalità, a condizione, però, di definire da parte di inquilino e proprietario un modo per registrare e dichiarare l’avvenuto pagamento e di effettuare pagamenti in contanti entro il limite dei mille euro. 
 

Quali sono le nuove regole nel 2022 relative ai pagamenti dell’affitto di casa? Pagare l’affitto di casa è una operazione che tutti gli inquilini devono effettuare secondo tempi e modalità definiti al momento della stipula stessa del contratto di locazione. 

Le parti, proprietario di casa e inquilini, al momento della sottoscrizione del contratto di affitto, definiscono, infatti, importo del canone di locazione da versare e tempi entro cui il pagamento da parte dell’inquilino deve essere effettuato, se ogni mese, ogni tre mese, o semestralmente, tempo poco usato ma consentito dalla legge. Vediamo di seguito cosa cambia nel 2022 per i pagamenti degli affitti di casa.

  • Pagamenti affitto casa cosa cambia nel 2022
  • Affitto casa pagamenti e regole

Pagamenti affitto casa cosa cambia nel 2022

Secondo quanto stabilito dalle nuove norme, nel 2022 si può pagare l’affitto di casa in contanti e si tratta di una modalità di pagamento del canone di locazione del tutto legale che può essere richiesta dall’inquilino senza incorrere in alcuna sanzione né illegalità.

Per il pagamento dell’affitto in contanti è bene però sapere che vi sono regole e limiti 2022 da rispettare che sono, nel dettaglio:

  • definire da parte di inquilino e proprietario un modo per registrare e dichiarare l’avvenuto pagamento, per esempio tramite rilascio all’inquilino ogni mese da parte del proprietario una ricevuta che riporta data di pagamento, indicando giorno, mese e anno, importo versato e le firme di entrambe le parti, ricevuta che rappresenta un documento ufficiale e ha valore legale;
  • possibilità di pagamento in contanti entro i mille euro nel 2022, tetto ridotto rispetto a quello dei duemila euro prima in vigore.

Per quanto riguarda il proprietario di casa che riceve il pagamento dell’affitto in contanti deve rilasciare relativa quietanza all’inquilino di casa e apporre obbligatoriamente la marca da bollo da 2 euro se il canone di affitto supera i 77,47 euro. 

Affitto casa pagamenti e regole

Se, dunque, le nuove regole permettono di effettuare i pagamenti dell’affitto di casa in contanti ma entro determinati limiti, è bene precisare che restano sempre in vigore, e preferibili, le modalità di pagamento dell’affitto di casa tracciabili.

Per pagare l’affitto di casa, infatti, è sempre consigliare usare sistemi di pagamento tracciabili come bonifici, bancari o postali, o assegni o vaglia postale.

Nel caso di pagamento dell’affitto con bonifico bancario bisogna riportare la causale specifica del pagamento, per esempio ‘pagamento canone di affitto mese x anno y’, in modo da non aver problemi nel caso di eventuali controlli e di permettere all’inquilino di usare la relativa contabile di pagamento esattamente come la quietanza che rilascia il proprietario nel caso di pagamento dell’affitto in contanti.


 





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il