Partita IVA comunitaria: controllo, verifica e ricerca

Come verificare l'esistenza e correttezza di una Partita IVA comunitaria, con il controllo tramite appositi servizi online

Partita IVA comunitaria: controllo, verifica e ricerca

Sono diverse le imprese e le aziende che oggi operano anche fuori dai confini nazionali, ritagliandosi fette di economica anche in altri Paesi dell’Ue. Questi soggetti hanno la possibilità di aprire una Partita Iva comunitaria. Si tratta di una partita Iva che permette, appunto, di lavorare anche con l’estero, con l’obiettivo di creare un mercato unico europeo che abbia un’unica aliquota Iva e stessa tassazione. E’ necessario rivolgersi all’Agenzia delle Entrate per la richiesta di apertura della partita Iva comunitaria, ma solo quando la p. Iva comunitaria sarà iscritta nel Registro Vies (Sistema elettronico di scambio di dati sull'Iva) si potranno effettuare operazioni con altri Paesi della UE. Vediamo quali sono le regole di controllo, verifica e ricerca delle partite Iva comunitarie.

Verifica della validità di una partita iva comunitaria

La verifica di validità di una p Iva comunitaria può avvenire direttamente tramite i servizi online resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate. Per essere valida, una partita Iva comunitaria deve essere iscritta al Vies e senza tale registrazione non è possibile avviare scambi commerciali o prestazioni con l'estero. Per essere inseriti nel Vies bisogna farne esplicita richiesta compilando il campo ‘Operazioni Intracomunitarie’ del quadro I dei modelli AA7 (soggetti diversi dalle persone fisiche) o AA9 (imprese individuali e lavoratori autonomi).

L'Agenzia delle Entrate, attraverso i propri registri, verifica la presenza delle aziende nel registro, che si può consultare sul sito delle Entrate se si ci si vuol accertare che tutto sia a norma. La verifica partita Iva permette a tutti i contribuenti che lo vogliono di controllare correttezza, esistenza e validità del numero di partita Iva che è stato attribuito al soggetto economico. Basta, come sopra riportato, scegliere lo Stato membro di interesse e avere le informazioni relative allo Stato prescelto, come anno di adesione all'UE, moneta in circolazione, descrizione della struttura del numero identificativo Iva, stato di collegamento con il sistema fiscale dello Stato scelto.

La verifica partita Iva comunitaria può aver esito positivo, se la dicitura risultante riporta Codice Iva valido, e in tal caso il numero identificativo Iva inserito risulta corretto e corrispondente ad un soggetto che ha facoltà di operare con l'esteso; o esito negativo, se la dicitura risultante è Codice Iva non valido/non corretto, e significa che il numero identificativo Iva riportato non è presenta nella banca dati dei soggetti autorizzati ad operare con l'estero o che semplicemente non è corretto.   

Partita IVA comunitaria Europea: il servizio per la verifica e controllo

Per controllo partita iva comunitaria e verifica partita iva comunitaria, attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate, è possibile accedere al servizio online offerto dal Vies, quindi effettuare la verifica partita iva in un determinato paese, scegliendo dall'apposito menu presente lo Stato membro in cui la verifica deve essere effettuata e inserendo semplicemente la partita Iva da verificare.   

Il Vies (acronimo per VAT, iva in inglese) è lo strumento elettronico per la trasmissione di informazioni per l'identificazione del numero della partita Iva delle imprese registrate ai fini Iva nell’UE ed è il sistema che permette di trasmettere anche informazioni relative alle forniture intracomunitarie tra le amministrazioni degli Stati membri. E’ bene sottolineare che i dati del Vies vengono aggiornati in tempo reale ma attraverso questo sistema si può controllare che la partita Iva sia presente negli elenchi comunitari ma non si possono conoscere ulteriori informazioni su nome o indirizzo del proprietario. Se la partita Iva non fosse presenti negli elenchi, è necessario contattare gli uffici amministrativi nazionali per effettuare una verifica e risolvere l’eventuale problema.

Partita IVA comunitaria controllo: i rischi di P.IVA non presenti nel VIES

Se la partita Iva comunitaria non risulta negli elenchi Vies i rischi possibili sono diversi. L’iscrizione al Vies è, infatti, obbligatorie e se non viene effettuata comporta sanzioni. Le partite Iva che operano o hanno operato all’estero senza essersi iscritte al Vies, dopo eventuali controlli potranno, potrebbero anche essere del tutto escluse dall’archivio vies dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie con provvedimento di revoca emesso dall’Agenzia delle Entrate.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Luigi Mannini
pubblicato il
Ultime Notizie