Pensione di reversibilità, calcolo lordo e netto. Quanto viene dato in percentuale importo

Cosa prevede la pensione di reversibilità e a chi viene erogata: calcolo dell’importo finale e aliquote da applicare

Pensione di reversibilità, calcolo lordo e netto. Quanto viene dato in percentuale importo

Cos’è la pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità è un trattamento previdenziale erogato dall’Inps che spetta ai familiari superstiti nel caso di decesso di un pensionato o di un lavoratore, ma a condizione di soddisfare determinati requisiti.

 

La pensione di reversibilità è un assegno pensionistico, appunto, che nel caso di decesso di un pensionato o di un lavoratore viene erogato ai familiari superstiti a condizione, però, di soddisfare determinati requisiti. La pensione ai superstiti si distingue in due tipologie: pensione di reversibilità, che spetta ai familiari se il defunto percepiva già altri trattamenti pensionistici come pensione di vecchiaia o anticipata, o pensione di invalidità o di inabilità; e pensione indiretta, che spetta ai familiari se il defunto non era ancora pensionato e aveva maturato almeno quindici anni di contributi o cinque anni, tre dei quali negli ultimi cinque anni prima del decesso.

Chi ha diritto alla pensione di reversibilità

Hanno diritto a richiedere la pensione di reversibilità i familiari del pensionato o lavoratore deceduto e spetta a partire dal mese successivo a quello del decesso a:

  1. coniuge (unito sia in matrimonio che civilmente, separato o divorziato, ma che percepiva l’assegno di mantenimento e patto che non si sia risposato;
  2. figli e i nipoti, studenti fino a 21 anni di età se frequentano la scuola, fino a 26 anni se frequentano corsi di laurea;
  3. genitori a carico del pensionato, se non aveva coniuge, figli e nipoti, a condizione che i genitori abbiano compiuto almeno 65 anni di età e non siano titolari di pensione;
  4. sorelle nubili e fratelli celibi, se il pensionato non aveva coniuge, figli, nipoti e genitori, e se fratelli e sorelle erano a suo carico, inabili al lavoro e non percettori di pensione.

Come si calcola la pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità viene erogata ai familiari superstiti in precise percentuali rispetto all’importo della pensione iniziale del pensionato e che sono:

  1. 100% della pensione per il coniuge con due o più figli o per sette o più sorelle o fratelli;
  2. 90% della pensione per sei fratelli o sorelle
  3. 80% della pensione per il coniuge con un figlio o due figli;
  4. 75% della pensione per cinque sorelle o fratelli;
  5. 70% della pensione per un figlio;
  6. 60% della pensione per il coniuge senza figli o per quattro fratelli o sorelle;
  7. 45% della pensione per tre fratelli o sorelle;
  8. 30% della pensione per entrambi i genitori o per due sorelle o fratelli.

Per il calcolo della pensione di reversibilità bisogna considerare l'importo lordo della pensione percepita dal defunto, specificando se si tratta di un valore mensile o annuale (13 mensilità), considerare l’eventuale altro reddito del coniuge e applicare una delle percentuali sopra riportate. Al risultato ottenuto, per ottenere l’importo della pensione di reversibilità netto ai superstiti, bisogna sottrarre poi tutte le imposte che solitamente si pagano sui redditi, da quelle regionali a quelle comunali.

E' bene, inoltre, precisare che la pensione di reversibilità si percepisce anche se i beneficiari del trattamento percepiscono altri redditi ma in tal caso l'importo del trattamento di reversibilità diminuisce nelle seguenti proporzioni:

  1. del 25% in caso di reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo annuo del fondo pensioni lavoratori dipendenti;
  2. del 49% in caso di reddito superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo del fondo pensioni lavoratori dipendenti;
  3. del 50% in caso di reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo annuo del fondo pensioni lavoratori dipendenti.

Come fare domanda per pensione di reversibilità

La domanda per ottenere la pensione di reversibilità deve essere presentata all’Inps, perché non viene erogata automaticamente ai familiari superstiti, e si può presentare o direttamente online sul sito Inps inserendo il proprio Pin Inps, o contattando telefonicamente il contact center Inps al numero 803 164 da rete fissa o allo 06 164 164 da cellulare; o, ancora, rivolgendosi a Patronati o intermediari dell’Inps.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie