Pensione vecchiaia 2020 a chi spetta, requisiti età, contributi, come fare domanda INPS

Quali sono i requisiti 2020 per andare in pensione di vecchiaia 2020: chi può uscire e finestre mobili. Procedura per presentare domanda Inps

Pensione vecchiaia 2020 a chi spetta, requisiti età, contributi, come fare domanda INPS

Chi può andare in pensione di vecchiaia 2020?

Possono andare in pensione di vecchiaia 2020 tutti coloro che maturano i requisiti richiesti in base a quanto previsto dall’attuale riforma Fornero delle pensioni, vale a dire 67 anni di età e almeno 20 anni di contributi. Per andare in pensione di vecchiaia 2020 non è prevista alcuna finestra mobile.

 

La pensione di vecchiaia resta il trattamento pensionistico che l’Inps eroga più di ogni altro nonostante le ‘nuove’ possibilità di andare in pensione anticipata, da quota 100 a opzione donna e ape social, tutte forme pensionistiche riconfermate e che saranno, dunque, ancora in vigore. La pensione di vecchiaia è quella che la maggior parte dei lavoratori scegliere, compresi gli iscritti alla gestione separata. Quali sono le regole per andare in pensione di vecchiaia 2020?

  • Quali sono i requisiti, età e contributi per andare in pensione di vecchiaia 2020
  • A chi spetta la pensione di vecchiaia 2020 contributiva
  • Come funziona la pensione di vecchiaia 2020 in regime di totalizzazione
  • Come fare domanda Inps per pensione di vecchiaia 2020

Pensione di vecchiaia 2020 requisiti: età e contributi richiesti

Per andare in pensione di vecchiaia 2020 bisogna ancora raggiungere 67 anni di età e almeno 20 anni di contributi. Per la pensione di vecchiaia, a differenza delle altre forme pensionistiche in vigore, non è prevista alcuna finestra mobile per l’uscita e non è previsto per il prossimo anno nessuno scatto di adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita Istat. Ma esistono categorie di lavoratori per cui i requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia sono differenti.  

Se, infatti, per la pensione di vecchiaia ordinaria bisogna avere 67 anni di età e 20 anni di contributi, le categorie di lavoratori per cui i requisiti richiesti per l’uscita cambiano sono:

  • dirigenti medici, ricercatori universitari e professori associati possono andare in pensione a 65 anni;
  • militari e impiegati del comparto difesa e sicurezza, che possono andare in pensione di vecchiaia a 57 anni e 7 mesi di età con 35 anni di contributi o avendo maturato 40 anni e 7 mesi di contributi indipendentemente dal requisito anagrafico);
  • lavoratori del mondo spettacolo, che possono andare in pensione di vecchiaia a 64 anni di età e 7 mesi di età;
  • cantanti, concertisti e orchestrali, che possono andare in pensione a 61 anni di età e 7 mesi per gli uomini e a 58 anni e 7 mesi per le donne;
  • attori, conduttori, direttori di orchestra, lavoratori del mondo della moda, che possono andare in pensione di vecchiaia 61 e 7 mesi.

Pensione di vecchiaia 2020 contributiva: a chi spetta

Insieme alla pensione di vecchiaia ordinaria 2020, per andare in pensione a 67 anni di età e con 20 anni contributivi, c’è anche la pensione di vecchiaia contributiva 2020. Si tratta di una possibilità di uscita che spetta solo a coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il primo gennaio 1996 e che calcolano la propria pensione finale esclusivamente con sistema contributivo.

I requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia 2020 contributiva sono:

  • avere almeno cinque anni di contributi;
  • avere almeno 71 anni di età;
  • aver iniziato a versare i contributi a partire dal 1996.

Pensione di vecchiaia 2020 in regime di totalizzazione: come funziona

E’ possibile andare in pensione di vecchiaia 2020 anche con regime di totalizzazione, sistema che permette di ricevere un’unica pensione finale pur avendo versato contributi in diverse casse, gestioni o fondi previdenziali. La totalizzazione permette di riunire tutti i contributi versati in differenti gestioni nella propria vita lavorativa in maniera del tutto gratuita.

La pensione di vecchiaia 2020 in regime di totalizzazione spetta a tutti i lavoratori dipendenti, autonomi e liberi professionisti, che hanno versato contributi previdenziali in diverse gestioni e che maturano i requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia.

Scegliendo il regime di totalizzazione cambia il periodo di decorrenza della pensione di vecchiaia: questa, infatti, viene riconosciuta con una decorrenza differita di 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti previsti.

E’ bene precisare che la domanda per la pensione di vecchiaia 2020 in regime di totalizzazione deve essere presentata dal lavoratore all’ultimo ente pensionistico dove è stato iscritto e deve riportare tutti gli enti presso cui ha versato i contributi.

Pensione di vecchiaia 2020: come fare domanda Inps

Chi decide di andare in pensione di vecchiaia a 67 anni di età e 20 anni di contributi, anche se pensione di vecchiaia contributiva o in regime di totalizzazione, deve presentare la domanda di pensione all’Inps qualche mese prima del raggiungimento dei requisiti pensionistici richiesti. La domanda per la pensione di vecchiaia 2020 può essere effettuata scegliendo tra tre modalità:

  • o accedendo in piena autonomia al sito Inps tramite inserimento del proprio Pin Inps e seguendo la procedura indicata;
  • o contattando telefonicamente il numero verde dell’Inps al numero 803164 da rete fissa o 06164164 da rete mobile;
  • o rivolgendosi a patronati o intermediari autorizzati.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie