Pensioni 2020, date di pagamento INPS. Calendario ufficiale

Quando saranno pagate le pensioni 2020 da banche e Poste Italiane e come cambiano gli importi con rivalutazione pensioni 2020

Pensioni 2020, date di pagamento INPS. C

Quali sono le novitÓ Inps comunicate per pagamenti e rivalutazioni pensioni 2020?

L’Inps ha reso noto una nuova circolare147 dell’11 dicembre 2019 con cui ha comunicate le date ufficiali di pagamento delle pensioni 2020 da gennaio a dicembre del prossimo anno e valori di riferimento, criteri e modalità di rivalutazione delle pensioni 2020.

L’Inps ha diffuso una nuova circolare per comunicare le date ufficiali di pagamento delle pensioni 2020 e valori di riferimento, i criteri e le modalità per la rivalutazione delle pensioni 2020. Vediamo quali sono le novità previste per calendario di pagamento ufficiale delle pensioni 2020.

  • Pensioni 2020 date di pagamento ufficiali dall'INPS
  • Comunicazione ufficiale rivalutazione pensioni 2020

Pensioni 2020 date di pagamento ufficiali dall'INPS

Stando a quanto riportato dalla circolare Inps 147 dell’11 dicembre 2019, le date ufficiali del calendario 2020 per pagamento delle pensioni da banche e Poste Italiane sono le seguenti:

  • 3 gennaio, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • primo febbraio per Poste Italiane e 3 febbraio per banche;
  • 2 marzo, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • primo aprile, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • 2 maggio per Poste Italiane e 4 maggio per banche;
  • primo giugno, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • primo luglio, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • primo agosto per Poste Italiane e 3 agosto per banche;
  • primo settembre, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • primo ottobre, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • 2 novembre, sia per banche sia per Poste Italiane;
  • primo dicembre (pensione mensile più tredicesima), sia per banche sia per Poste Italiane.

Con riferimento alle date di pagamenti ufficiale per le pensioni di invalidità, indennità d’accompagnamento e le rendite vitalizie Inail, avvengono il primo giorno bancabile di ogni mese o il giorno successivo se si tratta di giornata festiva o un giorno non bancabile.

Comunicazione ufficiale rivalutazione pensioni 2020

La stessa circolare Inps numero 147 riporta chiaramente valori di riferimento, criteri e modalità di rivalutazione delle pensioni 2020. In particolare, stando a quanto reso noto, è stata confermata la rivalutazione dell’1,1% già attribuita alle pensioni in via provvisoria per l’anno 2019, mentre l’articolo 2 del decreto MEF del 15 novembre 2019 stabilisce l’indice provvisorio da usare per la rivalutazione delle pensioni a partire dal primo gennaio 2020, pari allo 0,4%.

Il trattamento minimo per le pensioni di lavoratori dipendenti e autonomi dal primo gennaio 2020 passa dai 513,01 del 2019 ai 515,07 euro.

La circolare Inps ha inoltre confermato che per il periodo 2019-2021 la rivalutazione automatica delle pensioni viene riconosciuta:

  1. al 100% per i trattamenti pensionistici pari o inferiori a tre volte il trattamento minimo Inps;
  2. al 97% per i trattamenti pensionistici pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps;        
  3. al 77% per i trattamenti pensionistici superiori a quattro volte il trattamento minimo Inps;
  4. al 52% per i trattamenti pensionistici superiori a cinque volte il trattamento minimo Inps;
  5. al 47% per i trattamenti pensionistici superiori a sei volte il trattamento minimo Inps;        
  6. al 45% per i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a otto volte il trattamento minimo Inps;
  7. al 40% per i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a nove volte il trattamento minimo Inps.

Non è prevista alcuna rivalutazione per pensioni di importi superiori alle predetta soglia.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie