Permessi legge 104 incidono o no sul Tfr

Come e quanto incidono i permessi leggi 104 sul Tfr finale: cosa c’è da sapere e chiarimenti per calcolo trattamento di fine rapporto

Permessi legge 104 incidono o no sul Tfr

I permessi legge 104 incidono o no sul Tfr?

I permessi della Legge 104 dei tre giorni al mese, validi sia per portatori di handicap riconosciuti dalla legge, sia per parenti che li assistono, non incidono in alcun modo sulla maturazione del Tfr (Trattamento di fine rapporto).

I permessi previsti dalla Legge 104 incidono o no sul Tfr? I permessi previsti dalla Legge 104 (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) sono di tre giorni al mese, possono usufruirne sia per i lavoratori disabili e sia i familiari che assistono il parente disabile e si possono fruire sia in maniera continuativa sia in maniera discontinua nel corso dello stesso mese ad ore. Vediamo se e quanto incidono i permessi della legge 104 sul Tfr.

  • Permessi legge 104 incidono o no su Tfr
  • Permessi legge 104 maturazione Tfr

Permessi legge 104 incidono o no su Tfr

I permessi di cui si può usufruire grazie alla Legge 104 di tre giorni al mese sia per diretti portatori di handicap che presentano una minorazione di tipo fisico, psichico o sensoriale (che per essere effettivamente riconosciuta deve essere accertata da apposita commissione medica) che determina una ridotta capacità di apprendimento, relazione o integrazione lavorativa tale da determinare emarginazione sociale o lavorativa, e sia per parenti che li assistono, sono permessi retribuiti per cui l’Inps riconosce una indennità che viene anticipata dal datore di lavoro.

I tre giorni di permesso previsti dalla Legge 104 non incidono in alcun modo sulla maturazione del TFR (Trattamento di fine rapporto) che, dunque, non subisce alcuna modifica. Stando, infatti, a quanto previsto dalle regole in vigore, il Tfr non deve essere riproporzionato in base ai permessi per Legge 104 di cui si usufruisce nel corso del mese.

Permessi legge 104 maturazione Tfr

Considerando che, come sopra appena spiegato, i permessi previsti dalla Legge 104 non incidono in alcun modo sul Tfr di chi ne usufruisce, significa che lavoratore portatore di handicap o relativo parente che si occupa di assisterlo maturano il Tfr regolarmente, senza alcuna penalizzazione, accantonando quote negli anni di servizio per poi averlo o al momento della cessazione del rapporto di lavoro subordinato (per licenziamento o dimissioni) o al momento del pensionamento del lavoratore.

Anche in tal caso, dunque, il Tfr corrisponde al 6,91% dell’importo lordo annuale guadagnato dal lavoratore nel caso di dipendenti privati e la liquidazione del Trattamento di fine rapporto dipende dai tempi stabiliti dai contratti collettivi che spesso fissano un termine entro il quale il datore di lavoro deve versare il Tfr maturato. Se il contratto non riporta nulla in tal senso, il lavoratore può richiedere la liquidazione del suo Tfr anche subito.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie