Polizze vita come investimento non conviene nel 2022. Tutti i motivi

La scelta di una polizza vita come forma di investimento può rivelarsi poco saggia. Ecco cosa c'è da sapere per agire consapevolmente.

Polizze vita come investimento non convi

Perché non conviene come investimento la polizza vita?

Una polizza vita può avere costi di 3-4 punti percentuali all'anno che incidono negativamente sui rendimenti in quanto sono disponibili altri prodotti che investono negli stessi mercati con costi che non vanno altro lo 0,5%.

Quando si tratta di investimenti finanziari, maggiore è il rischio che si assume, maggiori sono le prospettive di rendimento. Ma cosa intendiamo per prestazioni? E quando si dice che un contratto di assicurazione sulla vita diventa rischioso? Il rendimento dell'assicurazione sulla vita è espresso da un tasso. Più è alto, maggiori saranno i guadagni generati. Ma attenzione, se il tasso di rendimento è molto spesso positivo, può anche essere negativo.

Una delle domande più frequenti poste dai risparmiatori è se l'assicurazione sulla vita sia un investimento sicuro o meno. La domanda è lecita. Qualsiasi persona fisica avente la capacità giuridica di sottoscrivere un contratto può aprire uno o più contratti di assicurazione sulla vita. Solo un minore o un adulto sotto tutela non può farlo da solo. Approfondiamo adesso:

  • Perché non conviene come investimento la polizza vita

  • Dovere della trasparenza sulle polizze vita

Perché non conviene come investimento la polizza vita

I contratti di assicurazione sulla vita sono offerti da assicuratori, compagnie di mutuo assicurazione, banche o loro agenti, consulenti di gestione patrimoniale. Qualunque sia l'intermediario, il contratto viene stipulato con una compagnia di assicurazioni. Quando si firma il contratto, si effettua un primo pagamento.

Generalmente, dopo l'apertura e il pagamento del premio iniziale, è possibile effettuare versamenti aggiuntivi che possono essere regolari. Gli assicuratori possono stabilire un importo minimo per ogni pagamento, ma occorre sempre ponderare le scelte.

Perché occorre procedere con molta cautela? Una polizza vita può avere costi di 3-4 punti percentuali all'anno che incidono negativamente sui rendimenti in quanto sono disponibili altri prodotti che investono negli stessi mercati con costi che non vanno altro lo 0,5%. Se moltiplichiamo questa percentuale per gli anni dell'assicurazione, ecco che viene fuori l'incidenza economica complessiva.

Qual è la durata ideale di un investimento in un'assicurazione sulla vita? Si tratta di un investimento finanziario a breve o lungo termine? La durata del contratto dipende soprattutto dalle proprie esigenze, dato che si potranno recuperare in tutto o in parte i risparmi in qualsiasi momento.

Ci sono generalmente tre distinti profili di investitore principali. A seconda che si tratti di un risparmiatore prudente, equilibrato o dinamico, non si utilizzano gli stessi veicoli di investimento.

Il profilo di rischio dell'investitore prudente è caratterizzato dalla sicurezza dei suoi risparmi. Si tende a non voler perdere soldi e a essere avversi al rischio. Questo profilo dell'investitore cerca soprattutto la sicurezza e preferisce un investimento ragionevole.

Il profilo di rischio dell'investitore equilibrato è caratterizzato dalla ricerca del giusto equilibrio tra redditività e rischio di perdita di capitale. Se ci si riconosce nel profilo di un risparmiatore equilibrato, allora si tende a scegliere assicurazioni sulla vita che offrono un buon compromesso tra diversificazione e misurazione del rischio che resta possibile.

Il profilo di rischio dell'investitore dinamico, talvolta chiamato risparmiatore aggressivo, è caratterizzato da una ricerca della performance soprattutto in cambio di un maggior rischio di perdita di capitale. Risparmiando a lungo termine su diverse tipologie di unità di conto, di diverse aree geografiche o investite in diversi settori, si riduce automaticamente il rischio, anche se la potenziale perdita di capitale resta possibile.

Dovere della trasparenza sulle polizze vita

Quando si stipula un'assicurazione sulla vita, l'intermediario - il broker o l'assicuratore, ad esempio - ha il dovere di consigliare e informare. Le polizze vita più adatte sono quelle che sono state selezionate a seguito di un'analisi approfondita delle esigenze del cliente da parte dell'intermediario.

L'assicurazione sulla vita non è l'unico prodotto di risparmio disponibile sul mercato. Ci sono alternative più o meno interessanti e avere un'assicurazione sulla vita non impedisce di fare un investimento aggiuntivo. In sintesi occorre tenere conto della situazione personale, delle esigenze, degli obiettivi, dei progetti e del profilo di rischio per fare la scelta migliore in termini di risparmio.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il