Posso difendermi da solo in tribunale in una causa civile senza avvocato

Quando la legge ammette la possibilità per i cittadini di difendersi da soli in tribunale in una causa civile senza avvocato: tipi di cause da affrontare da soli

Posso difendermi da solo in tribunale in

E’ possibile difendersi da soli in tribunale in una causa civile senza avvocato?

La legge in vigore ammette la possibilità per i cittadini di difendersi da soli in tribunale in una causa civile senza avvocato in specifiche cause che sono le cause davanti al Giudice di Pace il cui valore non supera i 1.100 euro e le cause di lavoro in primo grado in tribunale ma solo se il valore della causa non supera l’importo di 129,11 euro.

Le cause in tribunale necessitano sempre di una assistenza legale, della figura di un professionista che conosca le giuste strategie difensive e abbia tali doti oratorie da poter dibattere diverse cause, una figura che sappia affiancarci e consigliarci al meglio in caso di problemi legali.

Tuttavia, ci sono casi in cui, come previsto anche dalla legge, i cittadini decidono di non farsi rappresentare da avvocati e preferiscono difendersi da soli in tribunale, casi in cui magari i cittadini non hanno soldi tali da potersi permettere di pagare spese legali di un avvocato o casi in cui si tratta di cause civili in cui lo stesso cittadino sente di essere ferrato al punto tale di non aver bisogno di un avvocato. Vediamo allora se e quando è possibile difendersi da soli in tribunale senza avvocati in cause civili.

  • Quando posso difendermi da solo in tribunale in una causa civile senza avvocato
  • Difendersi da soli in tribunale senza avvocato in cause civili secondo grado

Quando posso difendermi da solo in tribunale in una causa civile senza avvocato

a Legge ammette la possibilità per i cittadini di difendersi da soli in tribunale senza avvocato. Ci si può, infatti, difendere da soli in tribunale in una causa civile senza avvocato in cause e circostanze precise che sono:

  • cause davanti al Giudice di Pace il cui valore sia fino a 1.100 euro;
  • cause che hanno per oggetto beni mobili (ad esempio risarcimenti di danni in materia di sinistri stradali), rapporti tra proprietari o detentori di immobili in materia di immissioni di fumo o calore, esalazioni, rumori oltre la normale tollerabilità, controversie sulle modalità e sulla estensione dell’uso dei servizi condominiali, sempre entro il valore di 1.110 euro;
  • cause di lavoro in primo grado in tribunale ma solo se il valore della causa non supera l’importo di 129,11 euro;
  • cause, di qualsiasi valore, in primo grado cui si propone opposizione alle sanzioni amministrative per infrazioni al Codice della Strada, violazioni di norme a tutela del lavoro, di norme sulla igiene dei luoghi di lavoro e di prevenzione degli infortuni sul lavoro, violazioni di norme sull’igiene di alimenti e bevande violazioni di norme di previdenza e assistenza obbligatorie, violazioni di norme a tutela dell’ambiente, violazione di norme valutarie e di antiriciclaggio.

Esistono poi casi in cui per cause che superano il valore di 1.100 euro il giudice di pace può permettere a chi ne fa richiesta di difendersi da solo in tribunale ma a condizione che le cause siano semplici e non siano richieste specifiche competenze tecniche.

Difendersi da soli in tribunale senza avvocato in cause civili secondo grado

Se nelle cause civili appena riportate la legge in vigore permette al cittadino di difendersi da solo in tribunale, è bene sottolineare che lo stesso cittadino non può mai difendersi da solo in secondo grado anche in cause civili.

In particolare, in caso, per esempio, di una causa vinta da soli davanti al giudice di pace e di conseguente proposta di appello, non è più possibile difendersi da soli ma diventa obbligatorio rivolgersi ad un avvocato per assistenza legale.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie