Posso ritirare le dimissioni o non è possibile. I casi 2020-2021 previsti per leggi e CCNL

Tutti i contratti di lavoro dovrebbero contenere una clausola sulle tempistiche che stabilisce cosa devono fare datore di lavoro e dipendente per porre fine al rapporto di lavoro.

Posso ritirare le dimissioni o non è pos

Dimissioni dal lavoro, posso ritirarle o no?

La lettera di dimissioni, una volta consegnata al datore di lavoro tenendo conto delle norme generali sul lavoro e quelle del Ccnl di appartenenza, non può essere ritirate se non entro 7 giorni. Ma ci sono tre casi in cui non si tiene conto di questo limite.

Cosa succede se un dipendente consegna la sua lettera di dimissioni secondo la procedura prevista e poi cambia idea? Può farlo o leggi e Ccnl non lo consentono? Le dimissioni di lavoro possono essere ritirate? Scopriamo tutto in questo articolo, facendo subito presente come la normativa in vigore sia molto dettagliata e disciplini ogni aspetto.

Qualsiasi dimissione comporta il distacco dal posto di lavoro, al pari di quanto avverrebbe con il licenziamento. Le conseguenze sono però molto diverse poiché il dipendente dimissionario non può presentare domanda di ricezione dell'indennità di disoccupazione e allo stesso tempo non può presentare alcun reclamo formale in un Tribunale del lavoro.

Ecco quindi che molti lavoratori si accorgono con ritardo di aver preso la decisione sbagliata e provano a tornare sui propri passi. Provando a fare un passo indietro, il datore di lavoro dovrebbe sempre assicurarsi di capire perché il dipendente ha deciso di dimettersi e concordare esattamente quando porre fine al rapporto di lavoro. Esaminiamo allora

  • Dimissioni dal lavoro, posso ritirarle o no
  • Casi 2020-2021 di dimissioni e tempistiche secondo leggi e Ccnl

Dimissioni dal lavoro, posso ritirarle o no

In linea di massima, la lettera di dimissioni, una volta consegnata al datore di lavoro tenendo conto delle norme generali sul lavoro e quelle del Ccnl di appartenenza, non può essere ritirata se non entro 7 giorni. Ci sono stati numerosi casi di dimissioni contestate nel corso degli anni, ma la regola generale rimane dei 7 giorni resta valida.

I lavoratori dovrebbero quindi essere assolutamente sicuri delle conseguenze prima di formalizzare la scelta di dimettersi poiché, trascorsa una settimana, è difficile che siano in grado di ritirare la lettera di addio.

Le eccezioni ammesse sono tre. La prima è l'errore se il lavoratore pensava di avere un rapporto di lavoro a tempo determinato anziché a tempo indeterminato. La seconda è per incapacità anche temporanea di intendere e volere da parte del lavoratore che non è stato capace di capire la portata della richiesta di dimissioni.

La terza è per minacce o ricatti del datore di lavoro che lo ha spinto alle dimissioni per evitare sanzioni per licenziamento ingiusto. I datori di lavoro possono "accettare" la scelta di qualcuno di dimettersi, ma in realtà si tratta di una definizione fuorviante.

Fintanto che il dipendente fa ciò che la clausola di preavviso nel contratto richiede, ovvero presentando le dimissioni nella forma e nei tempi previsti, un datore di lavoro non può impedire di dimettersi. Un datore di lavoro non può costringere qualcuno a continuare a lavorare contro la sua volontà.

Casi 2020-2021 di dimissioni e tempistiche secondo leggi e Ccnl

Tutti i contratti di lavoro dovrebbero contenere una clausola sulle tempistiche che stabilisce cosa devono fare il datore di lavoro e il dipendente per porre fine al rapporto di lavoro.

Nello specifico, la clausola stabilisce quanto tempo di preavviso deve essere dato da una parte all'altra sulla base del Ccnl (terziario e servizi, edilizia e legno, alimentari, credito e assicurazioni, tessili, trasporti, meccanici, agricoltura e allevamento, enti e istituzioni private, chimica, poligrafici e spettacolo, marittimi, enti pubblici).

Di solito, la clausola specifica che la notifica deve essere data per iscritto, ma non è sempre così perché a volte è consentito rassegnare le dimissioni anche verbalmente. È comunque sempre consigliabile dare preavviso per iscritto (e assicurarsi che sia datato) per evitare contestazioni successive.

Sebbene la regola generale sia che la notifica non può essere ritirata unilateralmente, il datore deve accertarsi che il lavoratore abbia davvero intenzione di rassegnare le dimissioni e rinunciare all'attività. Il dipendente intendeva davvero fare quello che ha scritto?

Di solito non ci sono dubbi di sorta e ci sono 7 giorni di tempo per annullarle, ma in genere i dubbi sono pochi e il rapporto di lavoro è destinato inesorabilmente a terminare.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie