Postepay estero: funziona? Commissioni e costi di prelievo

Poste Italiane permette di usare Postepay estero senza alcun problema con eventuali ulteriori costi per alcune operazioni ma sempre valida sia in Paesi di Zona Euro si in Paesi fuori dalla zona Euro.

Postepay estero: funziona? Commissioni e costi di prelievo

E' possibile usare la Postepay all'estero?

Sì. La Postepay può essere usata in tutti i Paesi oltreconfine, sia in quelli rientranti nella zona Euro sia quelli fuori dalla zona Euro e che fanno parte di continenti di Africa e Oceania. Sono previsti costi di commissioni differenti ma nessuna commissione su pagamenti. 

La Postepay è la carta prepagata ricaricabile di Poste Italiane che può essere acquistata e attivata direttamente, e semplicemente, presso un ufficio postale, presentando un documento di identità valido e il proprio codice fiscale. Esistono diverse tipologie di carte Postepay, con differenti caratteristiche dedicate ad ogni tipo di utenza, per soddisfare le diverse esigenze, ed è possibile anche usare Postepay all’estero. Se una volta all’estero si avesse qualche problema con la propria Postepay o si avesse necessità di assistenza basterà contattare il numero telefonico +39 02.8244.33.33.

Si può usare la postepay all'estero? Come funziona

La Postepay di Poste Italiane può essere usata all’estero e ha la stessa validità che ha in Italia e prevede la possibilità di effettuare le stesse operazioni possibili in Italia, perché si tratta di una carta collegata al circuito Visa e Visa Electron, o MasterCard per chi è titolare di una Postepay NewGift o Postepay PosteMobile, che permette di usare la Postepay praticamente ovunque, in Italia, all’estero, nei paesi europei ed extra europei, online e in tutti gli uffici postali. La Postepay estero funziona, dunque, dappertutto come ogni altra qualsiasi carta bancomat quando si è fuori dall’Italia.

Dove prelevare con postepay. Sportelli all’estero

Con Postepay all'estero si possono effettuare prelievo da sportelli Atm bancari abilitati e presso tutti gli sportelli Atm del circuito Visa e Visa Electron. E' dunque possibile il Postepay estero prelievo e per la versione Standard il limite di prelievo giornaliero è di 250 euro e il limite di pagamento giornaliero è di 300 euro, mentre per la versione Evolution il limite di prelievo giornaliero è di 600 euro e il limite di pagamento giornaliero è di 350 euro.

Costi prelievo Postepay all'estero

Quali sono i costi pprevisti per prelevare con Postepay all'estero? Per quanto riguarda la voce Postepay estero commissioni di prelievo, nei Paesi dell’UE il costo previsto per il prelievo dai bancomat è uguale a quello per l’Italia, e vale a dire di 1,75 euro, costo che aumenta per i prelievi nei Paesi extra Ue per ogni operazione di prelievo. In particolare, nei Paesi in zona Euro, il costo dei prelievi è di 1,75 euro per la versione Standard e di 2 euro per la versione Evolution, mentre nei Paesi fuori dalla zona Euro, sia per la versione Standard che per la versione Evolution, il costo dei prelievi è di 5 euro più l’1,1% dell’importo prelevato.

Quali sono per Postepay estero costi previsti? Per quanto riguarda la voce Postepay estero commissioni di prelievo, nei Paesi dell’UE il costo previsto per il prelievo dai bancomat è uguale a quello per l’Italia, e vale a dire di 1,75 euro, costo che aumenta per i prelievi nei Paesi extra Ue per ogni operazione di prelievo. In particolare, nei Paesi in zona Euro, il costo dei prelievi è di 1,75 euro per la versione Standard e di 2 euro per la versione Evolution, mentre nei Paesi fuori dalla zona Euro, sia per la versione Standard che per la versione Evolution, il costo dei prelievi è di 5 euro più l’1,1% dell’importo prelevato.

Commissioni Postepay acquisti estero nei negozi e ristoranti

La Postepay estero può essere usata ovunque, in qualsiasi Paese e in ogni negozio, ristorante, o altro locale che sia dotato di Pos per pagamenti con carte di credito o bancomat aderenti al circuito della carta, Inoltre, con Postepay estero si può puoi prelevare senza problemi. Quello che cambia rispetto all’Italia, e che poi varia anche in base al Paese in cui ci si trova, è il costo delle commissioni per acquisti all’estero nei negozi e ristoranti. Sia nei Paesi UE che extra Ue cambiano le commissioni su prelievi ma per le operazioni di pagamento presso i Pos sia nei paesi dell’Unione Europea che in quelli Extra UE non è prevista l’applicazione di alcuna commissione. Parliamo anche dei metodi da conoscere per usarla al meglio.

Ricaricare la PostePay all'estero

Una volta all’estero, è anche possibile effettuare una ricarica Postepay e sono diverse le modalità che si possono seguire: è, infatti, possibile ricaricare la Postepay online, per esempio dal proprio conto bancoposta tramite il sito Poste.it; o tramite dall’applicazione per smartphone e tablet, che prevede il costo di un euro, lo stesso previsto per l’Italia. Sono richiesti, invece, 2 euro per effettuare la ricarica Postepay presso i punti vendita Sisal e 3 euro per una ricarica Postepay con carta di credito o bancomat presso gli sportelli Atm.Una volta all’estero, è anche possibile effettuare una ricarica Postepay e sono diverse le modalità che si possono seguire: è, infatti, possibile ricaricare la Postepay online, per esempio dal proprio conto bancoposta tramite il sito Poste.it; o tramite dall’applicazione per smartphone e tablet, che prevede il costo di un euro, lo stesso previsto per l’Italia. Sono richiesti, invece, 2 euro per effettuare la ricarica Postepay presso i punti vendita Sisal e 3 euro per una ricarica Postepay con carta di credito o bancomat presso gli sportelli Atm.

I paesi esteri in cui si può usare la Postepay

La Postepay estero può essere usata oltre confine sia nei Paesi della Zona Euro (Austria, Belgio, Cechia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Svizzera) e quindi anche le loro capitali e principali città: Londra, Madrid, Barcellona, Berlino, Praga, Amsterdam, Parigi, Atene,... sia nei Paesi fuori dalla Zona Euro, compresi quelli di Stati Uniti, Asia, Oceania, Africa.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie