Previsioni cambio dollaro-euro per il 2021 secondo analisti ed esperti

I timori del mercato su ciò che la Bce avrebbe potuto fare per scoraggiare il rialzo dell'euro sono riusciti a mantenere la coppia euro-dollaro sotto 1,20 per gran parte del tempo.

Previsioni cambio dollaro-euro per il 20

Cambio dollaro-euro 2021, quali sono le previsioni degli analisti?

Secondo gli esperti, l'euro non perderà terreno contro il dollaro nei prossimi due anni per varie ragioni. In primo luogo, per il contesto della politica monetaria e fiscale che dovrebbe rimanere favorevole. Quindi si prevede che il divario tra i rendimenti reali a lungo termine nella zona euro e negli Stati Uniti continuerà a favorire il primo. Dopodiché si pensa che l'economia e il commercio globali si riprenderanno, consentendo alla propensione al rischio di continuare ad aumentare.

Il tasso euro-dollaro diminuirà o aumenterà nel 2021? Il punto di partenza è la situazione attuale dopo che la Banca centrale europea ha effettuato una ricalibrazione ampiamente anticipata delle sue impostazioni di politica monetaria.

I responsabili delle politiche europee hanno lasciato invariati tutti i principali tassi di interesse della Bce dopo la riunione di dicembre, in linea con le aspettative del mercato, ma hanno deciso di espandere il programma di quantitative easing correlato alla pandemia.

I tassi addebitati o altrimenti pagati sulle principali operazioni di rifinanziamento della Bce, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale sono rimasti invariati, sebbene sia stata aumentata la sua assegnazione di euro di nuova creazione al Programma di acquisto di emergenza pandemico per 500 miliardi di euro per un totale di 1,85 trilioni di euro. Analizziamo quindi:

  • Cosa influenza cambio dollaro-euro per il 2021
  • Cambio dollaro-euro 2021, previsioni analisti

Cosa influenza cambio dollaro-euro per il 2021

Il Programma di acquisto di emergenza pandemico è la bandiera con cui la Banca centrale europea acquista obbligazioni europee per motivi legati alla pandemia, qualcosa che ora intende continuare a fare per altri nove mesi, il che significa che il programma di quantitative easing ispirato al coronavirus continuerà ora almeno fino alla fine di marzo 2022 anziché alla fine di giugno 2021.

La Bce ha anche ottimizzato una serie di altri strumenti nel mezzo della seconda ondata di diffusione del virus. Ha anche affermato che continuerà allo stesso tempo ad acquistare 20 miliardi di euro al mese o 240 miliardi di euro all'anno come parte del suo originale programma di quantitative easing, noto come Asset Purchase Program.

Tuttavia, la Banca centrale europea non si è fermata qui poiché sta anche estendendo la durata delle sue operazioni mirate di rifinanziamento a lungo termine in modo che termini più favorevoli rimangano in vigore fino alla fine di giugno 2022 anziché essere ritirati tra giugno e dicembre 2021.

Tutte le azioni della Bce erano state anticipate da analisti, economisti e investitori, quindi non hanno sconvolto l'euro

Cambio dollaro-euro 2021, previsioni analisti

I timori del mercato su ciò che la Banca centrale europea avrebbe potuto fare per scoraggiare il rialzo dell'euro sono riusciti a mantenere la coppia euro-dollaro sotto 1,20 per gran parte del tempo tra l'inizio di settembre e l'inizio di dicembre, quando è stata finalmente superata.

Il tasso di cambio principale dell'Europa è stato alzato di oltre l'8% nel 2020 nonostante la pandemia, principalmente a causa del continuo esodo degli investitori dal dollaro. E ha continuato a salire anche se le nuove restrizioni hanno spinto l'economia del continente nella direzione di un recessione.

L'area dell'euro ha registrato un forte rimbalzo rispetto al minimo precedente nel terzo trimestre, ma si prevede che si contrarrà nuovamente negli ultimi mesi dell'anno. L'Eurozona entrerebbe in una doppia recessione se l'economia si contrasse di nuovo nel primo trimestre del 2021. Per molti economisti è comunque improbabile.

A loro dire, l'euro non perderà terreno contro il dollaro nei prossimi due anni (non solo nel 2021, ma in un'ottica più ampia anche nel 2022) per tre ragioni principali e prevalenti su altre. In primo luogo, per il contesto della politica monetaria e fiscale che dovrebbe rimanere favorevole anche se la maggior parte delle buone notizie sul fronte politico della zona euro ora è scontato. In secondo luogo, si prevede che il divario tra i rendimenti reali a lungo termine nella zona euro e negli Stati Uniti continuerà a favorire il primo.

Dopodiché si pensa che l'economia e il commercio globali si riprenderanno ulteriormente, consentendo alla propensione al rischio di continuare ad aumentare. Le nostre previsioni di fine 2021 e di fine 2022 per il tasso di cambio dollaro-euro sono rispettivamente di 1,25 e 1,30 dollari per euro.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il