Principio di cassa o competenza per regime forfettario partite iva 2021

Principio di cassa o competenza per regime forfettario partite iva 2021

Principio di cassa o competenza per regi

Regime forfettario: si applica il principio di cassa o di competenza?

Nel caso del regime forfettario il solo principio contabile che si può utilizzare è quello di cassa. La principale differenza rispetto al principio di competenza è la tempistica in cui vengono registrati e riconosciuti i ricavi e i costi.

Il principio di cassa e il principio di competenza sono due metodi di contabilità utilizzati per registrare le transazioni delle partite Iva. La differenza fondamentale tra i due è la tempistica in cui viene registrata. Nel tempo, i risultati dei due metodi sono approssimativamente gli stessi.

Nel caso del principio di competenza, la transazione e le entrate sono registrate quando guadagnate e le spese vengono registrate quando vengono consumate. Nel caso del principio di cassa, la transazione e le entrate vengono registrate quando si riceve denaro dai clienti.

Le spese sono registrate quando si paga denaro a fornitori e dipendenti. Il principio di cassa è il metodo contabile più semplice per registrare le transazioni perché non sono necessarie transazioni contabili complesse. Questo metodo è ampiamente utilizzato nelle piccole imprese, dai professionisti e dai lavoratori autonomi con ricavi limitati perché è facile da usare.

Tuttavia, la tempistica casuale delle entrate e delle uscite di cassa significa che i risultati riportati possono variare tra profitti alti e bassi. Ci sono altri motivi per cui le aziende più grandi e le partite Iva con guadagni elevati utilizzano il metodo della competenza economica per registrare le proprie transazioni.

Con la contabilità per competenza è più probabile che i risultati finanziari di un'azienda corrispondano a ricavi e costi nello stesso periodo di rendicontazione. In questo modo è possibile conoscere la reale redditività di un'azienda. Tuttavia, a meno che un rendiconto finanziario non sia incluso nel bilancio, questo approccio non rivela la capacità dell'azienda di generare liquidità. Vediamo quindi nel dettaglio

  • Regime forfettario: principio di cassa o di competenza?
  • C'è la possibilità di scelta tra principio di cassa o di competenza?

Regime forfettario: principio di cassa o di competenza?

La principale differenza tra contabilità per competenza e contabilità di cassa per le partite Iva è la tempistica in cui vengono registrati e riconosciuti i ricavi e i costi.

Il metodo della contabilità di cassa è più immediato nel riconoscimento dei ricavi e dei costi, mentre il metodo della contabilità per competenza si concentra sui ricavi e sui costi previsti. Tuttavia nel caso del regime forfettario il solo principio utilizzabile è il primo ovvero quello di cassa.

Entrambi i metodi di contabilità per competenza e per cassa hanno i loro vantaggi e svantaggi che tutte le partite Iva devono conoscere e tenere in considerazione. Ma nessuno dei due mostra il quadro completo della salute finanziaria di una partita Iva, qualunque sia il regime contabile applicato.

Tuttavia, il metodo di competenza è il più comunemente utilizzato, in particolare dalle società quotate in borsa. Una ragione per la popolarità del principio di contabilità per competenza è che livella i guadagni straordinari poiché registra tutte le entrate e le spese man mano che vengono generate invece di essere registrate come nel caso del principio di cassa.

C'è la possibilità di scelta tra principio di cassa o di competenza?

In sintesi, il principio di cassa per le partite Iva in regime forfettario è semplice da usare poiché tiene conto solo del denaro pagato o ricevuto. Ed è più facile monitorare il flusso di cassa. Potrebbe però sopravvalutare lo stato di salute di un lavoratore con liquidità ma con ingenti somme di debiti.

D'altra parte, con il principio di competenza, l'inclusione di crediti e debiti consente di avere un quadro più accurato della redditività a lungo termine. Ma non tiene traccia del flusso di cassa e di conseguenza potrebbe non rappresentare un lavoratore con una grave carenza di liquidità a breve termine, nonostante sembri redditizia a lungo termine.

E può essere più complicato da implementare poiché è necessario tenere conto di elementi come entrate non acquisite e spese prepagate. In ogni caso, le partite Iva in regime forfettario non possono scegliere il tipo di contabilità da applicare, ma devono necessariamente adeguarsi al principio di cassa e mai a quello di competenza.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il