Qual è e come si calcola realmente distanza consentita siepi, alberi, rami e radici tra due case

Distanze differenti da rispettare per piantare siepi e alberi tra due casi: come si calcola e quali sono le distanze stabilite dalla legge

Qual è e come si calcola realmente dista

Come si calcola realmente distanza consentita siepi, alberi, rami e radici tra due case?

Secondo quanto stabilito dalle leggi in vigore, la distanza di siepi, alberi, rami e radici tra due case vicine si misura seguendo la linea retta più breve dal punto della semina o dalla base esterna del tronco dell’albero al momento in cui è stato piantato fino alla linea di confine.
 

Qual è e come si calcola realmente distanza consentita siepi, alberi, rami e radici tra due case? Avere due casi vicine implica obbligo per i proprietari di entrambe le case di rispettare regole specifiche previste dalla legge che se non rispettate potrebbero creare problemi tra gli stessi vicini. Vediamo di seguito cosa prevedono norme in vigore attualmente per la distanza da rispettare per siepi, alberi, rami e radici tra due case.

  • Distanza siepi, alberi, rami e radici tra due case qual è secondo leggi in vigore
  • Come calcolare distanza siepi, alberi, rami e radici tra due case vicine

Distanza siepi, alberi, rami e radici tra due case qual è secondo leggi in vigore

Le leggi in vigore sono chiare e precise sulla distanza che deve essere rispettata per siepi, alberi rami e radici tra due case vicine. Innanzitutto, esiste una distanza da rispettare rispetto alla casa vicina se si vogliono piantare siepi, alberi o altre piante che varia a seconda del tipo di siepe o albero che si ha intenzione di mettere ed è in particolare di:

  • tre metri di distanza dalla casa del vicino, se si tratta di alberi ad alto fusto, come noci, cipressi, pini, querce, castagni, ecc, cioè alberi particolarmente alti;
  • un metro e mezzo di distanza dalla casa del vicino, se si tratta di alberi di non alto fusto;
  • mezzo metro di distanza dalla casa del vicino, se si tratta di siepi vive, vite, arbusti, piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo, siepi vive e vite;
  • un metro di distanza dalla casa del vicino, se si tratta di siepi di castagno, di ontano o di piante che si recidono vicino al ceppo;
  • due metri di distanza dalla casa del vicino, se si tratta delle ornamentali robinie.

Le distanze da rispettare per siepi, alberi e altre piante tra due case vicine sono importanti anche per rami e radici tra le stesse case vicine. Se gli alberi piantati non rispettano le distanze previste dalla legge, le radici degli stessi, piantati nel proprio giardino, e i rami possono cresce al punto di sconfinare nel giardino della casa del vicino, creando danni e problemi.

Come calcolare distanza siepi, alberi, rami e radici tra due case vicine

Secondo quanto stabilito dalle leggi in vigore, la distanza di siepi, alberi, rami e radici tra due case vicine si misura seguendo la linea retta più breve dal punto della semina o dalla base esterna del tronco dell’albero al momento in cui è stato piantato fino alla linea di confine. Se nel tempo la pianta cresce e si sviluppa particolarmente, la distanza si deve misurare dal centro del tronco e fino alla linea di confine

Se tra le due case vicine c’è un muro divisorio comune sul confine, la distanza dei alberi e siepe si calcola dalla facciata del muro rivolta verso albero o siepe presente tra le due case vicine e non rispetto alla linea mediana del muro in comune tra le due proprietà.
 





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il