Qual è la differenza di possibile guadagno tra vendere un'auto usata privatamente o concessionaria

Vendere l'auto a un concessionario è il modo più veloce per essere pagato. I concessionari gradiscono acquistare e aggiungere veicoli usati ai loro lotti.

Qual è la differenza di possibile guadag

Vendere auto usata privatamente o concessionaria, qual è la differenza di guadagno?

La differenza di possibile guadagno tra vendere un'auto usata privatamente o concessionaria può essere anche piuttosto pronunciata fino ad arrivare al 20%. Spesso e volentieri, i rivenditori fanno riferimento alle quotazioni delle principale riviste di settore, sulla base dell'anno di immatricolazione e dei chilometri percorsi.

Vendere la propria auto privatamente o tramite un concessionario? È una domanda a cui non è semplice rispondere perché sono numerosi gli aspetti da considerare, compresa la differenza di guadagno. Vendere il veicolo a un concessionario è la strada più semplice da percorrere, soprattutto se non si hanno esperienze nelle trattative private.

D'altra parte è quasi certo che si intascano più soldi vendendo la propria auto privatamente. A pesare nella scelta da fare sono anche altre indicatori. Pensiamo ad esempio a quanto tempo e quanti sforzi si vogliono dedicare alla vendita del veicolo. Se si preferisce che tutto sia fatto e finito è preferibile contattare il concessionario.

Se prevale l'aspetto economico, l'acquirente privato è la strada consigliata. In ogni caso, qualunque sia la scelta, è sempre utile stabilire una cifra minima per la propria auto ovvero il valore minimo che decidiamo di assegnare.

Le controparti - siano essere una concessionaria o un acquirente privato - spingono infatti ad abbassare il costo e di conseguenza occorre farsi trovare pronti. Esaminiamo da vicino:

  • Vendere auto usata privatamente o concessionaria: differenza di guadagno
  • Auto usata privatamente o concessionaria, cosa c'è da sapere

Vendere auto usata privatamente o concessionaria: differenza di guadagno

Vendere l'auto a un concessionario è il modo più veloce per essere pagato. I concessionari acquistano e aggiungono veicoli usati ai propri lotti perché una buona percentuale delle vendite derivano proprio da queste vetture. I rivenditori gestiscono tutte le pratiche burocratiche e non occorre preoccuparsi di nient'altro che del prezzo e della firma sul contratto.

Con una terza parte o un acquirente privato, le incombenze sono ben maggiori. Se si sceglie di vendere l'auto tramite un concessionario, dopo aver concordato i termini e aver firmato i contratti, non si è più responsabile per il veicolo. Le concessionarie sono imprese e come tali operano con l'obiettivo di fare soldi.

I rivenditori pagano prezzi all'ingrosso quando acquistano veicoli usati e spesso sono inferiori a quelli che si otterrebbero vendendo a un acquirente privato. La differenza di possibile guadagno tra vendere un'auto usata privatamente o concessionaria può essere anche piuttosto pronunciata fino ad arrivare al 20%.

Spesso e volentieri, i rivenditori fanno infatti riferimento alle quotazioni delle principale riviste di settore, sulla base dell'anno di immatricolazione e dei chilometri percorsi. Ma sono sempre pronti a ridurre la quotazione nel caso di imperfezioni tra tagliandi effettuati in ritardo, presenza di evidenti segni di usura o difetti di qualunque tipo.

Nel caso di trattative con privati o attraverso servizi dedicati, i rapporti sono meno rigidi e, sebbene occorre fornire tutte le garanzie necessarie, il prezzo finale è sicuramente più legato all'abilità nella compravendita.

Auto usata privatamente o concessionaria, cosa c'è da sapere

Se la persona è seriamente intenzionata ad acquistare l'auto vuole negoziare il prezzo. Esistono potenziali truffe con assegni circolari di cui essere a conoscenza, quindi assicurarsi di assistere l'acquirente che lo riceve dalla banca o chiama la banca per verificarne l'autenticità.

Certamente, a prima vista, le due auto possono sembrare praticamente identiche: stesso colore, stesso anno, stesso livello di allestimento, il che significa che l'auto del venditore privato sembra un po' un affare. Ma lo è davvero? Un'ispezione più attenta potrebbe rivelare scheggiature di pietra sul cofano, forse qualche piccola ammaccatura e graffio.

L'ispezione del libretto dei tagliandi può mostrare che l'auto deve essere revisionata o deve farlo entro poche settimane. Tutti aspetti che sarebbero state affrontate dalla concessionaria. Queste ultime hanno una reputazione da mantenere.

Se un concessionario di automobili vende un'auto difettosa potrebbe rovinarsi completamente la reputazione. Quando si acquista un'auto dalla concessionaria, il venditore fa del suo meglio per soddisfare il cliente.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il