Quale deve essere la sede smart working per un dipendente privato o statale per leggi 2022

La gestione del tempo è un elemento indispensabile che determina il successo o il fallimento di qualsiasi attività. Ma come gestire la sede?

Quale deve essere la sede smart working

Smart working: quale deve essere la sede del dipendente?

La sede dello smart working per un dipendente privato o statale deve essere identificata di volta in volta, dal lavoratore, sulla base dell'accordo individuale.

La chiave per lo smart working è la tecnologia che consente alle persone di lavorare meglio, più velocemente e in modo più intelligente. Facilita la diversità del lavoro e consente alle persone di lavorare in uno spazio adeguato alle loro esigenze. Numerosi studi mostrano che le aziende che investono molto nello sviluppo di infrastrutture moderne e all'avanguardia traggono vantaggio da una maggiore produttività e crescita complessiva.

Un posto di lavoro ad alta tecnologia è un nuovo modo per aumentare il livello di creatività e innovazione nel posto di lavoro. A patto però di rispettare le normative vigenti in materia. Conoscere i vantaggi e gli svantaggi dello smart working è positivo, ma sapere come organizzarlo se si è interessati è meglio. Analizziamo in questo articolo:

  • Smart working: quale deve essere la sede del dipendente

  • Disposizioni aggiornate sulla sede dello smart working

Smart working: quale deve essere la sede del dipendente

La gestione del tempo è un elemento indispensabile che determina il successo o il fallimento di qualsiasi attività. Implementando strumenti intelligenti per risparmiare tempo per il personale, è possibile migliorare la produttività, il che aumenterà i risultati dell'attività.

Un altro vantaggio relativamente sconosciuto dello smart working è il calo dell'assenteismo. Per i lavoratori si è infatti osservata una diminuzione del fenomeno di circa il 20&, non trascurabile se si considerano i costi causati da congedi per malattia o altro.

A norma di legge, la sede dello smart working per un dipendente privato o statale deve essere identificata di volta in volta, dal lavoratore, sulla base dell'accordo individuale. L'intesa tra le parti deve evidenziare i requisiti minimi di idoneità dei locali adibiti all'attività lavorativa da remoto.

Spetta poi al lavoratore rilevare i requisiti minimi di idoneità prima di iniziare la prestazione di lavoro. Secondo le disposizioni vigenti, il lavoratore deve cooperare all'attuazione delle misure di prevenzione. Infine, non è necessario circoscrivere la sede dello smart working alla sola residenza o al solo domicilio. Spetta dunque al lavoratore a gestire il luogo ove avverrà la prestazione in smart working.

Disposizioni aggiornate sulla sede dello smart working

Una o più persone in meno in azienda possono fare la differenza in termini di costi. Meno presenza fisica si ha nei locali, più diminuiranno le spese come elettricità, attrezzatura o affitto.

I dipendenti lontani dall'ufficio dovranno organizzarsi da soli, dal momento che probabilmente non ci sarà bisogno di parlare molto con loro. Di conseguenza, si spenderà meno tempo nella gestione poiché lo smart working richiede l'autonomia dei dipendenti. E come si suol dire, il tempo è denaro.

Lavorare in smart working ha dei vantaggi, ma attenzione: un dipendente che sta a casa tutta la settimana può diventare rapidamente per lui gravoso. Poca o più interazione con i colleghi, investimento nella vita dell'azienda ridotto al minimo formale. Mescolare l'attività professionale con il luogo della vita personale può essere un fattore di non produttività per alcuni dipendenti: la procrastinazione, la tentazione di andare a fare altro perché non c'è nessuno a controllarli o anche un lavoro di qualità inferiore dovuto a numerose richieste esterne.

Alcune persone sono naturalmente più efficienti in ufficio, per esempio. Se si desidera autorizzare il telelavoro a un dipendente ma si hanno dei dubbi su questo argomento, discutere con lui prima di prendere una decisione: quali sono le sue motivazioni, è a suo agio fuori dal quadro del lavoro? Ed è anche possibile stabilire con lui una tabella di indicatori di performance e obiettivi da raggiungere. Si può così consultare regolarmente il suo lavoro e misurare le sue prestazioni nel tempo.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il