Quali sono i mesi in cui è meglio cercare lavoro secondo le ultime tendenze 2022-2023

C'è una stagionalità nella ricerca del lavoro ed è preferibile cercare lavoro all'inizio dell'anno o all'inizio dell'anno scolastico a settembre. Vediamo perché.

Quali sono i mesi in cui è meglio cercar

Per tutto l'anno i contratti a tempo indeterminato sono rimasti al primo posto tra i più richiesti dai lavoratori, con un forte incremento da agosto a novembre. Tutte le altre tipologie contrattuali seguono lo stesso andamento. Si segnala che le richieste di contratto interinale sono pressoché identiche a quelle di contratto a tempo determinato. Ma restano alcuni punti da chiarire: quando cercare lavoro?

Immaginiamo la scena: hai mirato a un'offerta di lavoro, magari il primo lavoro, il tuo CV è pronto e la lettera di presentazione è stata rivista. Ma una domanda ti infastidisce: dovresti inviare direttamente la tua candidatura o attendere un tempo specifico? È più pertinente applicare al mattino o al pomeriggio? Vediamo insieme in questo articolo:

  • Quando è meglio cercare lavoro nel 2022-2023

  • Perché c'è una stagionalità nella ricerca del lavoro

Quando è meglio cercare lavoro nel 2022-2023

C'è una stagionalità nella ricerca del lavoro ed è preferibile cercare lavoro all'inizio dell'anno o all'inizio dell'anno scolastico a settembre, subito dopo la maturità. Come rilevato da alcuni studi, a gennaio il traffico sui siti di offerte di lavoro aumenta di circa il 30% rispetto a dicembre. Si tratta evidentemente di un picco significativo. Per quanto riguarda le offerte di lavoro pubblicate, anche il loro numero è aumentato del 20% in questo periodo.

Possiamo quindi dire che i mesi di gennaio e febbraio sono un buon periodo per cercare lavoro. Questa frenesia di inizio anno si attenua un po' nella seconda metà di febbraio, alla vigilia delle vacanze scolastiche, che hanno sempre un impatto significativo sul mercato del lavoro. Il fenomeno si ripete a settembre con gli stessi incrementi del traffico e del numero di offerte pubblicate. Per ottimizzare la ricerca, è meglio contare su questi due periodi.

Vale per tutti i mestieri dove le commissioni sono importanti, in particolare nelle funzioni commerciali e finanziarie, dipendenti in attesa di avere il bonus per il mese di gennaio per cambiare lavoro. In primavera, se hanno già ottenuto buoni risultati, si aspettano il bonus per il mese di gennaio successivo. Questa osservazione innesca un circolo virtuoso con le offerte di lavoro in questo periodo.

Ci sono casi molto concreti di persone che si registrano sul sito, che fanno colloqui, ma che non vogliono cambiare lavoro prima della fine di gennaio. In ambito bancario, assicurativo o finanziario, il picco di reclutamento coincide con la fine della formazione per i neoassunti, ovvero i mesi di giugno e luglio. Anche l'ultimo terzo dell'anno è favorevole, sapendo che molti studenti lavoro-studio completano la loro formazione da fine agosto a inizio settembre.

Per quanto riguarda il giorno della settimana, il lunedì mattina e il venerdì pomeriggio sono le due mezze giornate da evitare nella presentazione della domanda. Lunedì mattina perché il recruiter torna dal fine settimana e quindi ha altri compiti da affrontare come partecipare alle riunioni, pianificare la settimana, gestire le sue email. E venerdì pomeriggio perché il fine settimana significa chiudere i progetti. Divieto anche sabato e domenica.

Approfittare del fine settimana per perfezionare il file, ma aspettare una settimana prima di inviarlo. Il momento migliore della giornata per presentare domanda sarebbe la mattina, tra le 6 e le 11.30. È in questa fascia oraria che il reclutatore sarebbe il più attento e il più concentrato. Da uno studio su un campione di 1.610 persone, è emerso addirittura che il momento ideale per inviare una candidatura sarebbe precisamente tra le 9.30 e le 10.30.

Perché c'è una stagionalità nella ricerca del lavoro

Il mese di gennaio corrisponde al periodo in cui le aziende riavviano i propri budget. Hanno fondi disponibili per l'assunzione e tenderanno ad avviare rapidamente azioni di reclutamento che avranno un impatto sull'anno in corso.

Quando cercano di assumere qualcuno a gennaio, possono considerare che si uniranno ai team a marzo o aprile. Se invece lo reclutano ad aprile, la persona arriverà probabilmente a luglio. Non è molto strategico per l'azienda.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il