Quali sono le carte di credito o altri servizi che hanno cashback ancora nel 2022

Prosegue la mania del cashaback con cui farsi rimborso una parte dei soldi spesi. Ecco chi ancora può sfruttare questa opzione.

Quali sono le carte di credito o altri s

Carte di credito o altri servizi 2022, quali hanno il cashback?

Tra le carte di credito che hanno ancora il cashback segnaliamo Satispay, Revolut e Hype, tutte con condizioni differenti.

Per sfruttare lo strumento del cahsback occorre innanzitutto verificare che il negozio online abbia attivato questa possibilità. In termini pratica si tratta della restituzione di una percentuale della spesa effettuata. Quindi controllare che il prezzo proposto sia quello giusto e non ci sia una maggioranza per giustificare il casbhack. Dopodiché è utile controllare le spese di spedizione. Se ci sono e a quanto ammontano.

Capire quindi con attenzione il funzionamento di base dei siti di casbhack e in che modo consentono di risparmiare e di guadagnare. Non si tratta di sconti applicati a prodotti e il risparmio aumenta in relazione all'aumento degli acquisti. Vediamo meglio:

  • Carte di credito o altri servizi 2022, quali hanno il cashback

  • Altri modi per sfruttare ancora il cashback nel 2022

Carte di credito o altri servizi 2022, quali hanno il cashback

Segnaliamo il cashback dello 0,1% su tutte le spese fatte da parte di N26 Business e quello dell'1% con alcune limitazioni da parte di Carta Blu di American Express. Yap propone un cashback fino al 20% delle spese nei primi 3 mesi con bonus mensile fino a 5 euro. Revolut restituisce lo 0,1% delle somme spese in Europa e l'1% di quanto speso nel resto del mondo. C'è Satispay a proporre un cashback sulla base delle offerte dei vari negozianti.

Hype propone un cashback fino al 10%, ma solo per le spese effettuate in alcuni esercenti. Permette di pagare gli acquisti in tutti i negozi convenzionati, quelli fisici e quelli online. Per gli utenti privati non costa nulla e l'app è gratis e compatibile con i sistemi iOS e Android.

Scaricata l'app, viene chiesto di fornire un documento di identità, il codice fiscale e un Iban valido. Per accedere basta scaricare l'applicazione, essere maggiorenni e avere a disposizione un conto corrente bancario o una carta ricaricabile dotata di Iban. Le transazioni non hanno alcun costo in più, ma si paga quello che si spende. I commercianti che aderiscono al sistema versano una commissione fissa per gli incassi di importo superiore a 10 euro e non spendono nulla per cifre inferiori.

Altri modi per sfruttare ancora il cashback nel 2022

Tra i servizi attivi nel 2022 da segnalare sul cashback non possiamo che ricordare quello di Autostrade per l'Italia. Si tratta di una norma che riconosce agli automobilisti il diritto a un rimborso tra il 25 e il 100% del pedaggio spettante ad Autostrade per l’Italia a partire da 15 minuti di ritardo. Il calcolo considera la lunghezza del viaggio.

In pratica, per un tragitto fino a 29 chilometri si avrà diritto a un rimborso del 100% per ritardi compresi tra 15 e oltre 120 minuti.

Per un percorso fra 30 e 49 chilometri il rimborso per ritardi fra 15 e 29 minuti è del 75% del pedaggio e del 100% solo per ritardi superiori. Nel caso di tragitti superiori ai 500 chilometri si ha diritto a un rimborso del 25% soltanto per ritardi compresi tra 90 e 119 minuti e del 50% oltre i 120 minuti. Ancora più precisamente, il risarcimento scatta sui percorsi con ingresso e uscita su rete Autostrade per l'Italia, sui percorsi con ingresso su rete Autostrade per l'Italia e uscita su altra concessionaria, sui percorsi con ingresso su altra concessionaria e uscita su rete Autostrade per l'Italia, sui percorsi con ingresso e uscita su altra concessionaria, con attraversamento su rete Autostrade per l'Italia.

Strettamente collegato a questo servizio c'è quello di Telepass. Gli iscritti possono ottenere il 2% di cashback su tutti i rifornimenti effettuati tramite App Telepass Pay nelle stazioni convenzionate. Questa opzione si aggiunge ai 3 mesi di Telepass Pay gratuiti; ai 5 euro di cashback per chi va a sciare almeno 3 giornate nello stesso mese utilizzando l'app Telepass Pay; al 50% di cashback sul primo lavaggio auto di ogni mese utilizzando l'App Telepass Pay.

E poi al 10% di cashback su tutte le corse in taxi pagate con l'App Telepass Pay e la gratuità dei primi 30 minuti di noleggio di ogni corsa, sempre utilizzando l'App Telepass Pay. L'applicazione consente quindi di pagare la sosta sulle strisce blu, il rifornimento carburante, la corsa in taxi, il bollo auto ovvero la tassa di possesso del veicolo da corrispondere annualmente alla regione di residenza, il lavaggio auto, lo skipass, i servizi di sharing mobility.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il