Quali sono differenze carte di credito, bancomat e carte di debito. I pro e contro nel 2022

Vi sono molte e importanti differenza da considerare tra carte di credito, bancomat e carte di debito che pur a tanti apparendo simili seguono logiche diverse.

Quali sono differenze carte di credito,

Carta di credito e bancomat: quali sono le differenze?

La carta bancomat viene generalmente concessa gratuitamente con l'apertura del conto corrente, mentre per la carta di credito o la carta di debito è necessario versare un importo aggiuntivo e, per gli addebiti diretti, è previsto un commissione da pagare. Ma non è la sola differenza.

Quando i contanti non sono disponibili viene spesso utilizzata la moneta elettronica che è diventata un metodo di pagamento molto popolare. Le carte di credito, il bancomat e le carte di debito sono sistemi di pagamento utilizzati per effettuare acquisti, transazioni e pagamenti. Sebbene siano molto simili, presentano differenze sostanziali. Queste carte offrono sostanzialmente due servizi: il pagamento senza utilizzo di contanti e il prelievo di denaro dagli sportelli automatici. Vediamo quindi:

  • Carta di credito e bancomat: quali sono le differenze

  • Il caso particolare della carta di debito

Carta di credito e bancomat: quali sono le differenze

Ogni carta di credito ha un limite. Si tratta di un tetto massimo oltre il quale non è possibile effettuare acquisti, indipendentemente dalla disponibilità o meno di fondi sul conto.

Un'altra sostanziale differenza si può individuare all'atto dell'emissione della carta: la carta bancomat viene generalmente concessa gratuitamente con l'apertura del conto corrente, mentre per la carta di credito o la carta di debito è necessario versare un importo aggiuntivo e, per gli addebiti diretti, è previsto un commissione da pagare.

Non solo, la carta di credito non è concessa a tutti, ma bisogna presentare documentazione e garantire uno stipendio o una pensione. Spetterà alla banca valutare la situazione finanziaria e decidere se dar o meno la carta. Oltre alla carta Bancomat e alla carta di credito esiste anche la carta prepagata.

La differenza sostanziale è la disponibilità di denaro nel conto corrente. Per quanto riguarda la carta bancomat, le transazioni possono essere effettuate solo se c'è disponibilità di contanti, mentre la carta di credito consente il pagamento anche se il conto non ha contanti.

In questo caso le somme spese non verranno addebitate al momento del pagamento, ma all'inizio o alla metà del mese successivo. Ovviamente, entro tale data, il denaro dovrà essere sul conto per coprire l'importo speso, altrimenti la banca contatterà il titolare della carta per chiarimenti.

La scelta di una carta di credito con addebito differito è un altro modo per gestire il budget. Le spese mensili vengono addebitate tutte in una volta, l'ultimo giorno lavorativo del mese, a eccezione dei prelievi di contante addebitati al momento delle spese.

La carta di credito non è sempre direttamente collegata al conto corrente del titolare, ma è associata ad una riserva di liquidità che il cliente può ricostituire a seconda delle sue esigenze. Le banche non sono le uniche a offrire questo tipo di carta: le società di credito, così come la maggior parte dei grandi magazzini e delle catene di distribuzione offrono le proprie carte di credito, con alcuni vantaggi a seconda della struttura.

Ad ogni scadenza, l'azienda invia al titolare della carta un estratto conto riepilogativo di tutte le operazioni di pagamento effettuate a credito. A seconda dei termini del contratto, l'importo viene addebitato automaticamente poco dopo o è scaglionato con gli interessi su un periodo definito. Quest'ultimo processo, chiamato , permette di ridurre il rischio di scoperto. Ma attenzione, i tassi di interesse esposti sono spesso molto alti e possono portare a un accumulo di debiti .

Il caso particolare della carta di debito

Per quanto riguarda la carta di debito, si tratta di un mezzo di pagamento fornito dalla banca al momento dell'apertura di un conto corrente. A ogni acquisto o prelievo di denaro effettuato con tale carta, il conto allegato viene addebitato secondo le modalità scelte dal titolare. La differenza tra carta di debito e carta di credito è chiara: l'addebito è immediato con autorizzazione sistematica.

A ogni pagamento viene effettuato un controllo del saldo al fine di verificare che il conto sia sufficientemente rifornito per coprire la transazione. Il conto viene quindi addebitato su base giornaliera, man mano che le operazioni procedono. Rientrano in questa categoria le carte Maestro, Visa Electron e prepagate.

Il controllo è casuale per piccoli importi, quindi c'è il rischio di scoperto. La richiesta di autorizzazione è invece sistematicamente avanzata al di sopra di un determinato importo o per pagamenti all'estero. L'importo viene generalmente addebitato entro 24-48 ore. A seconda delle proprie abitudini di spesa, spetta al titolare scegliere con cura l'addebito della propria carta. Infatti, maggiore è la flessibilità di utilizzo, maggiore è il rischio di scoperto.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il