Quali sono le garanzie e i diritti di un consumatore che acquista in una televendita

Se i consumatori decidono di esercitare il loro diritto di recesso, il venditore è obbligato a rimborsare il denaro pagato dal consumatore.

Quali sono le garanzie e i diritti di un

Acquisti in una televendita, quali sono le garanzie dei consumatori?

Poiché le televendite comportano l'acquisto di beni e servizi attraverso un mezzo di comunicazione a distanza, gli acquisti conclusi possono essere annullati entro 14 giorni.

Quante volte siamo rimasti abbagliati dalla proposta di acquisto di un prodotto o di un servizio in occasione di una televendita? Tante probabilmente perché il prezzo proposto poteva essere davvero invitante. Tuttavia capita spesso che le migliori intenzioni vengano frenate dall'incertezza relative ai diritti e alla garanzie offerte al consumatore. Valgono le stesse regole in vigore per tutti gli altri acquisti ovvero quelli effettuati in presenza?

Sebbene le normative sui diritti dei consumatori forniscano un'adeguata protezione ai consumatori che acquistano beni e servizi tramite un mezzo di comunicazione a distanza, i consumatori dovrebbero comunque adottare una serie di precauzioni per evitare problemi inutili. Approfondiamo quindi in questo articolo:

  • Acquisti in una televendita, quali sono le garanzie dei consumatori
  • Altri diritti dei consumatori che comprano in una televendita

Acquisti in una televendita, quali sono le garanzie dei consumatori

Poiché le televendite comportano l'acquisto di beni e servizi attraverso un mezzo di comunicazione a distanza, come da normativa sui diritti dei consumatori, gli acquisti conclusi possono essere annullati entro 14 giorni. I consumatori non devono spiegati i motivi per cui hanno deciso di annullare la vendita e non dovrebbero incorrere in alcuna penalità per aver deciso di esercitare i propri diritti di recesso.

In caso di merce, l'unica spesa che può essere richiesta al consumatore è il costo della restituzione al venditore della merce non desiderata. I consumatori devono essere chiaramente informati di tale costo prima della conclusione della vendita.

Se queste informazioni non vengono fornite, il venditore deve pagare le spese per la restituzione della merce. I 14 giorni per recedere dalla vendita decorrono dal giorno in cui i consumatori acquisiscono il possesso fisico dei beni. Per quanto riguarda i servizi acquistati tramite televendita, il diritto di recesso decade 14 giorni dopo la conclusione del contratto di vendita.

Quando i consumatori non sono informati del loro diritto di annullare l'acquisto che hanno effettuato, il periodo di cancellazione è esteso a un anno. Se i consumatori decidono di esercitare il loro diritto di recesso, il venditore è obbligato a rimborsare il denaro pagato dal consumatore entro 14 giorni dal giorno in cui è stata notificata al venditore l'intenzione del consumatore di recedere dalla vendita.

Per il Codice del consumo, la televendita non deve proporre comportamenti pregiudizievoli per la salute, la sicurezza o la protezione dell’ambiente. Allo stesso tempo deve essere attenta a non offendere il gusto e la sensibilità del telespettatore con contenuti indecenti, volgari o ripugnanti così come ogni forma di sfruttamento della superstizione, della credulità o della paura.

Vietata quindi la discriminazione di razza, sesso, nazionalità, credenze religiose o politiche e non possono essere trasmesse scene di violenza fisica o morale. Più in generale, bollino rosso all'offesa della dignità umana.

Altri diritti dei consumatori che comprano in una televendita

Strettamente legato alle televendite ci sono le chiamate commerciali che possono seguire al contatto con il cliente. Un altro obbligo legale che hanno i venditori è quello di informare i consumatori che la chiamata viene effettuata per scopi commerciali.

Ciò offre ai consumatori la possibilità di terminare la chiamata se non sono interessati all'acquisto di prodotti o servizi. Se il venditore non identifica correttamente la natura della sua chiamata, il contratto di vendita concluso può diventare inapplicabile.

In caso di controversia, il commerciante deve dimostrare di aver fornito le informazioni richieste. Il venditore è inoltre legalmente obbligato a identificare se stesso e l'impresa rappresentata. Inoltre, se i consumatori accettano di acquistare il prodotto o servizio offerto in vendita, l'accordo verbale deve essere confermato per iscritto.

Prima di concludere la vendita, i consumatori dovrebbero prendere nota del nome del venditore che ha parlato con loro al telefono, i dettagli dei prodotti o servizi offerti in vendita, il prezzo concordato e le modalità di pagamento.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il