Quanto costa donare una casa al proprio figlio tra tasse e costi procedura 2021

Quanto costa donare una casa al proprio figlio tra tasse e costi procedura 2021

Quanto costa donare una casa al proprio

Quali sono tasse e costi per procedura 2021 di donazione di una casa al proprio figlio?

Costi e tasse che si devono pagare per la pratica di donazione di casa al figlio sono imposta di registro (200 euro), imposta catastale, 90 euro di diritti di trascrizione, imposta ipotecaria, imposta sulle donazioni, con aliquote variabili, 230 euro di imposta di bollo forfettaria e spese per il notaio.

Donare una casa al proprio figlio significa decidere di dare al proprio figlio un immobile per cui non bisogna pagare alcuna cifra come quella dovuta per una vera e propria compravendita di casa. Si tratta di una procedura che inizia dalla decisione spontanea e volontaria dei genitori o del genitore di voler dare una casa al proprio figlio, creando per lui una sicurezza di vita. 

A differenza della compravendita di una casa, la donazione non prevede il pagamento di una determinata cifra per l’acquisto dell’immobile, ma comunque implica una serie di costi da sostenere. Vediamo quanto costa donare una casa al proprio figlio 2021.

  • Costi e tasse per procedura donazione casa al proprio figlio 
  • Donare una casa al proprio figlio 2021 gratis


Costi e tasse per procedura donazione casa al proprio figlio 

La procedura 2021 per la donazione di una casa al proprio figlio implica il pagamento di diversi costi e diverse tasse. Non è, infatti, gratuita pur non trattandosi di una vendita vera e propria. Costi e tasse che si devono pagare per la pratica di donazione di casa al figlio sono le seguenti:

  • 200 euro di imposta di registro;
  • imposta catastale, è l’1% del valore catastale;
  • 90 euro di diritti di trascrizione;
  • imposta ipotecaria, che corrisponde al 2% del valore catastale dell’immobile, ma se si tratta di prima casa allora la quota è fissa a 200 euro;
  • 230 euro di imposta di bollo forfettaria;
  • spese per il notaio (che deve occuparsi della redazione dell’atto di donazione con relativa attestazione della cessione volontaria della casa da parte del genitore donante), che possono essere molto variabili e arrivare a raggiungere cifre anche di migliaia di euro;
  • imposta sulle donazioni.
     

Nel caso dell’imposta sulle donazioni, precisiamo che sono previste diverse aliquote di pagamento a seconda della persona a cui si fa la donazione. Nel caso di donazione di casa al proprio figlio, l’aliquota è del 4% con una franchigia pari a 1 milione di euro.

Si sale poi al 6% con franchigia pari a 100mila euro per i parenti come sorelle e fratelli e senza alcuna franchigia tra cugini, tra un coniuge e i genitori o i fratelli o i nipoti dell’altro coniuge; e all’8% senza franchigia per tutti gli altri soggetti, e se il donatario risulta affetto da un handicap grave, la franchigia è di 1.500.000 euro.

Possiamo dire, generalmente, che in media la donazione di una casa al proprio figlio 2021 può avere un costo compreso tra i circa 4mila e 6mila euro. O anche più. Tutto dipende chiaramente dal tipo di casa che si intende donare. 
 

Donare una casa al proprio figlio 2021 gratis

La donazione di una casa al proprio figlio 2021 gratis non è una possibilità contemplata. Possiamo dire, però, che per abbattere i costi, fino quasi ad azzerarli rispetto a quelli sopra riportati, piuttosto che fare una donazione della casa si potrebbe scegliere di ricorrere al comodato d'uso gratuito di casa, per cui sono previsti costi e tasse solo relative alla pratica di registrazione del relativo contratto all'Agenzia delle Entrate.

Con il comodato d'uso gratuito di casa i costi sono quasi pari a zero rispetto a quelli richiesti per la donazione vera e proprio. In tal caso infatti i costi richiesti sono, in particolare, di:

  • 200 euro per l’imposta di registro di 200 euro;
  • 16 euro per la marca da bollo per ogni 4 pagine di contratto o per ogni 100 righe.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il