Quanto guadagna un panificio. Fatturato, ricavi e spese medie 2020-2021

Fatturato, ricavi e spese medie 2020-2021 non fissi e variabili: quali sono guadagni e costi di un panificio e stipendi medi

Quanto guadagna un panificio. Fatturato,

Quali sono ricavi e spese medie 2020-2021?

Una volta aperto il panificio e in possesso di tutta la regolare documentazione, è bene sapere che fatturato e ricavi effettivi medi sono chiaramente differenti. In media, i ricavi 2020-2021 di un panificio non sono fissi e dipendono da tanti fatti ma, in generale, possono aggirarsi tra i 40 e i 60 mila euro all’anno, mentre le spese medie si aggirano sui 70mila euro all’anno. 
 

Avere un panificio può rivelarsi un’attività molto remunerativa seppur molto impegnativa e a tratti anche molto faticosa ma nella maggior parte dei casi, possiamo dire, che ne vale la pena. Per quanto riguarda gli stipendi dei panificatori che lavorano in un panificio, lo stipendio medio di un panificatore alla prima esperienza arriva a circa 1.200 euro mensili, che sale a 3mila euro al mese e anche di più per un panettiere qualificato. 

Generalmente, però, i panificatori sono proprietari della loro attività e riescono a guadagnare cifre anche importanti. Vediamo quali sono fatturato, ricavi e spese medie 2020-2021 di un panificio.

  • Fatturato e ricavi medi 2020-2021 di un panificio
  • Spese medie 2020-2021 di un panificio 

Fatturato e ricavi medi 2020-2021 di un panificio

Per aprire un panificio bisogna seguire uno specifico iter burocratico che prevede i seguenti passaggi:

  • aprire la Partita Iva;
  • iscrivere l’attività al Registro delle Imprese della propria provincia;
  • apertura delle posizioni Inps e Inail per proprietario e dipendenti;
  • invio della Scia (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) al Comune in cui si svolge l’attività entro 30 giorni almeno dall’inizio dell’attività:
  • richiesta al Comune per l’esposizione dell’insegna;
  • avere certificazioni Sab e Haccp e permessi ASL, indispensabili per lavorare con gli alimenti;
  • inviare la segnalazione del locale alla caserma dei Vigili del Fuoco.    

Una volta aperto il panificio e in possesso di tutta la regolare documentazione, è bene sapere che fatturato e ricavi effettivi medi sono chiaramente differenti. In media, i ricavi 2020-2021 di un panificio non sono fissi e dipendono da tanti fatti ma, in generale, possono aggirarsi tra i 40 e i 60 mila euro all’anno

Spese medie 2020-2021 di un panificio 

Le spese da sostenere per un panificio sono quelle relative a:

  • apertura e manutenzione dell’attività;
  • costi per le attrezzature;
  • spese per l’arredamento; 
  • costi per il personale;
  • tassazione prevista secondo il regime fiscale vigente;
  • eventuale affitto del locale se non di proprietà.

In particolare, per l’apertura di un panificio di media grandezza le spese iniziali si attestano, in media, sui 200mila euro, di cui 130mila solo per le attrezzature del laboratorio, tra:

  • 2 celle frigorifere, prezzo medio 15.000 euro l’una;
  • 2-4 forni, prezzo medio 20.000 euro l’uno;
  • 2 banchi da lavoro con l’attrezzatura idonea, prezzo medio 10.000 euro l’uno;
  • 2 impastatrici, prezzo medio 10.000 euro l’una;
  • 1 spezzatrice, prezzo medio 10.000 euro;
  • 1 sfogliatrice, prezzo medio 10.000 euro.

Oltre alle spese iniziali, bisogna considerare le spese correnti di gestione di un panificio come: 

  • spese per l’approvvigionamento degli ingredienti;
  • pagamento degli stipendi dei dipendenti;
  • pagamento delle parcelle ai propri consulenti, per esempio il commercialista;
  • bollette delle utenze;
  • eventuali spese marketing, anche se si tratta di una voce di spesa che non tutti sostengono.

Considerando un panificio che ha due persone che lavorando al banco ed altre due impiegate nella preparazione di pane e altri prodotti in vendita, di cui uno il proprietario, quindi 3 dipendenti, si stima una spesa per gli stipendi di circa 4.500 euro per circa 1.200 euro di stipendi netti per i dipendenti.

Ai 4.500 euro per i 3 dipendenti, bisogna aggiungere spese per il commercialista, forfettariamente di 3mila euro all’anno, più spese per l’approvvigionamento degli ingredienti, circa mille euro al mese, cui aggiungere, forfettariamente, circa 2mila euro di bollette.

Dunque, le spese totali medie 2020-2021 per un panificio, rispetto agli importi appena riportati, sono di circa 70-72mila euro all'anno, tra 54mila euro all’anno di stipendi più 12mila euro di spesa all’anno, più 3mila euro di commercialista e costi di utenze. 
 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il