Quanto si viene pagati in più se si lavora il giorno dell'Epifania secondo CCNL 2022

Maggiorazioni previste per chi lavora il 6 gennaio giorno dell’Epifania: come cambiano percentuali rispetto a Ccnl di riferimento

Quanto si viene pagati in più se si lavo

Quanto si viene pagati in più se si lavora il giorno dell'Epifania?

Il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, è considerato a livello normativo un giorno festivo e ogni ccnl prevede delle maggiorazioni per i lavoratori dipendenti che prestano servizio nei giorni festivi. Secondo quanto previsto da norme in vigore e contratti nazionali di lavoro, infatti, se si lavora il giorno della Befana si guadagna di più perchè si tratta di un giorno feriale a zero ore lavorative e la festività non goduta non dà diritto al lavoratore di ricevere una maggiorazione in busta paga che varia in base al Ccnl di riferimento.
 

Quanto si viene pagati in più se si lavora il giorno dell'Epifania? Le leggi in vigore prevedono, in generale, per tutti i lavoratori assunti con regolare contratto di lavoro, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato, regole per orario di lavoro ordinario e straordinario, per riposi, maturazione di ferie e permessi e giorni festivi.

Si tratta di quei giorni in cui, da calendario, sono fissate festività che prevedono assenze da lavoro per tutti, come giorni di Natale, Pasqua, Befana. Ferragosto, ecc. I giorni di festività sono regolarmente pagati ai lavoratori con la spettante retribuzione di fatto e si guadagna di più se nei suddetti giorni si lavora. Vediamo allora quanto si percepisce in più se si lavora il 6 gennaio, giorno della Befana.

  • Lavorare il giorno dell’Epifania quanto si guadagna in più
  • Come cambiano maggiorazioni per lavoro nel giorno della Befana secondo Ccnl

Lavorare il giorno dell’Epifania quanto si guadagna in più

Il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, è considerato a livello normativo un giorno festivo a lavoro e ogni ccnl prevede delle maggiorazioni per i lavoratori dipendenti che prestano servizio nei giorni festivi. 

Secondo quanto previsto da norme in vigore e contratti nazionali di lavoro, infatti, se si lavora il giorno della Befana si guadagna di più perchè si tratta di un giorno feriale a zero ore lavorative e la festività non goduta non dà diritto al lavoratore di ricevere una maggiorazione in busta paga.

La maggiorazione in busta paga per uno stipendio più alto non è uguale per i lavoratori dipendenti ma dipende dal contratto Ccnl di assunzione. 

Come cambiano maggiorazioni per lavoro nel giorno della Befana secondo Ccnl

Come appena accennato, chi lavora nel giorno della Befana guadagna di più ma il maggiore guadagno cambia, in percentuale, in base al settore di lavoro. La percentuale di maggiorazione non è universale per tutti se si lavora il 6 gennaio ma varia a seconda del settore di impiego e del Ccnl di riferimento.

Per esempio, i lavoratori dipendenti assunti con contratto Commercio se lavorano il giorno dell’Epifania hanno diritto ad una maggiorazione del 30% della normale retribuzione.

Chi lavora, invece, nel settore della ristorazione, se presta servizio il giorno dell’Epifania 6 gennaio, percepisce una maggiorazione del 20% della normale retribuzione spettante. Per dipendenti con Ccnl metalmeccanici, se si lavora nel giorno della Befana è prevista una maggiorazione del 50% della normale retribuzione, sia per lavoro a turni e sia per lavoro non a turni.

La maggiorazione in questo caso scende al 10% se si tratta di lavoro festivo con riposo compensativo. Precisiamo che, in generale, il giorno della Befana, così come gli altri giorni di festività previsti da legge e Ccnl, è compreso nella retribuzione globale di fatto.


 





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il