Quanto tempo prima dalla maturazione dei requisiti si può fare domanda di pensione nel 2021?

Prima o dopo il raggiungimento del diritto alla pensione: quali sono e come cambiano i tempi di presentazione della domanda di pensione

Quanto tempo prima dalla maturazione dei

Quanto tempo prima dalla maturazione dei requisiti si può fare domanda di pensione nel 2021?

Secondo le norme attuali, i tempi di presentazione della domanda di pensione possono cambiare a seconda della forma pensionistica che si sceglie per collocarsi a riposo, considerando i sistemi attualmente in vigore di uscita anticipata rispetto ai normali requisiti richiesti per pensione di vecchiaia (67 anni di età e almeno 20 anni di contributi) e pensione anticipata, ma, in generale, sono di qualche mese prima la maturazione dei requisiti richiesti. Per alcuni sistemi di pensione, la domanda può essere presentata anche dopo averne maturato i requisiti. 
 

Quanto tempo prima della maturazione dei requisiti è possibile presentare domanda di pensione? Quando si è in prossimità di raggiungere i requisiti per il pensionamento, spesso ci si chiede quando effettivamente si può presentare domanda per la pensione, se non appena maturati i requisiti richiesti, se alle soglie della maturazione dei requisiti o subito dopo averli raggiunti. 

I tempi di presentazione della domanda di pensione possono cambiare a seconda della forma pensionistica che si sceglie per collocarsi a riposo, considerando i sistemi attualmente in vigore di uscita anticipata rispetto ai normali requisiti richiesti per pensione di vecchiaia (67 anni di età e almeno 20 anni di contributi) e pensione anticipata (42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi di contributi per le donne). Vediamo allora quali sono i tempi da rispettare per la presentazione della domanda di pensione nel 2021.

  • Quando si presenta domanda di pensione
  • Domanda di pensione regole per presentarla 


Quando si presenta domanda di pensione

Stando a quanto previsto dalle norme attualmente in vigore, la domanda di pensione deve essere presentata nei seguenti tempi:

  • con un anticipo non superiore a 3 mesi rispetto a quando si ha diritto a percepire il primo assegno pensionistico per la pensione di vecchiaia e decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui il lavoratore ha compiuto gli anni necessari ad accedere alla pensione di vecchiaia;
  • a partire da tre mesi prima del raggiungimento dei requisiti richiesti per la pensione anticipata;
  • circa due mesi prima della decorrenza del trattamento per la domanda di pensione con quota 100, ma i tempi in tal caso sono flessibili e si può presentare anche prima dei due mesi indicati, così come anche dopo per effetto della cristallizzazione del diritto alla pensione con quota 100, considerando poi che per la decorrenza ufficiale del trattamento bisogna attendere che trascorrano le due finestre temporali previste di tre mesi per dipendenti privati e sei mesi per dipendenti pubblici;
  • nessun limite temporale preciso per la domanda di pensione con opzione donna, è possibile presentarla, infatti, qualche mese prima ed entro il 31 dicembre, così come anche dopo aver maturato il diritto all'uscita per effetto della cristallizzazione del diritto alla pensione con opzione donna;
  • sono stabiliti tempi e date precise, invece, per la presentazione della domanda di pensione con ape social. 

Chi, per esempio, entro il 31 dicembre 2021 potrebbe andare in pensione con ape social, deve aver presentato domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio, prima della domanda vera e propria di pensione, entro il 31 marzo 2021, 15 luglio 2021 e, comunque, non oltre il 30 novembre 2021.


Domanda di pensione regole per presentarla 

La domanda di pensione deve essere presentata all’Inps, a meno che non si tratti di domande di pensionamento da parte di professionisti iscritti alle Casse professionali private, nelle seguenti modalità: 

  • o accedendo in piena autonomia al sito Inps tramite inserimento del proprio Pino credenziali Spid, Cie, Cns e seguendo la procedura indicata; 
  • o contattando telefonicamente il contact center dell’Inps al numero 803164 da rete fissa o 06164164 da rete mobile; 
  • o rivolgendosi a patronati o intermediari autorizzati.


 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il