Quota 102 e 104 per le pensioni 2022, ma ci saranno eccezioni per uscire prima

Eccezioni per andare in pensione prima rispetto a requisiti richiesti per quota 102 e quota 104 per lavoratori precoci e usuranti: cosa prevedono ultime ipotesi novità pensioni

Quota 102 e 104 per le pensioni 2022, ma

Quali sono le eccezioni per uscire prima rispetto a quota 102 e quota 104 per novità pensioni?

Stando a quanto riportano le ultime notizie relative alle novità pensioni di quota 102 e 104, e cioè, rispettivamente, a 64 anni di età e 38 anni di contributi per la quota 102 nel 2022 e a 66 anni di età e 38 anni di contributi per la quota 104 nel 2023, ci sarebbero ipotesi in ballo su deroghe alle uscite prima con le nuove quote per lavoratori precoci impiegati in lavori usuranti e con mansioni gravose. Si tratta al momento di ipotesi che solo nei prossimi giorni potrebbero trovare effettiva definizione. 

Qualche giorno ancora per premier Draghi, forze politiche e sindacati per sciogliere alcuni nodi sulle questioni principali relative alle misure da inserire nella prossima Legge di Bilancio, a partire dalle pensioni, per cui si discute di sistemi di superamento della quota 100, che fino al prossimo 31 dicembre 2021 permetterà ancora di andare in pensione prima a 62 anni di età e con 38 anni di contributi per poi esaurirsi.

E si discute, infatti, di un post quota 100 a partire dal primo gennaio 2022 per permettere ai lavoratori di andare in pensione prima, evitando lo scalone di cinque anni che potrebbe crearsi con la fine di quota 100 e il ritorno al pensionamento secondo i requisiti attualmente richiesti per la pensione di vecchiaia, che sono di 67 anni di età e con almeno 20 anni di contributi. 

Le ipotesi di novità pensioni per il 2022 sono di nuove quote, 102 nel 2022 e 104 nel 2023, con requisiti per l’uscita differenti e alcune deroghe per uscire prima. Vediamo allora quali saranno le eccezioni per uscire prima relativamente alle novità pensioni di quota 102 e 104?

  • Quota 102 e 104 per novità pensioni 2022 per uscire prima
  • Quota 102 e 104 per uscire prima ed eccezioni previste 

 
Quota 102 e 104 per novità pensioni 2022 per uscire prima

Stando a quanto previsto dalle prime misure della prossima Legge di Bilancio relative alle pensioni, le novità pensioni 2022 per andare in pensione prima prevedono un nuovo sistema di quote. Si parla di una quota 102 al posto della quota 100 con una revisione del requisito anagrafico per andare in pensione prima.

Se, infatti, la quota 100 permette di uscire a 62 anni di età e con almeno 38 anni di contributi, la quota 102 che dovrebbe partire dal primo gennaio 2022 (se ufficialmente approvata nella prossima Finanziaria del governo Draghi senza modifiche) dovrebbe permettere di andare in pensione a 64 anni di età e sempre con 38 anni di contributi, dunque con due anni in più rispetto alla quota 100.

Anche la quota 102, come la quota 100, se approvata, non sarebbe una novità per le pensioni anticipate strutturale ma sarebbe attiva fino al 2023, per poi essere sostituita da una quota 104, che prevederà ancora una revisione all’insù del requisito anagrafico per l’uscita. Per andare in pensione con quota 104 nel 2023 bisognerà, infatti, raggiungere 66 anni di età e 38 anni di contributi

Quota 102 e 104 per uscire prima ed eccezioni previste 

Se i sistemi delle quote 102 nel 2022 e 104 nel 2023 sarebbero già stati in via teorica definiti con relativi requisiti e stima della platea di lavoratori che potrebbe esserne interessata, le ultime notizie relative alle novità pensioni di quota 102 e 104 per uscire prima parlano anche di eccezioni per uscire prima rispetto di rispettivi requisiti richiesti, cioè di 64 anni di età e 38 anni di contributi per la quota 102 nel 2022 e di 66 anni di età e 38 anni di contributi per la quota 104 nel 2023.

Tra le ipotesi in ballo ci sarebbero, infatti, deroghe ed eccezioni alle uscite prima con le nuove quote per lavoratori precoci impiegati in lavori usuranti e con mansioni gravose. Si tratta ancora al momento di ipotesi per modificare le novità pensioni al vaglio che solo nei prossimi giorni potrebbero trovare effettiva definizione. 





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il