Regime forfettario requisiti 2019 Partite Iva e Società. A chi spetta

Come funziona il regime forfettario, chi può accedervi e cambiamenti e modifiche con introduzione della nuova Flat tax

Regime forfettario requisiti 2019 Partite Iva e Società. A chi spetta

Il regime forfettario è un regime fiscale che permette di usufruire di una tassazione agevolata se si risponde a determinati requisiti. Con l’introduzione della Flat tax voluta dall’attuale governo, il regime forfettario potrebbe leggermente cambiare, non nell’impostazione e nelle regole generali, ma nei limiti di reddito previsti. Vediamo di fornire spiegazioni e chiarimenti in merito a regole e funzionamento del regime fiscale forfettario.

Regime forfettario requisiti 2019: a chi spetta società e partite iva

Il regime forfettario spetta a chiunque soddisfi determinati requisiti che sono guadagni compresi tra i 25mila e i 50 mila euro annui, limiti che sono stabiliti in base alla tipologia di attività che si svolge. Con l’introduzione della Flat tax a partire dal prossimo 2019, per il regime forfettario 2019 i guadagni saliranno a 65mila euro annui, considerando che la Flat tax prevede un’aliquota di pagamento al 15% per guadagni entro i 65mila euro, mentre la seconda aliquota prevista, quella al 20%, che però arriverà gradualmente, sarà per guadagni compresi tra u 65mila e i 100mila euro.

I requisiti del regime forfettario prevedono un'aliquota di tassazione del 15%, che comprende Irpef, addizionali comunali e addizionali regionali, sul reddito calcolato in base al proprio fatturato e del 5% per i primi cinque anni di chi avvia una nuova attività. Possono, in particolare, aderire al regime forfettario coloro che: hanno ricavi e compensi compresi tra i 25mila e i 50mila euro in base al tipo di attività svolta; hanno spese per lavoro dipendente e assimilati non superiori a 5mila euro lordi; hanno un costo dei beni strumentali, al lordo degli ammortamenti, entro i 20mila euro.

Non possono, invece, aderire al nuovo regime forfettario chi, per la determinazione del reddito, si avvale di regimi speciali Iva; chi non è residente in Italia, ad eccezione dei non residenti che producono almeno il 75% del reddito in Italia; chi ha partecipazioni in società di persone, associazioni professionali o società a responsabilità limitata.

Come funziona regime forfettario 2019

Insieme alla tassazione del 15% su ricavi tra i 25 e i 50mila euro, il regime forfettario, per chi si iscrive alla gestione separata dell'Inps, prevede poi il versamento di contributi con una riduzione del 35%. Chi, inoltre, aderisce al regime forfettario non è soggetto al versamento Iva delle operazioni attive; non è soggetto a ritenuta d’acconto, ma sarà tenuto ad inserire nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale del precettore dei redditi per cui non è stata operata la ritenuta; è escluso dall’Irap e dagli studi di settore/parametri.

Stando alle regole stabilite, se si dovessero superare i limiti di ricavi stabiliti, quelli cioè entro i 65mila nell’arco dell’anno, si passerebbe nel regime ordinario che prevede un tassazione determinata in maniera progressiva in base al proprio reddito percepito, partendo da un'aliquota del 23% per guadagni entro i 15mila euro, per arrivare ad un'aliquota del 43% per guadagni entro i 75mila euro. Con l’avvento della Flat tax, però, questo passaggio dovrebbe essere sostituito dal pagamento di un’aliquota unica di tassazione al 20% per chi guadagna tra i 65mila e i 100mila euro annui.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie