Regime forfettario per dipendenti. Regole aggiornate 2019

Cosa cambia il prossimo anno per i lavoratori dipendenti in merito al regime forfettario: novità, regole e cose da sapere

Regime forfettario per dipendenti. Regole aggiornate 2019

Il regime forfettario si prepara a subire qualche modifica a partire dal primo gennaio 2019 per effetto dell’entrata in vigore della Flat tax approvata dal nuovo governo. Se, infatti, il regime forfettario vale per chi ha redditi fino a 50mila euro, dal 2019 questo limite si alzerà a 65mila euro. Ma non è questa l’univa novità prevista per l'anno prossimo.

Regime forfettario per dipendenti: regole 2019

Le ultime notizie confermano, infatti, che per il regime forfettario è stato definito anche un nuovo limite per i redditi da lavoro dipendente a partire dal primo gennaio 2019. Secondo quanto stabilito, chi il prossimo anno sceglierà di aderire alla flat tax al 15% e quindi al nuovo regime forfettario, non potrà percepire compensi dal committente per cui nei due anni precedenti ha svolto attività di lavoro dipendente o assimilato e questo sarebbe l’unico limite per chi percepisce redditi da lavoro dipendente relativamente al regime forfettario.

Si tratta di una decisione presa per contrastare il fenomeno delle false partite Iva che rapporti di lavoro dipendente. Viene, contestualmente, cancellata il tetto di 30mila euro per beneficiare sulla quota di reddito da lavoro autonomo della tassazione con flat tax al 15%. Ricordiamo, inoltre, che l’adesione alla Flat tax al 15% non permetterà di beneficiare di deduzioni e detrazioni Irpef.

Regime forfettario: regole 2019

Il regime forfettario 2018 vale per coloro che hanno guadagni compresi tra i 25mila e i 50mila, il regime forfettario 2019, per effetto delle regole stabilite per la Flat tax, alza i limiti dei guadagni fino a 65mila euro. Dal 2019 l’aliquota al 15% vale per chi ha redditi annui fino a 65mila euro, mentre chi ha guadagni compresi tra i 65mila e i 100mila euro dal 2020 sarà soggetto ad un’aliquota unica al 20%. La Flat tax 2019 vale non solo per liberi professionisti e autonomi ma anche Snc, Sas e Srl, con ricavi entro i 65mila euro. Chi non rientra nelle fasce di reddito appena riportate pagherà le imposte in base agli scaglioni Irpef definiti sui redditi.

In particolare, gli scaglioni Irpef sono cinque e prevedono un’aliquota al 23% per chi ha redditi fino a 15mila euro; aliquota al 27% per chi ha redditi tra i 15.001 euro e 28mila euro; aliquota al 38% per chi ha redditi tra i 28.001 euro e i 55mila euro; aliquota al 41% per chi ha redditi tra 55.001 euro e i 75mila euro; aliquota al 43% per chi ha redditi oltre i 75mila euro. Le aliquote Irpef non valgono per i redditi fino ad 8.174mila euro, perché al di sotto di questa soglia scatta la no tax area, che prevede una totale detassazione.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie