Revoca patente quando può avvenire. Tutti i motivi e casi validi 2020 aggiornati

Codice alla mano è innanzitutto importante capire la differenza tra patente revocata e patente sospesa, se non altro per le implicazioni legali che comportano.

Revoca patente quando può avvenire. Tutt

Quali sono i motivi della revoca della patente?

Sono quattro: mancata idoneità e perdita dei requisiti: perdita del possesso dei requisiti psico-fisici previsti o mancato superamento della revisione della patente; gravi violazioni e cattiva condotta: circolazione con patente sospesa, guida contromano su autostrade o strade extraurbane, guida sotto effetto di alcol e di sostanze stupefacenti di autobus, autocarri, complessi di veicoli o altri mezzi con massa maggiore di 3,5 tonnellate, l'aver provocato un incidente stradale in stato di ebbrezza; recidiva; sostituzione con una patente estera.

Guidare un'auto è un piacere ma anche una responsabilità e la revoca della patente è il risultato del mancato rispetto delle norme in vigore. I casi sono numerosi e vanno al di là della perdita del privilegio di muoversi in completa libertà perché tirano in ballo ragioni di sicurezza per sé, i passeggeri a bordi e tutti coloro che si incrociano lungo la strada.

Codice alla mano è innanzitutto importante capire la differenza tra patente revocata e patente sospesa, se non altro per le implicazioni legali che comportano. Nel caso della sospensione è temporaneamente impossibile guidare e finché non termina questo periodo transitoria è tassativamente vietato mettersi al volante di un veicolo.

Come vedremo nel corso dell'articolo, le sospensioni di lungo corso possono essere dovute a molte ragioni diverse, ma di solito hanno a che fare con violazioni legate all'alcol o all'utilizzo di sostanze, ma anche alla guida senza l'assicurazione obbligatoria. Se la patente viene revocata significa che non c'è più la possibilità di guidare un'auto.

Anche in questa circostanza, le ragioni possono essere differenti, come la condanna per un grave reato o aver rilasciato una dichiarazione falsa su un modulo ufficiale. Ma entriamo nei dettagli della normativa in vigore per vedere

  • Tutti i motivi della revoca della patente
  • Revoca patente 2020: casi validi aggiornati

Tutti i motivi della revoca della patente

La revoca della patente è quindi un provvedimento ben più severe della sospensione e sebbene non sia definitivo, l'iter per rientrarne in possesso è certamente più lungo ed elaborato.

C'è poi un altro aspetto di cui tenere conto: non è affatto detto che una misura così drastica venga applicata esclusivamente per le più gravi violazione del Codice della Strada. I casi da ricordare sono infatti 4: per mancata idoneità e perdita dei requisiti, per gravi violazioni e cattiva condotta, per recidiva, per sostituzione con una patente estera.

Nel primo caso si fa riferimento alla perdita del possesso dei requisiti psico-fisici previsti e al mancato superamento della revisione della patente.

Per gravi violazioni e cattiva condotta si intende la circolazione con patente sospesa, la guida contromano su autostrade o strade extraurbane, la guida sotto effetto di alcol e di sostanze stupefacenti di autobus, autocarri, complessi di veicoli o altri mezzi con massa maggiore di 3,5 tonnellate, l'aver provocato un incidente stradale in stato di ebbrezza.

La guida dell'auto nonostante la recidiva può portare all'arresto oltre alla conferma della revoca della patente. C'è infine il caso della sostituzione con una patente estera che comporta lo stesso risultato.

Revoca patente 2020: casi validi aggiornati

Riassumendo quali sono i casi validi aggiornato di revoca della patente nel 2020, il quadro è il seguente:

  • per mancata idoneità e perdita dei requisiti: perdita del possesso dei requisiti psico-fisici previsti o mancato superamento della revisione della patente
  • per gravi violazioni e cattiva condotta: circolazione con patente sospesa, guida contromano su autostrade o strade extraurbane, guida sotto effetto di alcol e di sostanze stupefacenti di autobus, autocarri, complessi di veicoli o altri mezzi con massa maggiore di 3,5 tonnellate, l'aver provocato un incidente stradale in stato di ebbrezza
  • per recidiva
  • per sostituzione con una patente estera

Per cercare di rientrare in possesso della patente, l'automobilista può proporre ricorso al Ministero degli Interni entro 20 giorni, al Giudice di Pace (nel caso in cui il provvedimento sia stato assunto dal prefetto) entro 30 giorni, al Tar (nel rispetto delle norme sulla giustizia amministrativa) entro 60 giorni.

Viene infatti sempre data la possibilità di fare ricorso contro il provvedimento assunto. Altrimenti occorre attendere i tempi ordinari che per per mancata idoneità e perdita dei requisiti significa sostenere con successo la visita medica. Oppure aspettare 2 anni per gravi violazioni e cattiva condotta o 3 anni per recidiva.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie