Rottamazione auto: costo e informazioni pratiche

Cosa serve per rottamare un’auto, procedure, regole e documenti necessari. I costi necessari previsti e quali sono

Rottamazione auto: costo e informazioni pratiche

Cosa significa rottamare un'auto e cosa comporta?

Nel momento in cui si voglia dismettere la propria vettura facendola demolire si parla di rottamazione auto che, letteralmente, prevede la raccolta dei rottami di metallo, derivanti dalla demolizione auto, per poi riutilizzarli in fonderia e in cui sono spesso coinvolti anche i rivenditori di automobili che ritirano le vecchie auto, applicando uno sconto sulla vendita di auto nuove.

 

Per demolire la propria auto scegliendo di rottamarla bisogna seguire una precisa procedura che prevede regole da rispettare e costi da sostenere. Per procedere alla rottamazione di un’auto bisogna innanzitutto rivolgersi ad uno sfasciacarrozze autorizzato, che si può semplicemente trovare consultando il web. Una volta trovato, deve essere contattato in modo da prendere un appuntamento e quindi bisogna recarvisi portando, ovviamente insieme all’automobile da rottamare:

  1. targa;
  2. libretto di circolazione;
  3. foglio complementare

Una volta consegnati tutti i documenti richiesti allo sfasciacarrozze, si riceverà un apposito certificato di rottamazione su cui viene riportato:

  1. nome, cognome e indirizzo del proprietario;
  2. numero identificativo e firma del titolare del centro raccolta che lo rilascia;
  3. data e ora di rilascio del certificato e di presa in carico del mezzo;
  4. classe, marca, modello, targa e numero di telaio dell’auto.

Questo certificato permette, entro 30 giorni dalla data di emissione, di chiedere al PRA di competenza (Pubblico Registro Automobilistico) la cancellazione del mezzo. Non appena il PRA cancella l’auto dal Pubblico Registro Automobilistico si sarà del tutto sollevati da ogni responsabilità e pagamento dovuto per la vettura stessa.

Rottamazione auto: informazioni pratiche

Per la procedura di rottamazione auto, dunque, bisogna:

  1. rivolgersi ad una concessionaria o direttamente ad uno sfasciacarrozze autorizzato;
  2. presentare alcuni documenti sopra riportati senza i quali sarà impossibile procedere;
  3. sostenere determinati costi.

Rottamazione auto: costi previsti

Per la rottamazione di un’auto è previsto il pagamento di:

  1. 13,50 euro di emolumenti Aci;
  2. 29,94 euro di imposta di bollo, che diventano 43,86 se, al posto del certificato di proprietà si presenta il foglio complementare per vetture immatricolate prima del 1993;
  3. fino 50 euro per il demolitore, con possibilità che sia ancora più alto nel caso in cui sia stato necessario trasportarla con il carro attrezzi.



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie