Scatola nera assicurazione auto conviene o no. I pro e contro

Chi installa la scatola nera ha diritto a uno sconto sul premio Rc auto. Viene offerta senza alcun costo e prevede alcune facilitazioni e servizi aggiuntivi.

Scatola nera assicurazione auto conviene

Al momento della sua introduzione si era registrato un boom di adesioni all'opzione di installazione della scatola nera dell'ambito della Rc auto. A distanza di alcuni anni la percentuale è calata, ma sono comunque numerosi gli automobilisti che ancora oggi ne fanno uso per ragioni essenzialmente di risparmio.

Alla luce di questa instabilità di comportamenti ci si domanda quali sono i pro e i conto della scatola nera per l'assicurazione auto ovvero se conviene o no. Perché evidentemente c'è qualcosa che non convince fino in fondo. Il principio di fondo che accomuna tutte le compagnie di assicurazioni è chiaro: chi installa la scatola nera ha diritto a uno sconto sul premio Rc auto.

Viene offerta dalla società senza alcun costo e prevede, oltre alla registrazione dell'incidente, alcune facilitazioni e servizi aggiuntivi. Pensiamo ad esempio a quello antifrode sinistri e posizione del veicolo in caso di multa o a quello di ricerca veicolo in caso di furto.

In caso di mancata installazione della scatola nera e di incidente con responsabilità principale o paritaria, la compagnia applica generalmente una franchigia fissa. Vediamo quindi tutti i dettagli di questo strumento cercando di capire quali sono le ragioni della scelta e più precisamente analizziamo

  • I pro e contro scatola nera con Rc auto
  • Conviene o no scatola nera assicurazione auto

I pro e contro scatola nera con Rc auto

Il funzionamento della scatola nera non ha segreti e si capiscono facilmente quali sono i pro e i contro. Spetta poi al consumatore finale assumere la decisione finale e dunque capire se questa opzione fa al caso proprio o meno. Il principale vantaggio che deriva dall'installazione del black box è naturalmente il prezzo poiché il costo della Rc auto subisce una riduzione.

Non in maniera tale da far gridare all'ultra convenienza, ma sicuramente sufficiente per contenere le spese. Senza dimenticare che tutte le spese dei tecnici specializzati sono a carico della compagnia assicuratrice. Sicuramente da salutare con favore è anche la funzione di localizzazione.

In caso di furto bastano pochi click dal computer o pochi tap dallo smartphone per individuare la posizione. E c'è poi il pro che deriva dalla natura stessa di questo strumento e dalla sua ragion d'essere: la possibilità di ricostruire la reale dinamica degli incidenti.

Basta poco però per trasformare questi vantaggi in potenziali svantaggi. Iniziando da quest'ultimo punto, la scatola nera tiene traccia dell'esatto comportamento del conducente e basta anche lo sforamento di pochi chilometri orari di velocità (da 50 a 56, ad esempio) per collocarlo in difetto.

Insomma, in caso di una minima irregolarità al momento dell'incidente, il rimborso dell'assicuratore potrebbe saltare anche se verosimilmente l'influenza è minima o nulla. Senza dubbio la funzione di localizzazione è strategica nel caso di un furto, ma potrebbe esserlo meno in termini di privacy.

Grazie alla scatola nera è possibile conoscere tutti i nostri spostamenti con tanto di orari. Nulla da temere se non si commettono illegalità, ma è bene saperlo. E se i costi di installazione sono azzerati potrebbero non esserli quelli di disinstallazione della scatola nera e di conseguenza è consigliabile informarsi in anticipo con la propria società di assicurazione.

A tal proposito, anche in caso di danneggiamento della scatola nera, ad esempio in caso di sinistro, i costi sono a carico del proprietario del veicolo.

Conviene o no scatola nera assicurazione auto

Alla luce di questi fatti, la convenienza della scatola nera rientra tra le valutazioni personali. Se la molla principale che spinge verso l'installazione è l'applicazione di una riduzione di prezzo sulla Rc auto, è bene sapere che non esiste uno sconto comune per tutte le polizze, ma è l'agente assicurativo a stabilirlo e di conseguenza occorre valutare caso per caso.

Lo sconto è calcolato sulla base del regolamento dell'Ivass, l'autorità che vigila sulle assicurazioni in Italia, ma non c'è una quota fissa.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie