Se non voglio rinnovare polizza vita, posso disdirla anche quando è già scaduta o no secondo leggi 2021

Non appena si viene a conoscenza del decesso dell'assicurato, informare l'assicuratore che garantisce il contratto e fornire le informazioni e i documenti.

Se non voglio rinnovare polizza vita, po

Polizza vita, posso disdirla dopo la scadenza?

Nel caso in cui la disdetta della polizza vita sia successiva alla scadenza della annualità risulta tardiva. Di conseguenza si intende rinnovata e per la successiva annualità occorre prestare una nuova disdetta con una lettera raccomandata alla compagnia.

Il contratto di assicurazione sulla vita si estingue automaticamente alla morte dell'assicurato. Può anche terminare alla sua scadenza, cioè alla data di scadenza fissata al momento della sottoscrizione. L'assicurazione sulla vita è un contratto con il quale l'assicuratore si obbliga, a fronte del pagamento dei premi, a pagare una rendita o un capitale all'assicurato o ai suoi beneficiari. Può essere utilizzato come prodotto di risparmio a medio o lungo termine.

Al termine del contratto, l'assicurato o i suoi beneficiari possono recuperare le somme investite, maggiorate di eventuali plusvalenze e ridotte dei costi. Dopo aver aperto il contratto con un primo pagamento, è possibile effettuare pagamenti, regolari e non, senza limiti di importo. Approfondiamo meglio:

  • Polizza vita, posso disdirla dopo la scadenza o no

  • Risoluzione di un contratto assicurativo e termini da rispettare

Polizza vita, posso disdirla dopo la scadenza o no

Quando l'assicurato è in vita al termine del contratto, l'assicuratore deve corrispondergli il risparmio accumulato secondo i termini previsti dal contratto, vale a dire sotto forma di capitale o sotto forma di rendita. Nell'anno precedente la data di scadenza del contratto e al più tardi un mese prima di tale data, l'assicuratore deve inviare all'assicurato una specifica dichiarazione informativa che ricorda in particolare la data di fine del contratto e, se del caso, la sua tacita estensione.

Il capitale non viene più rivalutato oltre il termine, salvo diversa pattuizione contrattuale. L'assenza di rivalutazione è menzionata nell'apposito prospetto. Se l'assicurato non si è manifestato dalla scadenza del contratto, l'assicuratore gli invierà nuovamente la specifica dichiarazione un anno dopo tale termine.

I contratti di assicurazione sulla vita a tempo determinato possono includere una clausola di tacita proroga. In tal caso, salvo diversa richiesta dell'assicurato, il contratto proseguirà, alle medesime condizioni, generalmente per successivi periodi di un anno. In assenza di clausola di tacita proroga, il contratto può prevedere la possibilità per l'assicurato di prorogarlo per un periodo determinato. In caso di decesso dell'assicurato, le somme corrisposte al beneficiario del contratto non fanno parte del patrimonio del defunto.

Nel caso in cui la disdetta della polizza vita sia successiva alla scadenza della annualità risulta tardiva. Di conseguenza si intende rinnovata e per la successiva annualità occorre prestare una nuova disdetta con una lettera raccomandata alla compagnia.

Risoluzione di un contratto assicurativo e termini da rispettare

Non appena si viene a conoscenza del decesso dell'assicurato, occorre informare l'assicuratore che garantisce il contratto della polizza vita e fornire le informazioni e i documenti per identificare il contratto, per giustificare il decesso dell'assicurato nonché identità e recapiti. La risoluzione di un contratto assicurativo è da tempo fonte di conflitto tra assicuratori e assicurati. Nella stragrande maggioranza dei casi, i contratti assicurativi offerti ai privati sono conclusi per un periodo di un anno.

Salvo che l'una o l'altra delle parti lo rescinda, il contratto si rinnova automaticamente di anno in anno. Questo è il principio del tacito rinnovo. Con poche eccezioni, il contratto scadrà in linea di principio solo in caso di disdetta. Il contratto può essere rescisso alla data di scadenza principale, che generalmente corrisponde alla data anniversario di entrata in vigore del contratto. Questa data potrebbe essere diversa dalla data della firma.

Affinché una richiesta di risoluzione sia valida, deve essere rispettato un termine di preavviso prima della data di scadenza del contratto . Tuttavia, questo periodo può essere contrattualmente ridotto, ma solo a beneficio dell'assicurato. L'assicuratore non può in alcun caso riservarsi il diritto di recedere dal contratto, ad esempio con un mese di preavviso. Alcune assicurazioni possono tuttavia prevedere un periodo di preavviso di tre mesi.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il